Luglio 2, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il Labour ha bisogno che i Verdi e Pocock formino la maggioranza

La segretaria per le comunicazioni Michelle Rowland desidera essere più aggressiva con le grandi aziende tecnologiche ed è aperta a creare leggi che occhio Google, Facebook e altri ai sensi del Media Bargaining Act, se la loro condotta lo richiede.

Nella sua prima intervista da quando ha prestato giuramento il mese scorso nel nuovo governo laburista, ha detto Roland Audit finanziario australiano Il governo deve essere “interventista” per ottenere risultati quando si tratta di grandi tecnologie.

La segretaria alle comunicazioni Michelle Rowland presso l’ufficio centrale di Sydney in cui si è trasferita di recente. Oscar Coleman

Quando le è stato chiesto se ciò significasse approvare leggi che prendono di mira specificamente le aziende che agiscono in malafede, come quando Facebook ha rimosso temporaneamente le pagine di organi di informazione, enti di beneficenza e gruppi suburbani durante un gioco di compromessi con il governo sulla legge sulla contrattazione dei media, ha detto che era “aperto come opzione”.

“Non la penso così [Facebook’s actions] disse Roland. “E penso che abbia indotto le persone a guardare da vicino questo spazio e i fornitori che sono disposti a intraprendere quel tipo di azione … Ha convalidato le ragioni alla base del codice delle notizie di contrattazione e il motivo per cui era necessario l’intervento”.

“Lo faranno di nuovo, resta da vedere.”

Ha detto che il governo del primo ministro Anthony Albanese sceglierà con attenzione le sue battaglie, “ma penso che dobbiamo affrontare alcune aree specifiche in cui quei comportamenti stanno avendo un impatto negativo sui voti australiani”.

Tuttavia, la progettazione di qualsiasi nuovo intervento sul mercato dovrà attendere fino alla fine revisione del tesoro Nel News Bargaining Act entro la fine dell’anno.

Leggi di più.

READ  I timori di 2.500 prigionieri di guerra ucraini sono aumentati da un'acciaieria che la Russia ha chiamato neonazisti