Ottobre 23, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il leader locale avverte che la devastazione dell’Amazzonia potrebbe scatenare “apocalisse”

Gregorio Mirabal avverte di due risultati dell’Amazzonia: “Fine del mondo, nessun ritorno” o salvataggio dell’80% della foresta pluviale

Gli uccelli cinguettano vicino a un fiume nella giungla ecuadoriana, a cinque ore dalla capitale Quito, dove Gregorio Mirabal ha espresso paura per le 500 tribù che spesso agiscono come guardiani della foresta pluviale amazzonica che affrontano attacchi e persino la morte di conseguenza.

Mirabel, capo coordinatore delle organizzazioni indigene nel bacino del Rio delle Amazzoni (COICA), invita le nazioni sviluppate che si incontreranno alla COP26 – la conferenza sul clima a Glasgow, in Scozia – a collaborare con le popolazioni indigene per proteggere 8,4 milioni di persone. chilometri quadrati (3,2 milioni di miglia quadrate) della regione amazzonica.

Mirabal, 54 anni, membro del popolo Wakwenai Koribako, afferma che il 17% della foresta è già stato distrutto a causa dello sfruttamento petrolifero e minerario, nonché dell’inquinamento e della deforestazione per l’agricoltura e il bestiame.

Ci sono due scenari: (uno di questi) la fine del mondo, senza ritorno. Le persone finiranno l’ossigeno e tra 50 anni il pianeta si riscalderà di due o anche tre gradi. La vita su questo pianeta non sarebbe possibile se l’Amazzonia scomparisse.

Il danno è reversibile? –

L’Amazzonia viene uccisa, il suo petrolio e le sue risorse naturali vengono strappate via e non vogliono lasciare la foresta in vita. Vogliono distruggerlo. Questo è un grido dalla foresta, diciamo basta!

È una delle più grandi riserve di acqua dolce del pianeta. Ha la più grande biodiversità del mondo, che garantisce un clima equilibrato. Ogni albero genera aria fresca e raccoglie rifiuti che provengono da altri paesi, dall’inquinamento, ma per questo non riceviamo nulla.

READ  Combattenti talebani colpiscono una fiera mentre gli afgani temono le libertà

Ma oggi non ci sono finanziamenti chiari in questo senso. Non sappiamo quanti soldi sono stati investiti in Amazzonia, se e quando sono arrivati ​​qui.

Quali sono i pericoli maggiori che affronti? –

Anche i paesi sviluppati dovrebbero considerare l’Amazzonia una regione da sostenere. Vogliamo proteggere l’Amazzonia per proteggere l’umanità.

Le maggiori banche mondiali finanziano la distruzione dell’Amazzonia fornendo risorse per lo sfruttamento del petrolio e altre forme di attività predatorie.

Il Brasile rappresenta quasi il 60 percento dell’intero bacino amazzonico. Con il presidente Jair Bolsonaro sono aumentate la deforestazione, l’estrazione illegale e l’uccisione dei nostri fratelli e sorelle. Questo è il peggior governo che abbiamo nel bacino amazzonico.

Brasile e Colombia sono tra i luoghi più pericolosi al mondo se sei un ambientalista o un leader indigeno.

sp/pld/lbc/hba/jb/to/bgs