Luglio 7, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il Ministero della Salute approva i booster COVID per tutti gli israeliani sopra i 40

Il ministero della Sanità ha annunciato venerdì che il suo direttore generale, Nachman Ashe, ha accettato di somministrare ripetitori del vaccino COVID-19 a tutti gli israeliani di età superiore ai 40 anni. La decisione è arrivata dopo che un comitato consultivo del governo di esperti sanitari ha formulato la raccomandazione giovedì sera.

Anche prima che la decisione del ministero fosse annunciata, le cliniche stavano già invitando tutte le persone della fascia di età pertinente a fissare appuntamenti per il terzo colpo, poiché ci si aspettava che Ash fosse d’accordo in viaggio.

Lo scatto era precedentemente disponibile per le persone di età superiore ai 50 anni.

Ora è idoneo anche per qualsiasi età superiore ai 18 anni, donne incinte, insegnanti, operatori sanitari, dipendenti in case di cura e programmi di assistenza, detenuti, guardie carcerarie e gruppi ad alto rischio, inclusi individui in sovrappeso o diabetici.

Solo coloro che hanno ricevuto la seconda dose del vaccino almeno cinque mesi fa possono ricevere il vaccino.

Israele è il primo paese al mondo a offrire un terzo vaccino a un segmento così ampio della sua popolazione, poiché cerca di combattere il tipo delta altamente contagioso del coronavirus.

Anche il primo ministro Naftali Bennett, 49 anni, non ha aspettato l’approvazione di Asch, poiché il suo ufficio ha annunciato giovedì sera che sarebbe stato vaccinato la mattina successiva.

“Chiedo a tutti coloro che soddisfano i criteri stabiliti dal comitato di farsi vaccinare”, ha detto Bennett in una nota. Assumersi la responsabilità della salute e dei mezzi di sussistenza di tutti noi. Non è il momento di giocare d’azzardo con la vita”.

Il programma ha già visto più di 1 milione di persone di età superiore ai 50 anni, gli immunocompromessi e gli operatori sanitari ricevere una terza dose del vaccino.

A titolo illustrativo: gli insegnanti puliscono un’aula in un asilo nido a Modi’in, 7 maggio 2020 (Yossi Zeliger/Flash90)

Il sito di notizie Walla ha riferito che alcune cliniche hanno già iniziato a vaccinare durante la notte le persone di età compresa tra 40 e 49 anni.

READ  All'inizio storico, la navicella spaziale della NASA monitora ciò che si trova sotto la superficie di Marte

“Appena ho saputo che sarebbero state aperte le vaccinazioni per i 40enni e oltre, sono andato alla clinica Meuhedet senza appuntamento e ho sperato per il meglio, e infatti hanno accettato di farmi il vaccino subito”, Lior Sion , ha detto al sito un uomo di Ramat Hasharon, 44 anni.

Il gruppo di esperti ha valutato di estendere la copertura dei richiami a tutti coloro che hanno ricevuto due dosi del vaccino, di qualsiasi età. Tuttavia, questa proposta alla fine non è stata approvata.

Il sito di notizie Ynet ha riferito che Ash rimane contrario all’estensione delle vaccinazioni all’intero gruppo di individui che sono già stati vaccinati.

Il Direttore Generale del Ministero della Salute Nachman Asch parla nel suo ufficio a Gerusalemme, 13 luglio 2021 (Flash90)

La speculazione che il programma verrà ampliato in modo significativo si è intensificata da quando i funzionari sanitari statunitensi hanno annunciato mercoledì che una terza dose sarà offerta a chiunque abbia più di 18 anni a partire dal 20 settembre.

Il mese scorso, Israele è diventato il primo paese al mondo a iniziare a offrire dosi di richiamo alle persone con più di 60 anni e la scorsa settimana ha ampliato l’ammissibilità per includere le persone con più di 50 anni.

Secondo i dati del ministero della Salute di giovedì, 1260736 israeliani hanno ricevuto finora la terza dose.

Israele ha visto un forte aumento del numero di casi nelle ultime settimane a causa della variante delta. Mercoledì sono stati segnalati più di 7.900 nuovi casi e 599 persone sono state ricoverate in gravi condizioni. Un totale di 6.752 persone sono morte a causa del virus dall’inizio dell’epidemia lo scorso anno.

READ  Ora che la Cina è atterrata su Marte, qual è il prossimo passo per la missione?

I funzionari sanitari si aspettano che i numeri aumentino ulteriormente e hanno avvertito il governo che ai ritmi attuali, durante il mese di settembre, il numero di pazienti che necessitano di cure ospedaliere raggiungerà i 5.000, metà dei quali in gravi condizioni.

Channel 12 ha riferito giovedì sera che i funzionari del comitato del governo israeliano hanno stimato che senza un terzo colpo, circa 100 persone vaccinate di età compresa tra 40 e 49 anni soffrirebbero di una grave malattia da COVID nei prossimi 30 giorni.

Il personale medico riceve la terza dose del vaccino COVID-19 a Gerusalemme, 17 agosto 2021 (Olivier Fitoussi/Flash90)

Secondo gli esperti del panel sanitario citati dalla rete, quelli vaccinati con una dose di richiamo hanno da sei a otto volte meno probabilità di sviluppare un caso grave della malattia e quattro volte meno probabilità di essere infettati, rispetto a coloro che hanno ricevuto due dosi.

Gli esperti ritengono inoltre sempre più che la variante Delta non sia particolarmente in grado di aggirare il vaccino Pfizer utilizzato in Israele, ma piuttosto che sia l’effetto calante delle vaccinazioni precedenti a far ammalare le persone vaccinate, secondo l’ex direttore generale del ministero della Salute. Gaby Barbash.

Ha detto a Channel 12 che la capacità del booster di proteggere ancora una volta gran parte della popolazione da Delta ne è la prova.

Il governo di Bennett ha resistito alle richieste di restrizioni o blocchi più severi per ridurre i tassi di infezione, insistendo sul fatto che il danno sociale ed economico risultante sarebbe troppo grande. L’amministrazione ha promosso i vaccini come un modo sano per contrastare la diffusione del virus.

READ  Pizza azzima che lievita in Italia: scatti

Crisi climatica e giornalismo responsabile

In qualità di corrispondente ambientale per The Times of Israel, cerco di trasmettere i fatti e la scienza alla base del cambiamento climatico e del degrado ambientale, di spiegare – e criticare – le politiche ufficiali che influenzano il nostro futuro e di descrivere le tecnologie israeliane che possono far parte della soluzione .

Sono appassionato del mondo naturale e sono scoraggiato dalla triste mancanza di consapevolezza delle questioni ambientali che mostra la maggior parte del pubblico e dei politici in Israele.

Sono orgoglioso di fare la mia parte per informare adeguatamente i lettori di Times of Israel su questo argomento vitale, che può influenzare il cambiamento delle politiche e che può effettivamente accadere.

Il tuo supporto attraverso l’adesione a La comunità di Times of IsraelPossiamo continuare il nostro importante lavoro. Vuoi entrare a far parte della nostra community oggi?

Grazie,

Sue Surkisgiornalista ambientale

Unisciti alla community di Times of Israel

Unisciti alla nostra community

sei già un membro? Accedi per non vederlo più

sei serio lo apprezziamo!

Ecco perché veniamo a lavorare ogni giorno – per fornire ai lettori più esigenti come te una copertura imperdibile di Israele e del mondo ebraico.

Finora abbiamo una richiesta. A differenza di altre testate giornalistiche, non abbiamo messo in atto un paywall. Ma poiché il giornalismo che facciamo è costoso, invitiamo i lettori che The Times of Israel è diventato importante per aiutare a sostenere il nostro lavoro unendosi La comunità di Times of Israel.

Per soli $ 6 al mese, puoi aiutare a sostenere il nostro giornalismo di qualità mentre ti godi The Times of Israel Annunci gratuiti, così come l’accesso a contenuti esclusivi disponibili solo per i membri della comunità di Times of Israel.

Unisciti alla nostra community

Unisciti alla nostra community

sei già un membro? Accedi per non vederlo più