Luglio 13, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il Premio Nobel per la Chimica va a Monje Boundy, Louis Bruce e Alexei Ekimov per la scoperta dei punti quantici

Il Premio Nobel per la Chimica va a Monje Boundy, Louis Bruce e Alexei Ekimov per la scoperta dei punti quantici

Il Premio Nobel per la Chimica 2023 è stato assegnato a Monge-Boundy, Louis Bruce e Alexei Ekimov per la scoperta e lo sviluppo dei “punti quantici”.

I punti quantici sono minuscole particelle, solo pochi atomi di diametro, con elettroni legati.

Già solo le loro dimensioni influiscono sul modo in cui assorbono ed emettono la luce visibile, consentendo colori molto vividi e portando al loro utilizzo in molti dispositivi elettronici, come i display a LED.

“Queste piccole particelle hanno proprietà uniche e ora diffondono la loro luce dagli schermi televisivi e dai LED. Catalizzano le reazioni chimiche e la loro luce chiara può illuminare il tessuto tumorale per il chirurgo”, ha affermato mercoledì nel suo annuncio l’Accademia reale svedese delle scienze.

L’annuncio è arrivato dopo che l’accademia sembrava aver inavvertitamente pubblicato i nomi dei tre scienziati all’inizio della giornata, quando il quotidiano svedese Aftonbladet aveva pubblicato una copia di un’e-mail che si diceva provenisse dall’accademia in cui erano stati nominati i vincitori.

Tuttavia, l’ente premiante ha fatto del suo meglio per ricordare alla gente che mancava ancora qualche ora alla decisione ufficiale, con il presidente del comitato per la chimica del Nobel, Johan Akvist, che ha dichiarato a Reuters: “È un errore dell’Accademia reale svedese delle scienze. Il nostro incontro inizia alle 12:00″. .” 09:30 CET (07:30 GMT), quindi nessuna decisione è stata ancora presa. I vincitori non sono stati scelti.”

READ  I nuovi dati sulle origini di COVID indicano cani procione in un mercato di Wuhan

La conferma della decisione sarà un sollievo per il professor Boundy, il professor Bruce e il dottor Ekimov, che lavorano rispettivamente al MIT, alla Columbia University e alla Nanotechnology Corporation.

Il professor Bawende è nato a Parigi ed è cresciuto in Francia, Tunisia e Stati Uniti.

Ha condotto ricerche post-dottorato presso i Bell Laboratories sotto la supervisione del professor Bruce, prima di unirsi al MIT nel 1990 e diventare professore ordinario nel 1996.