Luglio 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il leader francese di estrema destra, Le Pen, mette in dubbio il ruolo di Macron come comandante dell’esercito Notizie di politica

Il leader francese di estrema destra, Le Pen, mette in dubbio il ruolo di Macron come comandante dell’esercito  Notizie di politica

Marine Le Pen ha affermato che è il primo ministro, e non il presidente, a tirare le fila quando si tratta di prendere decisioni militari.

A soli tre giorni dalle storiche elezioni legislative francesi, il leader di estrema destra del paese ha sollevato la scomoda questione di chi prenderà il comando dell’esercito se il suo partito prenderà il governo dopo un voto a due turni.

Le elezioni anticipate spingono la Francia in un territorio inesplorato e gli scienziati politici si affrettano a spiegare come il presidente Emmanuel Macron e un primo ministro ostile alla maggior parte delle sue politiche potrebbero condividere il potere se il partito Rassemblement National di Marine Le Pen ottenesse la maggioranza nell’Assemblea nazionale. , Camera dei Rappresentanti del Parlamento francese.

Le Pen ha più volte affermato che Jordan Bardella, suo protetto e leader del partito, guiderà il prossimo governo francese se il suo partito sempre più popolare vincerà.

In un’intervista ha osservato che Bardella, che ha solo 28 anni e non ha esperienza nel governo, si occuperà almeno di alcune decisioni relative alla difesa e alle forze armate francesi.

Macron ha tre anni per completare il suo mandato finale come presidente.

“La posizione di comandante in capo delle forze armate è un titolo onorifico per il presidente perché è il primo ministro a tirare le fila”, ha detto Le Pen in un’intervista al quotidiano Telegram pubblicata giovedì.

La leader francese di estrema destra Marine Le Pen arriva alla sede del partito Rassemblement National, lunedì 10 giugno 2024, a Parigi. [Thomas Padilla/AP Photo]

Attriti politici sulla politica estera

La Costituzione francese prevede che “il Presidente della Repubblica è il capo delle forze armate” e inoltre “presiede i consigli supremi e i comitati di difesa nazionale”.

Tuttavia, la Costituzione afferma anche che “il Primo Ministro è responsabile della difesa nazionale”.

READ  Trump cerca di trattenere la testimonianza nella rivolta del 6 gennaio: i media

Esperti costituzionali hanno affermato che il ruolo preciso del primo ministro nella politica estera e di difesa sembra essere soggetto a interpretazione.

È un problema con ramificazioni globali, poiché la Francia possiede armi nucleari e le sue forze e il suo personale militare sono stati dispiegati in molte zone di conflitto in tutto il mondo.

L’ultima volta che la Francia ha avuto un primo ministro e un presidente di partiti diversi, erano ampiamente d’accordo su questioni strategiche di difesa e politica estera.

Ma questa volta, il concetto di condivisione del potere noto in Francia come “coesistenza” potrebbe essere completamente diverso, data l’ostilità tra politici di estrema destra e di estrema sinistra.

Entrambi i blocchi sembrano essere profondamente insoddisfatti del presidente centrista e favorevole alle imprese.

Riguardo alla questione della leadership militare del paese, lo storico politico Jean Garrigues ha dichiarato all’agenzia di stampa Associated Press: “Il presidente è il comandante delle forze armate, [but] “È il primo ministro che ha le forze armate a sua disposizione”.

Questo, ha aggiunto, significa in pratica che “se il presidente decide di mandare truppe sul posto in Ucraina… il primo ministro potrà bloccare questa decisione”.

A marzo, Macron ha messo in guardia le potenze occidentali dal mostrare qualsiasi segno di debolezza nei confronti della Russia e ha affermato che gli alleati dell’Ucraina non dovrebbero escludere l’invio di forze occidentali in Ucraina per aiutare il paese a far fronte all’aggressione russa.

Le Pen è fiduciosa che il suo partito, che ha una storia di razzismo, xenofobia e legami con la Russia, sarà in grado di tradurre la sua straordinaria vittoria alle elezioni del Parlamento europeo all’inizio di questo mese in una vittoria in Francia.

READ  Liz Cheney: "La grande bugia di Trump" avvelena la democrazia come divisione con i repubblicani cresce | Repubblicani
Elezioni parlamentari interattive dell'Unione europea_1-1718195650
[Al Jazeera]

Gruppi di sinistra, attivisti antirazzisti e attiviste femministe si sono radunati giovedì a Parigi per esortare gli elettori a impedire che il partito anti-immigrazione Raggruppamento Nazionale salga al vertice.

Domenica si svolgerà il primo turno. Il secondo turno decisivo è previsto per il 7 luglio, una settimana dopo. L’esito rimane incerto a causa del complesso sistema di voto e delle potenziali alleanze.