Aprile 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il ministro degli Esteri afferma che la Belt and Road non ha prodotto i risultati attesi per l’Italia

Il ministro degli Esteri afferma che la Belt and Road non ha prodotto i risultati attesi per l’Italia

Roma

Il commercio tra Cina e Italia non è migliorato come previsto da quando Roma ha aderito all’iniziativa Belt and Road, sponsorizzata dalla Cina, nel 2019, ha detto sabato il ministro degli Esteri italiano.

“Se lo analizziamo, non porta i risultati che ci aspettavamo”, ha detto Antonio Tajani all’annuale Forum economico internazionale presso la European House – Ambrosetti a Cernobbio, nel nord Italia, prima di partire sabato pomeriggio per la Cina per tre giorni. Lavoro diplomatico.

Ha affermato che i dati commerciali dello scorso anno tra i due paesi erano inferiori a quelli tra Cina e Francia e Cina e Germania.

L’Italia ha firmato l’accordo con la Cina, il primo grande paese occidentale a farlo, nonostante le obiezioni di alleati come gli Stati Uniti e l’Unione Europea.

In base all’accordo, i due paesi hanno deciso di stipulare accordi commerciali e realizzare progetti infrastrutturali finanziati congiuntamente in una serie di settori, dall’energia e trasporti all’industria e alla finanza.

“Il Parlamento deve valutare e decidere se rinnovare o meno la nostra partecipazione a questo progetto”, ha detto Tajani.

L’accordo tra Cina e Italia scade a marzo del prossimo anno e l’Italia ha tempo fino a dicembre per recedervi formalmente, altrimenti la partnership verrà prolungata di cinque anni.

Il massimo diplomatico ha anche affermato che il Paese dovrebbe compiere progressi nella privatizzazione dei beni di proprietà statale e delle società controllate dal governo, o almeno di parti di esse.

In particolare, Roma dovrebbe accelerare la dismissione della sua quota di maggioranza in Banca Monte dei Paschi di Siena. La banca toscana, in difficoltà, è stata nazionalizzata nel 2017 dopo che non era riuscita a trovare abbastanza capitale privato per rimanere a galla. Il governo italiano detiene ancora una quota del 64% nella banca.

READ  Gli piacerebbe - l'ex nazionale italiano Antonio Conte è di nuovo in tribunale alla Juventus

“Il governo non dovrebbe diventare una banca, quindi è giusto procedere (con la vendita)”, ha detto. “Per me, prima è, meglio è.”

Tuttavia, non è facile per il governo trovare un acquirente per il creditore. Due anni fa, mesi di negoziati tra il governo e UniCredit, la seconda banca più grande d’Italia, si sono interrotti. Altre banche italiane hanno continuato a non mostrare interesse ad acquistare la partecipazione di Roma nella Banca Monte dei Passi di Siena.

Tajani ha chiesto una riforma delle regole dell’UE che renderebbe le aziende europee più competitive a livello globale.

“L’Europa non deve solo essere un grande mercato, ma deve anche avere la capacità di competere a livello industriale”, ha affermato. “Abbiamo bisogno di una vera politica industriale dell’UE che consenta (alle aziende europee) di competere a livello globale, altrimenti le norme dell’UE soffocheranno le aziende europee a livello globale.”

Il sito web dell’Agenzia Anadolu contiene solo una parte delle notizie fornite agli abbonati dell’AA News Broadcasting System (HAS). Contattaci per le opzioni di abbonamento.