Settembre 25, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il più alto riconoscimento artistico in Giappone viene assegnato al fotografo Sebastiao Salgado

Il più alto riconoscimento artistico in Giappone viene assegnato al fotografo Sebastiao Salgado

A volte indicato come il “Premio Nobel dell’Arte”, il Praemium Imperiale è uno dei più importanti premi d’arte al mondo. Dalla sua fondazione nel 1988, è stato assegnato dalla Japan Art Association ad artisti e musicisti all’apice della loro carriera in cinque diverse categorie ogni anno, ad eccezione del 2020. Oggi sono stati annunciati i vincitori del 2021.

Quest’anno il premio per la categoria Pittura è andato al pittore brasiliano Sebastião Salgado. Nelle categorie Scultura e Architettura, l’artista americano James Turrell e l’architetto australiano Glenn Murcutt hanno portato a casa i premi.

Il premio nella categoria Musica è stato assegnato al violoncellista americano e pioniere della musica classica Yo-Yo Ma. Tuttavia, il premio di quest’anno non verrà assegnato nella categoria teatro/film, a causa dell’impatto della pandemia di coronavirus. Il Premio Giovani Artisti viene assegnato alla Scuola di Alta Formazione dell’Istituto Centrale del Restauro (ICR) in Italia, che forma restauratori d’arte.

Sebastiao Salgado: esperto di fotografia in bianco e nero

Sebastião Salgados è meglio conosciuto per i suoi ritratti in bianco e nero che si concentrano sulla vita delle persone ai margini della società; Soprattutto nei paesi in via di sviluppo.

Il suo obiettivo ha raffigurato i minatori d’oro in Brasile, scene della Seconda Guerra del Golfo e momenti della vita delle popolazioni indigene. Il fotografo ha lavorato per famose agenzie fotografiche, tra cui Gamma in Francia, così come Magnum Photos, e il suo lavoro è apparso in libri e mostre in tutto il mondo.

L’illustratore 77enne ha anche ricevuto numerosi premi nel corso della sua carriera, tra cui il Premio per la pace per il commercio librario tedesco.

READ  Dua Lipa sfila sulla passerella di Versace e Prada resiste alla normalità | stili di vita

James Turrell: straordinario artista della luce

La luce è il mezzo principale per l’artista americano di 78 anni James Turrell. Le sue opere invitano gli spettatori a riflettere sull’uso della luce e spesso immergono completamente i visitatori in installazioni di grandi dimensioni.

Per Torrell, la cui arte è anche influenzata dalla sua passione per la filosofia, la scienza e l’aviazione, la luce è la sostanza che “connette la nostra vita interiore con il mondo esterno”.

Attualmente sta lavorando al suo lavoro su larga scala “Roden Crater”, che si concentra su un vulcano spento nel nord dell’Arizona. Il completamento del progetto è previsto per il 2026.

Glenn Murcutt: pioniere dell’architettura sostenibile

Glenn Murcutt ha trascorso la sua carriera nell’architettura progettando edifici sostenibili. In linea con gli aborigeni australiani e il loro principio di “toccare delicatamente la terra”, gli edifici ecologici dell’ottantacinquenne si fondono con il paesaggio della sua terra australiana utilizzando materiali autoctoni.

Di conseguenza, gli edifici di Murcutt sono moderni, in armonia con la natura. Ora è il primo australiano a ricevere il Praemium Imperiale.

Yo Yo Ma: il collaboratore aperto

Il violoncellista americano Yo-Yo Ma è considerato uno dei musicisti più illustri del nostro tempo. Il 18 volte vincitore del Grammy Award è noto per il suo amore per le collaborazioni musicali e ha suonato con molti musicisti famosi.

Ha anche suonato numerosi brani di compositori classici contemporanei, tra cui Esa-Pekka Salonen e John Williams. L’anno scorso, ha confortato il mondo pubblicando un video musicale per un’interpretazione solista di “Goin’ Home” di Dvorak, che da allora è stato visto più di 18 milioni di volte. Quest’anno, il 65enne ha fatto una mossa sorprendente suonando “Ave Maria” nella sala d’attesa del Massachusetts Vaccination Center.

READ  Vanessa Redgrave non sarà più protagonista di Kevin Spacey Return - Movie News | Film- News.co.uk

Preservare il patrimonio artistico

Il premio Giovane Artista dell’anno è stato assegnato all’Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro (ICR), fondato nel 1939 con l’obiettivo di preservare il patrimonio culturale italiano – all’epoca minacciato dallo scoppio della seconda guerra mondiale . Due anni dopo si tenne all’ICR il primo corso di restauro in Europa.

Ogni anno sono ammessi alla Scuola di Alta Formazione del Centro 25 nuovi studenti, che lavorano durante il Master quinquennale non solo nelle sedi di Roma e Matera in Italia, ma anche su progetti in tutto il mondo.

Nel corso della sua storia, l’istituto ha prodotto 900 restauratori specializzati. Alcuni ora lavorano per istituzioni di alto profilo come il Louvre, il Rijksmuseum di Amsterdam e il Getty Research Institute di Los Angeles.

Il Praemium Imperiale si è aggiudicato 15 milioni di yen (115.000 euro). I precedenti vincitori includono la violinista Anne-Sophie Mutter, l’attrice Catherine Deneuve, il designer Issey Miyake, il regista Martin Scorsese, la coreografa Pina Bausch e il pittore Gerhard Richter.

Segui altre storie su Sito di social network Facebook e Twitter