Agosto 10, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il ministro italiano avverte della crisi di fine inverno se la Russia interromperà il gas

Il Ministro italiano per la trasformazione ambientale Roberto Cingolani parla durante la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP26), a Glasgow, Scozia, Gran Bretagna, 5 novembre 2021. REUTERS/Phil Noble

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

ROMA/MILANO (Reuters) – L’Italia ha forniture di gas sufficienti per evitare una crisi di approvvigionamento fino alla fine del prossimo inverno se la Russia chiuderà i rubinetti. Lo ha detto mercoledì il ministro per la Transizione ambientale Roberto Cingolani, aggiungendo di non aspettarselo. Legalizzazione su larga scala.

L’Italia ha costruito unità di stoccaggio durante l’estate e spera di riempire le strutture al 90% o più entro la fine dell’anno o prima. Sanam (SRG.MI), che gestisce la maggior parte della capacità di stoccaggio del gas in Italia, ha dichiarato che i depositi erano pieni al 71% al 25 luglio.

Cingolani ha affermato che gli sforzi per creare riserve significavano che l’Italia avrebbe rifornimenti fino a febbraio anche se la Russia avesse chiuso i rubinetti all’inizio dell’inverno.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“In caso di deterioramento delle altre forniture di gas, possiamo elaborare un piano di risparmio più rigoroso, ma per ora la sicurezza energetica è garantita”, ha detto Singolani in conferenza stampa.

Al suo messaggio ha fatto eco Stefano Venier, amministratore delegato di Sanam.

“Non sto dicendo che il Paese non avrà alcun problema… ma non vedo rischi per l’Italia a meno che le forniture di gas russe non scendano a zero e gennaio sia molto freddo”, ha detto Vinier in una teleconferenza dopo l’annuncio della società i suoi risultati finanziari. . Leggi di più

READ  Capri, l'isola blu d'Italia, sta emergendo dalla pandemia del blues

L’Italia sta chiudendo una serie di accordi per ridurre la sua dipendenza dal gas russo e l’Algeria è ora la principale fonte delle sue importazioni.

Nel tentativo di aumentare il risparmio di gas, il governo ha affermato che mirerà a ridurre di un grado il riscaldamento negli edifici residenziali pubblici e privati ​​nella seconda metà del 2022, riducendo al contempo il tempo di riscaldamento di un’ora al giorno.

Il governo ha affermato che prevede di ridurre il consumo nazionale di gas di 2,6 miliardi di metri cubi nel 2022 e che questo importo dovrebbe salire a quasi 11 entro il 2025.

La Russia ha consegnato meno gas all’Europa mercoledì in un’ulteriore escalation per contrastare la crisi energetica tra Mosca e l’Unione Europea, che renderà difficile per l’Unione Europea riempire le scorte prima dell’inverno.

Martedì, i paesi dell’Unione Europea hanno concordato un piano di emergenza debole per frenare la domanda di gas. La Germania, la più grande economia europea e il più grande importatore di gas russo, è stata particolarmente colpita dai tagli all’offerta.

Alla domanda sui possibili sforzi per proteggere il gas tedesco, Cingolani ha affermato che ciò richiederebbe un’ampia cooperazione da parte dei partner europei.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Reportage di Angelo Amanti e Giuseppe Fonti a Roma e Francesca Landini a Milano; Scrittura di Keith Weir. Montaggio di Agnieszka Flack e David Holmes

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.