Luglio 2, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il Portogallo si impegna a tagliare il debito mentre gli oneri finanziari aumentano

Il ministro delle finanze portoghese ha promesso di togliere il suo paese dalla “piattaforma” delle tre economie più indebitate d’Europa per proteggere le famiglie e le imprese dall’impatto dell’aumento dei tassi di interesse.

Fernando Medina ha affermato che è necessario ridurre più rapidamente il debito pubblico del paese – il più alto nell’eurozona dopo Grecia e Italia – per evitare che l’aumento dei costi di finanziamento del governo influisca sull’economia in generale.

“Di fronte all’aumento dell’inflazione, ai chiari segnali di rallentamento nell’Europa centrale e orientale e alla prospettiva di tassi di interesse più elevati, non possiamo permetterci di introdurre un fattore di rischio aggiuntivo”, ha detto ai giornalisti stranieri.

Il debito si è impegnato a fare della riduzione del debito un “obiettivo strategico” sulla scia di un forte aumento degli spread del debito pubblico nella zona euro mentre la Banca centrale europea si prepara a introdurre aumenti dei tassi di interesse già a luglio.

In incontri separati con i media stranieri e gli economisti alla fine della scorsa settimana, Medina ha sottolineato che la riduzione del debito avrebbe un impatto positivo su banche, imprese e famiglie in un momento di incertezza globale causata dalla guerra in Ucraina e dai colli di bottiglia della catena di approvvigionamento in Cina.

Il suo obiettivo è sostenuto da Mario Centeno, governatore della Banca del Portogallo, che nella stessa conferenza degli economisti ha fatto riferimento alla previsione del Fondo monetario internazionale secondo cui il rapporto debito pubblico/PIL del Portogallo sarebbe sceso al di sotto di quello di Francia, Spagna e Belgio entro il 2025 Il percorso determinerà il successo dell’economia portoghese.

READ  I 10 più importanti sviluppi internazionali contro la corruzione per marzo 2021 - Diritto penale

Il governo non ha ancora fissato obiettivi di debito specifici quest’anno, ma il Fondo monetario internazionale prevede che il rapporto debito/PIL del Portogallo scenderà dal 127,5% nel 2021 al 104,5% entro il 2027.

Gli economisti vedono il contenimento della spesa pubblica come la sfida più grande, con Centeno che avverte che il significativo aumento delle assunzioni nel settore pubblico negli ultimi due anni non può essere attribuito tutto alla pandemia. Tuttavia, un grande afflusso di fondi per la ripresa dall’UE ridurrà significativamente il costo degli investimenti pubblici a medio termine.

Dopo i ritardi causati dalle elezioni anticipate di gennaio, il parlamento dovrebbe approvare definitivamente questa settimana il bilancio del governo per il 2022, che mira a ridurre il rapporto debito/PIL al 120,7%. Centeno ha esortato a che la riduzione del debito rimanga uno degli obiettivi dei “prossimi cinque bilanci”.

In linea con altri paesi dell’UE, il Portogallo ha visto i suoi rendimenti del debito a breve termine passare da negativi a positivi in ​​circa due mesi. “I rendimenti sono aumentati più velocemente del previsto”, ha affermato Philip Silva, chief investment officer di Banco Carregosa. A dicembre, la maggior parte degli analisti aveva previsto che ci sarebbe voluto un anno prima che agissero come avevano già fatto.

Il differenziale di rendimento dei Treasury italiani a 10 anni rispetto alla Germania, che è considerato un benchmark per il rischio economico e politico nell’Eurozona, è salito a oltre 200 punti base. Tra i paesi della zona euro gravati dal debito, ha affermato Silva, il Portogallo è riuscito a prendere le distanze dall’Italia. La sua prevalenza contro la Germania è di circa 120 punti base, che è vicina a quella della Spagna.

READ  Leonie Baldock, miliardaria mineraria di Perth, acquista il Bolthole di Sydney per 3 milioni di dollari

La rinnovata determinazione del governo socialista a perseguire la prudenza fiscale arriva dopo anni di costanti progressi nella riduzione del debito pubblico, fermati dalla pandemia.

Quando il Covid-19 ha colpito, “la montagna del debito ha ricominciato a salire”, ha detto Medina. Nel 2020, il rapporto debito/PIL ha raggiunto il massimo storico del 135,2%.

Anche le misure di austerità che il Portogallo ha subito durante la crisi del debito sovrano europeo più di un decennio fa hanno gettato una lunga ombra, rendendo la cautela fiscale una priorità assoluta per molti elettori, secondo i sondaggi, così come per i politici.

Le ambizioni di riduzione del debito di Medina sono state rafforzate da una solida ripresa dalla pandemia. La Commissione europea prevede una crescita annua del PIL del 5,8 per cento quest’anno, il tasso più alto nell’Unione europea.

Il ministro ha affermato che Lisbona è anche nel pieno rispetto delle regole del deficit e del debito del blocco ed è determinata a rimanere tale, nonostante sia sospesa per un altro anno.

“L’obiettivo è positivo, ma dovremo vedere i risultati”, ha detto Silva. “Il vero test sarà frenare la spesa pubblica”.