Luglio 3, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il Museo d’Arte Orientale propone una mostra in collaborazione con il Museo del Bihar

Il Museo delle Arti Orientali di Torino (Italia) ha proposto il Museo del Bihar per una mostra in collaborazione con la capitale dello stato.

Situato nella storica sede del XVIII secolo di Palazzo Massoni a Torino, in Italia, il museo ospita sculture in stile Gander, opere d’arte buddista tantrica, manoscritti, arte asiatica e oggetti d’antiquariato, inclusi manoscritti. Subcontinente indiano. Vuole presentare alcune di queste opere in città.

David Quadrio, sovrintendente del Museo delle Arti Orientali in Italia, è arrivato venerdì in città per discutere della questione con i funzionari del Museo del Bihar. Ha anche presentato una presentazione PowerPoint sulla collezione di opere d’arte asiatiche al Museo Italiano.

Anjani Kumar Singh, funzionario nodale del Museo del Bihar e presidente del comitato consultivo, ha affermato che sarebbe meglio ospitare la mostra insieme al Museo delle arti orientali. “Omicron, la nuova variante del Covit-19 e quando gli aerei internazionali riprenderanno le operazioni nel nostro Paese, lo vogliono in futuro”, ha affermato.

Il museo torinese ospita più di 2.200 reperti provenienti da paesi come India, Afghanistan, Pakistan, Birmania, Nepal, Tibet, Thailandia, Vietnam, Cambogia e Cina. Questi sono divisi in cinque sezioni.

“La sezione dedicata all’India comprende opere d’arte ispirate all’induismo e al buddismo provenienti dal Kashmir, dall’India e dal Pakistan orientale. Pietre, bronzi, ceramiche e dipinti in cotone coprono il periodo dal II al XIX secolo a.C.”, ha affermato.

La sezione d’arte indiana mette in mostra l’età dei costumi, l’arte Kushan, Gupta e le forme d’arte indiane medievali. Singh ha affermato che l’opera d’arte è esposta in sezioni tematiche al Museo italiano.

Deepak Anand, direttore aggiuntivo, Museo del Bihar, ha affermato che la mostra, proposta dal Museo orientale, fornirà alla gente di Patna l’opportunità di preservare opere d’arte di origine indiana al Museo italiano. “Non è possibile per molti appassionati d’arte qui andare in Italia per vederli al Museo di Torino, ma la mostra porterà quelle opere d’arte alle loro porte”, ha detto. I funzionari hanno affermato che la presentazione PowerPoint su quelle collezioni al Museo del Bihar è stata molto interessante e la mostra proposta dal Museo delle arti orientali sarebbe altrettanto impressionante.

READ  La filiale italiana di Seigen riceve 7,15 milioni di appalti pubblici per i test diagnostici COVID-19, la più grande gara d'appalto nella storia