Novembre 28, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il ministro degli Esteri australiano incontra l’ambasciatore francese nel tentativo di sanare la spaccatura sottomarina | Oks

Il ministro degli Esteri australiano incontrerà l’ambasciatore francese la prossima settimana nel tentativo di sanare la devastante frattura diplomatica sui sottomarini, mentre si rammarica “della profonda delusione che il Francia Sentire “.

Mentre il governo spera di iniziare a riparare il rapporto con la Francia, i funzionari australiani hanno anche condiviso i dettagli della controversia con essa Indonesia Sul nuovo piano per acquisire almeno otto sottomarini a propulsione nucleare.

Il Dipartimento degli affari esteri e del commercio australiano ha rivelato di non essere a conoscenza del fatto che un funzionario indonesiano avrebbe annunciato pubblicamente la sua intenzione di colmare una “scappatoia” nel Trattato di non proliferazione nucleare, prima Intervista al giornale la scorsa settimana.

I funzionari australiani hanno detto giovedì a un’audizione di una giuria di aver risposto “chiarendo” la posizione dell’Australia “in modo molto dettagliato” e “sottolineando fortemente” che Oks La proposta sarebbe coerente con il trattato.

Primo ministro, Scott MorrisonSi prevede che affronterà le preoccupazioni durante un incontro programmato con il presidente indonesiano Joko Widodo a margine del vertice del G20 a Roma questo fine settimana, prima di recarsi a Glasgow per la conferenza sul clima.

Il presidente francese, Emmanuel Macron, sarà al G-20: è la prima volta che Morrison vede il leader francese da quando è scoppiato il furore diplomatico quando l’Australia è improvvisamente implosa. Annullato un piano da 90 miliardi di dollari per i sottomarini di progettazione francese. Al momento non è previsto un incontro bilaterale con il presidente francese.

Il governo francese ha affermato di essere stato “tradito”, “pugnalato alle spalle” e “ingannato” dai negoziati dell’Australia sui nuovi piani sottomarini con gli Stati Uniti e il Regno Unito e ha temporaneamente richiamato due ambasciatori.

ministro degli Esteri australiano, Mary’s PineGiovedì le è stato chiesto se si fosse pentita di qualche aspetto della sua gestione della questione. “Sono certamente dispiaciuto per la profonda delusione della Francia”, ha detto Payne al Senato, che ha apprezzato l’audizione.

Payne ha detto che l’ambasciatore francese Jean-Pierre Thibault è tornato a Canberra e uscirà dalla quarantena questo fine settimana.

“Lo incontrerò io stessa lunedì – fa parte del processo per affrontare queste preoccupazioni”, ha detto.

Payne ha detto di aver anche chiesto una telefonata al ministro degli Esteri francese circa due settimane fa, ma “stiamo aspettando una risposta”.

Payne ha affermato di aver “sentito ciò che il governo francese aveva da dire in due lingue”, ma ha respinto l’idea che la Francia avrebbe potuto ricevere un avviso prima del 15 settembre, ore prima dell’annuncio ufficiale dell’Aukus.

Payne ha affermato che le decisioni erano “relative alle questioni più delicate al centro della nostra strategia di difesa sovrana”.

“Il giudizio del governo è stato che quella sensibilità ha impedito uno scambio di informazioni significativamente più ampio prima dell’annuncio”, ha affermato.

Il ministro ha rifiutato di commentare direttamente un resoconto dei media secondo cui gli aiutanti dell’amministrazione Biden hanno ammesso “che avevano sbagliato a lasciare agli australiani il compito di dire ai francesi che stavano uccidendo il loro accordo sui sottomarini”.

Axios segnalato il 6 ottobre: “Gli australiani hanno detto agli americani a giugno che avevano detto loro tutto, ma hanno detto alla Francia che stavano staccando la spina, sia per iscritto che nei colloqui diretti tra Macron e il primo ministro australiano Scott Morrison, secondo due fonti che conoscono le conferme”.

“Questo rapporto è solo un altro articolo, senatore… Non commento molti articoli casuali nei media”, ha detto Payne.

La presidente del Senato laburista, Penny Wong, ha detto al ministro: “Penso che la cosa potenzialmente rischiosa per il rapporto [with France] Non solo il fatto che l’abbiamo fatto, ma come si sentono l’abbiamo fatto. Si sentono ingannati, e questo è abbastanza chiaro dalle dichiarazioni pubbliche”.

Payne ha risposto: “E come ho detto, lavoreremo su tutti questi problemi e tutti questi passaggi”.

Nel sud-est asiatico, l’Indonesia e la Malesia sono state le più esplicite nel dare voce alle preoccupazioni sui piani australiani per i sottomarini a propulsione nucleare, inclusa la possibilità di contribuire a una corsa agli armamenti regionale.

Payne ha anche affermato che è “sfortunato” e “inutile” che elementi dei piani di Aukus siano trapelati e riportati prima dell’annuncio pubblico dell’accordo con il Regno Unito e gli Stati Uniti la mattina del 16 settembre.

Wong ha fatto pressione su Payne per confermare di aver parlato per la prima volta con il ministro degli esteri indonesiano, Retno Marsudi, per telefono intorno alle 23:00 AEST del 15 settembre, dopo che i primi rapporti hanno iniziato a essere pubblicati.

Payne ha detto che il suo ufficio avrebbe controllato gli orari australiani, ma che lei e la sua controparte indonesiana avevano viaggiato negli Stati Uniti e questa era la prima opportunità.

I funzionari di Dfat hanno affermato che i piani di comunicazione che hanno preparato per il governo si basano sui tempi dell’annuncio ufficiale.

L’Australia prevede di chiamare Indonesia, Nuova Zelanda, Corea del Sud, India, Francia, Canada e Giappone prima dell’annuncio pubblico. In questa lista c’era anche il capo dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica.

Parlando con i leader dell’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico (ASEAN) mercoledì in un vertice virtuale, Morrison ha assicurato loro che il piano Aukus “non cambia l’impegno profondo e di lunga data dell’Australia per la non proliferazione”.

I leader hanno espresso le loro “punti di vista” sulle “implicazioni per la regione”, secondo una dichiarazione ufficiale rilasciata dall’ASEAN.

Nonostante le preoccupazioni di alcuni paesi sul piano sottomarino, i leader dell’ASEAN hanno concordato mercoledì di elevare le relazioni del gruppo regionale con l’Australia allo status di “partnership strategica globale”.

Justin Heyhurst, vice segretario di Stato di Dfat, giovedì ha espresso preoccupazione per l’aumento delle tensioni nello stretto di Taiwan, inclusa la Cina. Incursione nell’area di identificazione della difesa aerea di Taiwan.

“Riteniamo che il rischio di un qualche tipo di errore di calcolo sia maggiore rispetto a prima”, ha affermato Heyhurst.

Ha affermato che l’Australia ha comunicato queste preoccupazioni direttamente ai rappresentanti del governo cinese a Canberra e Pechino, includendo l’opinione che “un conflitto di qualsiasi tipo attraverso lo stretto sarebbe un disastro per la sicurezza regionale”.

READ  Aggiornamento Covid della Nuova Zelanda: nuovi casi fuori Auckland potrebbero ritardare l'allentamento del blocco | Nuova Zelanda