Gennaio 23, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il numero di casi interni di COVID in Cina è salito a un massimo di 21 mesi, guidato dall’epidemia della malattia di Xi’an

La Cina ha registrato il più alto aumento giornaliero dei casi interni di COVID-19 in 21 mesi poiché le infezioni sono raddoppiate nella città di Xi’an, l’ultimo punto caldo del paese.

La città di 13 milioni, che è entrata nel suo quarto giorno di blocco, sabato ha rilevato 155 casi trasmessi localmente con sintomi confermati, rispetto ai 75 del giorno prima, secondo i dati ufficiali.

Ciò ha portato il conteggio quotidiano nazionale a 158, il numero più alto da quando la Cina è riuscita a contenere l’epidemia a livello nazionale all’inizio del 2020.

La città di Xi’an, che ha registrato 485 casi asintomatici locali segnalati dal 9 al 25 dicembre, ha imposto misure rigorose per arginare l’epidemia, in linea con la politica di Pechino secondo cui qualsiasi epidemia dovrebbe essere contenuta il prima possibile.

I residenti non possono lasciare la città senza il consenso dei loro datori di lavoro o delle autorità locali e sono stati condotti più cicli di test di gruppo per identificare i casi.

La città non ha segnalato alcuna infezione causata dalla variante Omicron, sebbene le autorità cinesi abbiano segnalato un piccolo numero di infezioni Omicron tra i viaggiatori internazionali e nel sud della Cina.

Compresi i casi importati, la Cina continentale ha confermato 206 nuovi casi il 25 dicembre, rispetto ai 140 del giorno prima.

Non sono stati segnalati nuovi decessi, portando il bilancio delle vittime cumulativo a 4.636.

La Cina continentale aveva 101.077 casi confermati al 25 dicembre.

Reuters/ABC

READ  La nave portacontainer Ever Geffen viene liberata dal Canale di Suez dopo un accordo di compensazione compensation