Aprile 24, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il partito elettorale dà a Xanana Gusmao il biglietto per fare pressioni sull’Australia per il progetto del gas Sunrise

Il partito elettorale dà a Xanana Gusmao il biglietto per fare pressioni sull’Australia per il progetto del gas Sunrise

Non sono mancati i disordini negli ultimi sei anni, un periodo di crescente discordia politica a Dili, ma Gusmao ha un alleato in Ramos-Horta, che vede negli occhi le sue più grandi ambizioni. disse l’ex guerrigliero Araldo del mattino di Sydney E l’età In un’intervista pre-elettorale nella città costiera meridionale di Suai, ha detto che la sua preoccupazione immediata, se il suo partito avesse preso il governo, sarebbe stata per l’economia, che dipendeva eccessivamente dalla diminuzione delle entrate di petrolio e gas dal Mare di Timor.

Non ha fatto mistero del fatto che, in qualità di primo ministro, avrebbe spinto affinché la visione di un’eventuale lavorazione del gas da Sunrise a Timor Est diventasse realtà.

Ramos-Horta ha anche insistito sulla causa di Tasi Mane – come viene chiamato il megaprogetto proposto – durante la sua visita a Canberra lo scorso anno, suggerendo che Timor Est potrebbe rivolgersi alla Cina o ad altri investitori occidentali se il piano con il partner congiunto Sunrise non si concretizza. Woodside Energy, che detiene una quota del 33,44% nel campo, ha preferito l’elaborazione a Darwin.

Gusmao ritiene che i più ampi benefici economici derivanti dal trasporto di gas verso la costa meridionale di Timor Est potrebbero essere un punto di svolta per uno dei paesi più poveri dell’Asia e ha affermato di confidare che il governo australiano contribuirà a facilitare questo, in parte come compensazione per lo sfruttamento delle risorse in passato. .

Ma il progetto incontra grosse difficoltà, inclusi dubbi sulla sua fattibilità finanziaria e tecnica, in quanto un gasdotto sottomarino dovrebbe attraversare il bacino di Timor, una trincea profonda tre chilometri.

READ  Le idilliache isole di Tahiti nel Pacifico meridionale stanno per diventare le protagoniste

scaricamento

L’ex primo ministro vittoriano Steve Brack, che era anche un ex consigliere di Gusmao, è una figura chiave nei negoziati come rappresentante speciale del governo australiano a Greater Sunrise.

È stato a Dili in diverse occasioni dalla sua nomina alla carica alla fine dell’anno scorso, e sabato è stato uno dei tanti australiani ad essere onorato con la Medaglia Timor-Leste per i servizi resi alla nazione.

Altri beneficiari sono stati Bernard Colliery, un avvocato che ha contribuito a denunciare le intercettazioni telefoniche australiane degli uffici governativi a Timor Est durante i negoziati sul confine marittimo, e il media buyer Harold Mitchell, un sostenitore di lunga data del paese.