Giugno 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il presentatore del programma mattutino Rosario Fiorello scuote la TV italiana – Varietà

Il presentatore del programma mattutino Rosario Fiorello scuote la TV italiana – Varietà

Sono le 7:30 di una soleggiata mattina di maggio a Roma, in una strada laterale fuori dagli studi della Rai. Un pubblico dal vivo dietro una recinzione metallica osserva un gruppo di suore, una con i baffi, strisciare lentamente fuori da una fila di porte bianche dell’armadio.

Hanno iniziato a ballare, abbracciarsi e ballare al ritmo di una giovane cantante pop toscana. Poi le ballerine, vestite da suore cattoliche, iniziano a giocare a basket.

Benvenuti a “Viva Rai 2!” La risposta dell’Italia all’America’s Morning Show. È un fenomeno di ascolti locali ideato e condotto dalla vulcanica superstar siciliana Rosario Fiorello, che sta dando nuova vita alla televisione italiana in un momento in cui i cinici stanno suonando la campana a morto per la televisione pubblica di tutto il mondo.

Ogni mattina nei giorni feriali, quando “Viva Rai 2!” Trasmesso su Rai 2 dell’editore, gli ascolti sono passati da uno share medio dell’1,5% – replica della serie tv degli anni ’80 “La grande valle”, che precede “Viva Rai 2!” – ad un tasso del 15%, distribuito a tutte le fasce di popolazione del Paese.

“Alle 7 del mattino pensi che i soldi siano spesi in canoni [the roughly $100 fee Italians pay to watch Rai each year] Di recente ha scritto la critica televisiva di La Repubblica Silvia Fumarola. “È un peccato che ci siano così tante ore durante il giorno in cui penseresti che vengano buttate fuori dalla finestra.”

L’amministratore delegato uscente di Ray, Carlo Fortes, ha elogiato Fiorello per aver esortato l’emittente del paese a “sfondare nuovi orizzonti ed esplorare nuovi linguaggi della televisione” con il suo “FIFA Ray 2!” A parte gli ascolti, la grande novità sta anche nella visione crossmediale.

READ  La scheda completa di ONE Friday Fights 31 è stata rivelata l'1 settembre

Fiorello inizia la sua giornata lavorativa alle 5:30, chiacchierando con i fan davanti a un espresso in un pub dall’altra parte della strada, mentre le telecamere trasmettono le loro battute su Instagram. Poi “Viva Rai 2!” va in onda in diretta su Rai 2. Ma va in onda anche su Rai Play Streamer, arriva su Rai Radio e poi va in replica in seconda serata sull’emittente ammiraglia Rai 1.

La spina dorsale di “Viva Rai 2!” Consiste in Fiorello e la sua squadra che spettegolano sulle ultime notizie, intervallate da gag e ospiti di vario stile. Di recente ha chiamato in causa il primo ministro italiano, Giorgia Meloni, inizialmente ha finto di essere un imitatore prima di rivelare che era il vero affare. Operano in uno studio di vetro, noto come “Il Glass”, accanto al teatro di strada.

Il giorno del balletto delle sorelle Felliniane, Fiorello ha poi cantato “Your Song” a Elton John mentre indossava uno smoking e divagava con la star della danza di livello mondiale Roberto Ball (come si vede nel video qui sotto). Poi il regista Gabriele Muccino – che ha realizzato due film con Will Smith (“The Pursuit of Happyness” e “Seven Pounds”) – ha raccontato un aneddoto dei giorni di gloria di Hollywood su una visita alla villa di Tom Cruise, dove ha detto che Cruise gli ha mostrato un video dalla nascita di sua figlia Suri.

Lo stesso Fiorello una volta ha avuto un assaggio di Hollywood, quando ha avuto un ruolo cameo in “The Talented Mr. Ripley” di Anthony Minghella, cantando una ballata napoletana sul palco, prima con Jude Law e poi con Matt Damon. Ma un decennio dopo, ha rifiutato un’offerta di Harvey Weinstein per interpretare un ruolo simile in “Nine”, che Weinstein ha prodotto come “Ripley”.

READ  'Mini Pompei' trovata sotto il cinema abbandonato di Verona | notizie intelligenti

Parla con Fiorello diversi Sul dare una scossa alla televisione pubblica italiana e sul perché a Hollywood non funzionerà mai.

Come sei arrivato alla forma? Sei stato ispirato dai programmi mattutini americani?

In realtà più spettacoli a tarda notte che mattutini. American Morning Show non ha numeri di street dance. Ma ovviamente Jimmy Fallon fa ogni genere di cose. Sono un suo grande fan. Prima di lui, ero un grande fan di David Letterman e Johnny Carson. Ho sempre pensato che i presentatori di American Late Show fossero i migliori. Sono molto ingegnosi! Hanno fatto cose che non potevamo nemmeno sognare. Detto questo, le cose che faccio ora, non ho mai visto niente di simile.

Perché “Viva Rai 2!” Molto bene?

Sulla televisione italiana il valore della prima serata sta diminuendo, e non è per i contenuti. È una questione di tempismo. Dopo il telegiornale, per motivi economici, ora hanno spettacoli di gioco che durano fino alle 21:30, quindi la prima serata inizia alle 21:45 e non c’è più spazio per spettacoli di varietà con grandi star come una volta. Così ho pensato: “Dove possiamo fare uno spettacolo di varietà? Possiamo farlo alle 7 del mattino?” Ma quello che succede è che i bambini ci stanno guardando, così come gli anziani. Abbiamo creato il nostro pubblico.

cortesia MN

Dici spesso che sei felice di essere una star italiana e non ti importa di Hollywood. perché?

Hai visto come le produzioni hollywoodiane usano attori italiani quando vengono a girare in Italia. Mi è stata offerta una parte come concierge d’albergo in “The Tourist” quando stavano girando a Venezia. E io ho detto: “Perché non usi il vero concierge dell’Hotel Danieli? Parla più lingue di me”.

Ti è piaciuto il tuo cameo in “Il talento di Mr. Ripley”?

Sì, è stato divertente. Ma poi quando mi è stato chiesto di interpretare un ruolo in Nine, era agosto ed ero preoccupato che mi avrebbe rovinato l’estate, sapendo quanto tempo impiegano le cose quando girano gli americani. Mi hanno mandato la sceneggiatura ed era una scena in cui Daniel Day-Lewis balla con Sophia Loren mentre lei è un’elegante cantante italiana [me] Canta “Quando Quando Quando”. Ho pensato che fosse difficile vedermi, quindi ho gentilmente rifiutato. Poi ho ricevuto una lettera da Harvey Weinstein che diceva: “Chi ti credi di essere? Non lavorerai mai più a Hollywood! “E ho pensato: “Chi se ne frega!”