Ottobre 6, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il governo riconosce l’arretrato di visti umanitari per l’Afghanistan e non ha alzato il tetto dei visti

Ci sono ancora preoccupazioni sul numero di visti afgani che l’Australia dovrà elaborare un anno dopo che la capitale, Kabul, è caduta in mano ai talebani.
Il governo federale sta esaminando altre vie per i visti, ma il ministro dell’Immigrazione Andrew Giles si è fermato prima di dire che aumenterebbe il tetto dei visti umanitari a 31.500 per gli afgani.
Sono state presentate più di 40.000 domande che coprono più di 211.000 persone.

Giles afferma che in totale sono stati concessi solo 6.000 visti permanenti.

“Il mio primo obiettivo è garantire che questo impegno venga rispettato e che 31.500 persone trovino un posto e una sicurezza per ricostruire le proprie vite”, ha detto alla ABC quando gli è stato chiesto di sollevare il coperchio.
“Il governo sta esplorando una serie di altri percorsi di visto per le persone provenienti dall’Afghanistan”.
Ciò include l’aumento dell’assunzione di aiuti umanitari su scala più ampia e l’espansione dell’assistenza comunitaria per i rifugiati di altri 5.000 posti, afferma Giles.
“Ci impegniamo nel tempo ad aumentare l’assunzione umana in generale”, ha affermato.

“Ma il mio obiettivo ora è assicurarmi di riempire quei posti”.

Da allora sono state indirizzate risorse aggiuntive per aiutare a risolvere il backlog, ma non è stato impostato alcun periodo di tempo per filtrare le richieste.
“La richiesta è stata così enorme… e ognuna di queste applicazioni deve essere registrata correttamente in modo che possano essere gestite correttamente”, ha detto Giles.
“L’arretrato sta procedendo molto rapidamente. E sono fermamente convinto che, sebbene la portata sia molto ampia, non siamo sopraffatti dalla nostra risposta.

“Abbiamo assunto personale aggiuntivo per gestire l’arretrato e personale aggiuntivo per gestire le questioni relative al ricongiungimento familiare, che colpisce anche le persone provenienti dall’Afghanistan”.

Sebbene le richieste siano state archiviate un anno dopo che i talebani hanno preso il controllo di Kabul, Giles dice di non incolpare il governo precedente.
“Non so se è giusto dire al governo precedente che sappiamo quante persone faranno domanda. Le circostanze accadute circa un anno fa si stanno verificando molto, molto rapidamente”, ha detto.
“Il volume della domanda è straordinario e penso sia giusto dire che non ha precedenti”.
“Ognuno di queste persone coperte dalle domande deve essere registrato correttamente e questo richiede tempo perché diamo la priorità al personale reclutato localmente, alle donne, alle ragazze e ai membri dei gruppi minoritari”.

SBS News ha contattato il portavoce della coalizione per l’immigrazione Dan Tehan per un commento.

READ  McDonald's si allontana da un uomo anziano per non avere uno smartphone