Agosto 15, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il messaggio: la BCE dovrebbe evitare etichettature ingannevoli e attenersi alla sua agenda TPI

Martin Sandbo (“BCE ribalta la situazione sui mercati e sui responsabili politici in preda al panico”, Parere, 25 luglio) ha ragione a elogiare lo “strumento di protezione della trasmissione” della BCE. Come osserva, il World Trade Index (TPI) è uno strumento utile per combattere i rischi di disintegrazione dell’eurozona.

Ma le banche centrali devono essere oneste. Non possono essere fuorviati. Certo, alcune parole sono consentite. Quando l’ancoraggio della sterlina al marco tedesco è stato spazzato via da una straordinaria ondata di vendite allo scoperto nel settembre 1992, la Banca d’Inghilterra lo ha descritto come una mera “sospensione del meccanismo del tasso di cambio”.

Il TPI è un altro caso di etichettatura ingannevole. Presumibilmente, mira a garantire che il meccanismo di trasferimento di denaro sia ugualmente solido in tutta la zona euro. Ma la forza della transizione varia naturalmente tra le economie dell’area dell’euro a causa delle differenze nelle strutture economiche e finanziarie. Ciò non ha causato preoccupazioni in passato.

Ad esempio, la politica monetaria è più solida nelle economie in cui l’indebitamento ipotecario è comune. È particolarmente efficace se i costi dei mutui sono molto sensibili al tasso di riferimento della BCE perché i tassi ipotecari sono variabili o fissi per brevi periodi di tempo.

Poiché le variazioni dei tassi di interesse influiscono sul tasso di cambio dell’euro, sono più solide nelle economie in cui una quota sproporzionatamente ampia degli scambi avviene con economie al di fuori della zona euro.

Inoltre, se l’allargamento degli spread di rendimento è un problema perché fa sì che la politica si muova in modo non uniforme, anche la riduzione degli spread dovrebbe far sì che ciò accada. Tuttavia, nessuno si è lamentato del fatto che la politica monetaria si sia mossa in modo più aggressivo verso l’Italia che verso la Germania nei periodi passati in cui il rendimento italiano si è diffuso rispetto alla contrazione della Germania.

READ  Mozambico: Banca Africana di Sviluppo e Fondo di Cooperazione Tecnica Italiana stanziano 990.000 euro per rafforzare le filiere agricole

Come ricorda Sandbo, la Banca centrale europea ha un mandato secondario per sostenere la “politica economica generale” dell’UE, purché non contrasti con l’obiettivo di stabilità dei prezzi. Ciò fornisce un migliore incentivo per TPI. Il trattato afferma che l’euro è la valuta dell’Unione Europea. Non specificano un percorso legale per lasciare un paese, quindi la partecipazione è destinata a essere permanente. Il mantenimento dell’appartenenza è quindi la politica dell’Unione Europea. Poiché l’indice dei prezzi di vendita consente alla BCE di far fronte all’aumento dell’inflazione aumentando i tassi di interesse in modo più aggressivo di altri, non interferisce con la sua ricerca della stabilità dei prezzi, ma piuttosto la semplifica.

La Banca centrale europea deve farsi carico di ciò che fa. Va chiaramente affermato che il TPI mira a proteggere l’euro e ciò è conforme al trattato alla base della moneta unica.

Stefan Gerlach
Capo economista, EFG Bank, Zurigo
Vice Governatore della Banca Centrale d’Irlanda, 2011-15