Luglio 4, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il mentore Masami Ihara vede la chiave della difesa di Takehiro Tomiyasu ai Mondiali

Masami Ihara, il primo capitano del Giappone alla Coppa del Mondo, si aspetta che una forte linea di difesa guidata dal suo portiere, Takehiro Tomiyasu dell’Arsenal, sia vitale per il successo del suo paese se raggiungeranno le finali del prossimo anno in Qatar.

Dopo aver visto il Giappone fare passi da gigante dal loro debutto nel torneo nel 1998 con una squadra basata interamente sulla J-League, il 54enne crede che l’attuale manager, il suo ex compagno di squadra giapponese Hajime Moriyasu, abbia giocatori con il miglior potenziale di sempre.

La storia della Coppa del Mondo Samurai Blue è iniziata 23 anni fa a Tolosa, in Francia, con il forte difensore centrale Ihara che guidava la sua squadra contro uno dei favoriti del torneo in Argentina.

Mentre aveva già affrontato il suo prolifico capocannoniere Gabriel Batistuta in partite internazionali nel 1992 e nel 1995, Ihara e i suoi compagni di squadra stavano andando verso l’ignoto per giocare l’élite globale sul palcoscenico più grande.

L’attaccante della Fiorentina ha commesso un errore difensivo nella partita di apertura, mentre un’altra prestazione promettente è stata annullata nella partita successiva contro la Croazia quando il capocannoniere del torneo Davor Suker del Real Madrid ha segnato un gol nel finale per suggellare l’uscita del Giappone.

“Era difficile immaginare come sarebbe stato giocare contro di loro nelle finali della Coppa del Mondo. È stata la terza partecipazione più alta tra i giapponesi”, ha detto Ihara, che ha giocato 122 partite.

“Sapevamo che ci avrebbero punito se avessimo concesso loro il minimo tempo e spazio, ma non avevamo mai affrontato giocatori del genere in una partita ad alta pressione e giocare con loro ci ha fatto sentire subito la nostra mancanza di esperienza”.

L’allenatore di Kashiwa Reysol Masami Ihara durante la chiamata Zoom del 7 dicembre | Kyodo

Il successo di Hidetoshi Nakata in Italia nelle stagioni successive ha creato un mercato per i giocatori giapponesi nei club europei, prima per quelli ai vertici del campo. Due decenni dopo, il difensore centrale del Giappone gareggia settimanalmente contro i migliori giocatori del mondo.

READ  La Juventus potrebbe vendere la stella dell'USMNT

Durante la corsa all’Afspa Fukuoka, il sedicenne Ihara Tomiyasu ha fatto il suo debutto in Coppa dell’Imperatore nel 2015. L’attuale allenatore del Kashiwa Reysol ricorda di aver individuato un talento “fuori banda” in termini di altezza, velocità, resistenza e versatilità.

Inizialmente schierato a centrocampo difensivo, Tomiyasu era ancora magro e perso in battaglie fisiche senza sfruttare appieno il suo vantaggio in altezza, ma questo è cambiato man mano che maturava fisicamente.

“Ha continuato ad evolversi grazie alla sua personalità, è stato reticente ad avanzare e vuole fortemente essere migliore”, ha detto Ihara. “Può colpire lanci lunghi con entrambi i piedi o attraverso il campo e il suo tocco era davvero di alto livello”.

Dopo una stagione in J1 e J2, Tomiyasu è partito per il Sint-Truiden belga nel gennaio 2018 all’età di 19 anni. È stato selezionato dalla squadra italiana del Bologna 18 mesi dopo, prima della scadenza del trasferimento all’Arsenal quest’estate.

“Impossibile da immaginare”, ha detto Ihara, sorridendo della rapida ascesa di Tomiyasu, con cui è ancora in regolare contatto.

Dopo aver trovato una nuova posizione come terzino destro al Bologna sotto Sinisa Mihajlovic, Tomiyasu è diventato un appuntamento fisso nella stessa posizione sotto Mikel Arteta, e ha continuato a guadagnare elogi nella sua prima stagione in Premier League.

“Ha giocato su entrambi i lati di una difesa a tre a Fukuoka prima di giocare in mezzo verso la fine. Ihara ha detto che la sua capacità di corsa è stata grande. “Non è veloce come l’attaccante giapponese Daisen Maeda, ma è comunque molto veloce. “

Takehiro Tomiasu (a destra) di Bologna stringe la mano a Maia Yoshida della Sampdoria dopo una partita di Serie A il 28 giugno 2020, allo Stadio Comunale Luigi Ferraris di Genova, Italia.  |  Kyodo
Takehiro Tomiasu (a destra) di Bologna stringe la mano a Maia Yoshida della Sampdoria dopo una partita di Serie A il 28 giugno 2020, allo Stadio Comunale Luigi Ferraris di Genova, Italia. | Kyodo

Anche la sua qualità nell’ultimo terzo sta migliorando (all’Arsenal). Quando torna in nazionale gioca come difensore centrale e penso che sia davvero difficile fare quella trasformazione dentro la sua testa, ma sono sorpreso che lo faccia è così disattento”.

Il trasferimento di Tomiyasu in Belgio è stato spinto dal suo desiderio di entrare a far parte della squadra olimpica di Tokyo, ma è diventato completamente internazionale prima nell’ottobre 2018 grazie a Moriyasu, che ha iniziato ad allenare per le Olimpiadi.

READ  Gli organizzatori dell'Open d'Italia sono in attesa della decisione sull'idoneità dei giocatori russi e bielorussi

Ihara ne sa qualcosa sull’ex centrocampista difensivo 53enne, che ha condiviso sul campo durante la battuta d’arresto più devastante per il calcio giapponese.

Il Giappone era a pochi minuti dalla prenotazione del suo primo posto in assoluto alle finali della Coppa del Mondo nell’ottobre 1993 a Doha. Il loro sogno è stato infranto quando l’Iraq ha segnato il pareggio nel recupero da un corto calcio d’angolo per finire la partita 2-2 e portare il Giappone fuori per differenza reti.

Ora nella sede calda della squadra nazionale, Moriyasu è stato ampiamente criticato per essersi attenuto a formazioni iniziali simili e per aver perso i migliori giocatori – l’attaccante del Celtic Kyogo Furuhashi il primo esempio – nonostante una serie di prestazioni imprecise nel turno di qualificazione finale.

Ma oltre ad assicurarsi un posto nelle finali in gioco, Ihara ritiene che un approccio cauto sia più comprensibile nel contesto senza precedenti di una pandemia globale.

Proprio come il numero di giocatori giapponesi con sede in Europa è cresciuto più che mai per rafforzare le sue opzioni, le restrizioni COVID-19 hanno dato a Moriyasu meno tempo per mettere a punto la sua squadra e non c’era quasi spazio per prendere un calcio.

“Naturalmente è meglio usare tutti i migliori giocatori, giocare un ottimo calcio e vincere le partite. Sono sicuro che lui e tutto lo staff hanno scelto i migliori giocatori e le migliori tattiche possibili”, ha detto Ihara.

“Ci sarà pressione, qualcosa di molto diverso dai suoi giorni da giocatore, ma lui non ne ha mostrato niente. Da un punto di vista dirigenziale e come ex compagno di squadra, non si arrende, resta calmo e fa il suo lavoro con dignità. .”

L'allenatore del Giappone Hajime Moriyasu (al centro) dà istruzioni durante la partita di qualificazione ai Mondiali d'Asia 2022 contro l'Australia il 12 ottobre al Saitama Stadium.  |  Kyodo
L’allenatore del Giappone Hajime Moriyasu (al centro) dà istruzioni durante la partita di qualificazione ai Mondiali d’Asia 2022 contro l’Australia il 12 ottobre al Saitama Stadium. | Kyodo

Mentre una magra rimonta di cinque gol in sei partite ha lasciato i fan delusi dal desiderio di stile offensivo, lo stabile difensore centrale giapponese, con Tomiyasu sulla sinistra che gioca al fianco del 33enne capitano della Sampdoria, Maya Yoshida, ha fornito un po’ di respiro.

READ  Il SUV Ferrari Purosangue ha individuato i test prima del debutto mondiale

Con il duo che si avvicina ai migliori attaccanti in due dei migliori campionati del mondo, Ihara sa che la loro presenza sarà cruciale una volta raggiunta la finale della Coppa del Mondo.

“Ci sarà sicuramente un senso di sicurezza e stabilità che deriva dall’avere queste due cose. Avranno un enorme impatto mentale sulla squadra”, ha detto.

“Dal momento che la maggior parte dei suoi compagni di squadra gioca anche in Europa, sarà più facile per la squadra giocare come vuole nelle finali dove l’intensità sarà la stessa”.

Il Giappone ha giocato gli ultimi sei Mondiali, alternando l’eliminazione dalla fase a gironi e l’accesso agli ottavi di finale.

Soprannominato il “Muro dell’Asia” dai tifosi giapponesi nei giorni di qualificazione del continente era l’obiettivo principale, Ihara sperava che Tomiyasu potesse aiutare il Giappone a raggiungere l’ambito posto nei quarti di finale prima di guadagnare il suo clamoroso titolo.

“Penso che la squadra attuale abbia maggiori possibilità di farlo. Man mano che Maya invecchia, questa potrebbe essere l’ultima Coppa del Mondo in cui lui e Tomiyasu formano il centro della difesa”, ha detto Ihara.

“Tomiyasu ha il potenziale per essere il ‘Muro del mondo’, uno dei migliori difensori in circolazione. Spero che vinca le battaglie quotidiane nel suo club forte e competitivo e riporti ciò che ha imparato alla squadra nazionale”.

In un momento di disinformazione e di molte informazioni, Il giornalismo di qualità è più importante che mai.
Iscrivendoti, puoi aiutarci a ottenere la storia giusta.

Iscriviti ora

Galleria fotografica (clicca per ingrandire)