Novembre 27, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il nuovo approccio duro dell’Italia alla Russia

Questa è una versione audio di Breve notizia del Financial Times Puntata podcast: Il nuovo approccio duro dell’Italia alla Russia

Giovanna Kao
Buongiorno dal Financial Times. Oggi è lunedì 2 maggio, e questo è il notiziario di FT.

[MUSIC PLAYING]

I funzionari dell’UE stanno discutendo le loro sanzioni più severe contro Mosca e uno dei più grandi stati membri d’Europa non è più solidale con la Russia.

Amy Kazmin
Mosca non può più trovare scuse. È possibile che Mosca come mercato importante sia scomparsa da tempo.

Giovanna Kao
E ti parleremo della nostra campagna per gli azionisti per convincere le grandi aziende alimentari a migliorare il loro gioco in materia di salute e nutrizione. Sono Joanna Cao, con Mark Filippino, e questa è la novità che ti serve per iniziare la giornata.

[MUSIC FADES]

I ministri dell’Energia europei tengono oggi una riunione di emergenza per discutere la decisione della Russia di interrompere le forniture di gas a Bulgaria e Polonia. Ciò avviene in un momento in cui l’Unione Europea sta cercando di raggiungere un accordo tra i vari Stati membri per vietare l’energia russa. Il primo ministro ungherese ha detto che non sosterrà il divieto del gas o del petrolio russo. Ma la Germania chiede un divieto graduale del petrolio russo. La volontà di Berlino di accelerare il suo programma aumenta la possibilità di un embargo petrolifero completo dell’UE.

[MUSIC PLAYING]

Per decenni, l’Italia è stata uno dei maggiori alleati della Russia nell’Unione Europea. Anche dopo che la Russia ha invaso la Crimea nel 2014, le aziende italiane si sono opposte alle sanzioni. L’allora primo ministro Silvio Berlusconi si recò in Crimea per bere vino con Vladimir Putin. Ma la guerra in Ucraina è stata un punto di svolta. Ne ho parlato con la nostra corrispondente da Roma Amy Kazmin.

Amy Kazmin
Quindi, guarda, l’Italia è uscita dalla seconda guerra mondiale con il più grande partito comunista dell’Europa occidentale, e faceva parte dell’establishment politico che ha contribuito a scrivere la costituzione italiana. Come risultato di questo tipo di influenza comunista nella politica interna italiana, l’Italia ha avuto una sorta di riavvicinamento con l’Unione Sovietica. Poi, negli anni ’60, le aziende italiane, tra cui l’azienda energetica statale Eni, iniziarono a fare affari in Unione Sovietica. Molti imprenditori russi hanno iniziato a investire in Italia. E fondamentalmente c’era un legame forte. Poi arriva Silvio Berlusconi, che vede l’Italia come una sorta di ponte tra la Russia e l’Occidente e sta cercando di aiutare Vladimir Putin e la Russia a uscire dal freddo. L’Italia, per il suo tipo di stretta associazione e livello di profondo conforto con la Russia, è sempre stata vista come solidale con il punto di vista di Mosca, forse più comprensiva di altre nazioni.

READ  Il Gourmet Cafe festeggia il suo 15° anniversario

Giovanna Kao
E anche dopo l’invasione della Crimea da parte di Putin, Berlusconi lo ha comunque sostenuto. Quindi cosa è cambiato ora?

Amy Kazmin
L’invasione russa dell’Ucraina è stata un enorme shock per l’Italia. Abbiamo anche il fatto che il presidente del Consiglio è Mario Draghi, ex capo della banca centrale della Banca centrale europea. E ha un approccio molto diverso. È molto impegnato in una sorta di multilateralismo, le istituzioni europee, sai, le relazioni transatlantiche con l’America. In effetti era davvero all’avanguardia e lo denunciò con veemenza come un attacco all’intero sistema multilaterale del secondo dopoguerra. E guarda questa invasione come penso, davvero, davvero spaventosa, come se fosse moralmente spaventosa.

Giovanna Kao
E l’opinione pubblica? Anche quello è cambiato?

Amy Kazmin
Penso che l’opinione pubblica sia, ovviamente, completamente inorridita dal tipo di brutalità e danno che viene fatto. Ci sono persone molto forti nei legami delle persone in Italia. Circa 236.000 ucraini risiedono in Italia. Svolgono un ruolo importante nell’economia. Molti lavoratori migranti in Italia sono donne di mezza età che sono fortemente coinvolte nella cura della popolazione anziana italiana. Molte famiglie italiane in realtà hanno legami personali molto forti con l’Ucraina attraverso questi custodi e operatori sanitari, e ovviamente sarai molto comprensivo per ciò che sta accadendo. Molti, moltissimi rifugiati ucraini sono arrivati ​​in Italia attraverso questi collegamenti. Sono tanti gli italiani che accolgono nelle loro case i profughi ucraini. E Draghi era anche molto forte riguardo al tipo di accogliere ed enfatizzare gli ucraini come una parte molto, molto importante, sai, della popolazione italiana e della comunità qui.

READ  "Bolt" salta nel business del negozio oscuro; E i concorrenti nel Regno Unito e nell'UE?

Giovanna Kao
Quindi, EMI, più in generale, quanto è importante l’allontanamento dell’Italia dalla Russia e cosa significa questo per la risposta dell’UE alla guerra?

Amy Kazmin
Quindi, a questo punto, la posizione più rigida dell’Italia rende più facile per l’UE agire in modo più rapido, assertivo e coerente. Ovviamente non c’è coerenza totale perché c’è l’Ungheria, che è molto vicina a Putin e alla Russia. Ma ora l’Italia è in qualche modo al centro dell’opinione pubblica europea principale piuttosto che il tipo di outsider che ha sostenuto la causa di Mosca. Quindi penso che ci sia un impegno politico molto forte per ridurre la dipendenza dell’Italia dalla Russia e dall’energia russa. E penso che la comunità imprenditoriale veda la scritta sul muro che ora ci sarà una disintegrazione di questa relazione vecchia di decenni.

Giovanna Kao
Amy Kazmin è la corrispondente da Roma del Financial Times. Grazie, Amy.

Amy Kazmin
Molte grazie.

[MUSIC PLAYING]

Giovanna Kao
Di recente, un gruppo di investitori ha spinto Unilever a pubblicare i risultati nutrizionali dei suoi alimenti utilizzando metriche esterne. È stata un’enorme vittoria per l’azienda, nota per il gelato Ben e Jerry’s, la maionese Hellmann e il tè Lipton, tra gli altri prodotti. I contributori sono coordinati da un’organizzazione senza scopo di lucro chiamata ShareAction.

Judith Evans
Includono alcuni dei principali attori, la gestione degli investimenti statutaria e pubblica, che è il più grande gestore patrimoniale del Regno Unito; BMO Global Asset Management, che è il braccio finanziario della canadese BMO e di molte altre società.

Giovanna Kao
Sono Judith Evans, corrispondente del settore dei consumatori del Financial Times. Dice che il gruppo sta ora prendendo di mira altre multinazionali alimentari come Nestlé e Kraft Heinz.

Judith Evans
Quindi questo problema è in circolazione, in qualche modo ribollente da molti anni con l’aumento dei tassi di obesità. Ma gran parte del cosiddetto focus su ESG è stato comprensibilmente sul clima. Tuttavia, c’è una nuova attenzione sull’obesità e sulla salute dopo il Covid-19, che sta colpendo le persone obese e le persone con condizioni come il diabete peggio della media. Di recente anche i governi sono diventati più coinvolti in questo, adottando misure come tasse sulle bevande analcoliche e iniziative per promuovere l’attività fisica e stili di vita sani.

READ  Britannici? voglio | Financial Times

Giovanna Kao
Ma Judith afferma che le aziende alimentari devono affrontare un difficile equilibrio.

Judith Evans
Ovviamente non possono uscire e dire: Oh, siamo d’accordo con l’obesità. In effetti, molte aziende hanno già riformulato i loro alimenti. C’è stata una campagna nel Regno Unito per rimuovere il sale dal pane nei primi anni 2000, che si dice abbia salvato molte vite. Ma d’altra parte, le aziende non vogliono perdere il loro vantaggio competitivo rendendo i loro prodotti non abbastanza gustosi. E inoltre non vogliono uscire e dire, Oh, sì, ora che l’hai menzionato, i nostri cibi sono in realtà totalmente malsani. Quindi ci sono molte pressioni su queste aziende da diverse direzioni.

Giovanna Kao
Sono Judith Evans, corrispondente delle industrie di consumo per il Financial Times.

[MUSIC PLAYING]

Prima di andare, i produttori di acciaio stanno cercando di ridurre la loro impronta di carbonio. Una delle più grandi aziende del settore afferma di aver raggiunto un traguardo. ArcelorMittal afferma che gli ingegneri di uno dei suoi siti industriali in Canada hanno testato con successo l’uso dell’idrogeno verde per ridurre il minerale di ferro. Questo fa parte del processo di produzione dell’acciaio che richiede un’elevata densità di carbonio. La società afferma di essere stata in grado di sostituire il 7% del gas naturale normalmente utilizzato con idrogeno ricavato da fonti di energia rinnovabile. La società ha affermato che l’espansione rimane una sfida così come la quantità di idrogeno necessaria per decarbonizzare.

[MUSIC PLAYING]

Puoi leggere di più su tutte queste storie su FT.com. Questo era il tuo feed quotidiano di notizie FT. Assicurati di controllare domani per le ultime notizie di affari.

Questo testo è stato generato automaticamente. Se per caso qualcosa va storto, inviare i dettagli per la correzione a: errore di battitura@ft.com. Faremo del nostro meglio per effettuare la regolazione il prima possibile.