Settembre 24, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il nascondiglio delle ossa del Regno dell’Arabia Saudita riempiva i resti di uomini e animali

Gli archeologi hanno scoperto centinaia di migliaia di ossa in un’orribile grotta sotterranea in Arabia Saudita.

I resti appartengono ad almeno 14 diverse specie di animali, tra cui bovini, cavalli, cammelli e roditori, oltre agli umani.

In un recente documento di ricerca, il team dietro la scoperta ha suggerito che le ossa siano state trasportate dalle iene negli ultimi 7.000 anni.

La grotta, chiamata Umm Jarsan, è un sistema a zig-zag di tubi di lava, cilindri cavi di roccia lasciati dall’antica attività vulcanica.

Si trova sotto i campi vulcanici di Harat Khaybar e si estende per 1,5 chilometri, rendendolo il tubo di lava più lungo dell’Arabia.

Gli scienziati hanno esaminato il vasto sistema di canali per più di un decennio e durante la spedizione più recente hanno analizzato molte delle ossa trovate lì.

“Questo tubo di lava è pieno di centinaia di migliaia di resti di animali splendidamente conservati”, ha scritto su Twitter l’autore dello studio, il dottor Matthew Stewart, del Max Planck Institute for Chemical Ecology in Germania.

Per scoprire esattamente come l’osso è arrivato lì, il dottor Stewart e i suoi colleghi hanno analizzato la posizione e la frequenza dei tagli e dei graffi sull’osso.

Hanno concluso che le ossa di Umm Jurasan sono state portate dalla iena striata, un tipo di iena originaria del Medio Oriente.

Si dice che siano avidi collezionisti di ossa, che li trasportano nelle loro tane per essere mangiati, nutriti con i giovani o conservati per un uso successivo.

Nella grotta sono stati trovati anche i resti scheletrici di una iena striata, insieme alle sue feci fossilizzate, dando credito alla nuova teoria.

READ  Nazisti e volontari usano Gotye e MGMT per eludere i robot TikTok, afferma il rapporto

Nel 2013, i ricercatori che lavorano a Umm Jarsan hanno riferito di aver sentito rumori di brontolio, indicando che il deposito di ossa potrebbe essere ancora in uso.

Il dottor Stewart ha affermato che le ossa delle caverne sono straordinariamente ben conservate, offrendo una visione unica della biodiversità dell’area per diversi millenni.

Ha twittato: “I materiali si sono accumulati a Umm Jarasan negli ultimi 7000 anni, il che indica le condizioni eccellenti per preservare le ossa all’interno del tubo di lava.

“In un’area in cui la conservazione delle ossa è così scarsa, siti come Umm Jerashan forniscono una nuova entusiasmante risorsa”.

La ricerca è stata pubblicata in Scienze archeologiche e antropologiche.

Questo articolo è apparso originariamente il Sole È stato ripubblicato con il permesso