Agosto 18, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il popolo del Niagara ricorda i sacrifici canadesi durante la liberazione dell’Italia

Un piccolo gruppo di persone si è riunito all’Inniskillen Wines di Niagara-on-the-Lake per ascoltare la storia di un italiano che vuole assicurarsi che il sacrificio dei canadesi non venga mai dimenticato.

In una cittadina di mare in Italia nel 1943, i soldati canadesi hanno dato la vita per liberare il paese dai nazisti durante la seconda guerra mondiale.


Questa fu una delle operazioni di combattimento più difficili affrontate dalle forze canadesi: la battaglia di Ortona.


Un piccolo gruppo di persone si è riunito all’Inniskillen Wines di Niagara-on-the-Lake per ascoltare la storia di un italiano che vuole assicurarsi che il sacrificio dei canadesi non venga mai dimenticato.


“Ortona è stata la battaglia più sanguinosa, frustrante e deprimente per l’esercito canadese e sicuramente il più grande onore in battaglia”, ha detto Angela Arnone al raduno di residenti, soldati e membri della Royal Canadian Legion Branch 124.


Arnone, traduttrice professionista di Ortona, è stata invitata il 2 luglio a ricevere un premio dal sindaco Betty DiZero ea condividere la sua storia.


Nel 2021 è stato insignito della medaglia al servizio meritorio dal Governatore Generale per i suoi decenni di servizio. Ha organizzato celebrazioni, tradotto libri ed eretto targhe, monumenti e una tomba per ricordare la battaglia di Ortona.


Ha raccontato la storia della Guerra Fredda di Dicembre e di una tregua temporanea a Natale.


Il 25 dicembre, tra continui combattimenti, bombardamenti e morte, i soldati canadesi si sono riuniti per un pasto.


“Nella chiesa bombardata di Santa Maria di Costantinopoli, i membri dei Seaforth Highlanders si sono riuniti a turni a pochi isolati dai combattimenti per una cena di Natale”, si legge in un rapporto. Articolo sulla guerra su Veterans.gc.

READ  L'Italia produce 10 milioni di Spotnik V ogni mese, uno dei vaccini più anti-COVID della Russia


Due musicisti hanno suonato canti natalizi sull’organo della chiesa, “per suonare abbastanza musica per tenerli svegli e per alzare il morale in modo che possano tornare a combattere”, ha detto Arnone, 65 anni.


Per molti canadesi, la celebrazione della cena è stato uno dei loro ultimi momenti terreni. Non c’è tregua a Natale.


“Le truppe sono venute a rotazione per mangiare la loro pancetta e salsa di mele, le loro verdure miste, il loro budino di Natale, la loro barretta di cioccolato, le loro due arance e due bottiglie di birra”, ha detto Arnone.


“E poi tornarono al fronte, e molti di loro morirono subito dopo aver mangiato. Puoi vederli sepolti (al Morro River Canadian War Cemetery) e la data della morte è il 25 dicembre 1943.


Più di 500 canadesi sono morti in guerra. Nella penisola italiana sono sepolti oltre 6.000 soldati canadesi, di cui 1.375 nel Cimitero del Moro ad Ortona.


“Rispettiamo davvero ciò che (i canadesi) hanno fatto e non possiamo dimenticarlo”, ha detto Arnone.


Per il presidente della NOTL Legion, Al Hawes, è stata una rivelazione sentire quanto il popolo di Ortona sia grato ai canadesi che hanno sacrificato le loro vite sulla strada della liberazione.


“Per me è stato davvero un’apertura per gli occhi il fatto che il popolo italiano (come il resto d’Europa) si sia sentito allo stesso modo riguardo a ciò che avevano fatto i canadesi e gli alleati”, ha detto Hawes.


“Capisci che questo è di importanza globale. Tutta l’Europa deve essere liberata ed è molto importante che i soldati canadesi e tutti facciano quel lavoro.

READ  Il manoscritto di Nostradamus rubato è stato restituito alla biblioteca di Roma Italia


Arnon ha detto che è stato recentemente scoperto che alcuni dei soldati che hanno combattuto ad Ortona erano tribali. Sono state identificate almeno 12 persone.


“Così abbiamo iniziato a festeggiarli perché non ci conoscevamo da molto tempo. È molto importante che possiamo onorarli anche noi”.


Arnon ha detto che la sua città natale è come Niagara-on-the-Lake.


“È una città come NOTL, con acri e acri di vigneti e uno stile di vita decente. È un posto molto decente in cui vivere. Non è ricco, ma è decente”, ha detto.


“Abbiamo quei ragazzi e ragazze canadesi da ringraziare per questo. Non sanno che stanno salvando le nostre vite prima ancora che nasciamo, e questo è incredibilmente importante.


“Ecco perché non dimenticheremo – non ‘non possiamo’ – non dimenticheremo”.


Evan Sanders è un giornalista di un’iniziativa giornalistica locale presso The Lake Report. La Local Journalism Initiative è finanziata dal governo del Canada.