Agosto 5, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il giudice intransigente Ebrahim Raisi ha eletto il presidente dell’Iran

“A Dio piacendo, l’elezione decisiva del mio rispettato fratello, l’ayatollah Dr. Seyyed Ibrahim Raisi, promette la formazione di un governo forte e popolare per risolvere i problemi del paese”, ha scritto Rezaei.

L’ex comandante delle Guardie rivoluzionarie Mohsen Rezaei, il secondo da sinistra, è un candidato permanente alle elezioni iraniane. a lui attribuito:AP

“Spero che il vostro governo, sotto la guida del leader supremo Ayatollah Ali Khamenei, porti conforto e prosperità alla nostra nazione”, ha detto l’ex capo della Banca centrale Abdel Nasser Hemmati in un messaggio diffuso dai media mentre il conteggio dei voti continuava.

Gli alti funzionari hanno chiesto un’affluenza massiccia a un’elezione ampiamente vista come un referendum sul loro approccio all’economia.

“Invito tutti coloro che hanno una visione politica a votare”, ha detto Raisi dopo aver espresso il suo voto.

“Le lamentele della nostra gente sulle carenze rimangono reali, ma se questo è il motivo per non partecipare, è sbagliato”.

Mentre la televisione di stato mostrava lunghe code ai seggi elettorali in diverse città, l’agenzia di stampa semi-ufficiale Fars ha riferito che 22 milioni o il 37 percento degli elettori avevano espresso il loro voto entro le 19:30 di venerdì (1:00 di sabato AEST) quando era prevista la chiusura alle bancarelle. Il Viminale ha detto di non poter confermare i numeri dell’affluenza, ma il voto è stato prorogato di due ore in alcuni seggi elettorali per accogliere i ritardatari.

Dopo il voto nella capitale, Teheran, il leader supremo Ayatollah Ali Khamenei ha esortato gli iraniani a fare lo stesso, dicendo “ogni voto conta… vieni a votare e scegli il tuo presidente”.

READ  Florida, un uomo alla ricerca di denti di squalo sopravvive al morso di un alligatore alla testa

Raisi, 60 anni, ha ottenuto il sostegno dei falchi della sicurezza nel suo tentativo di succedere ad Hassan Rouhani, un pragmatico a cui è costituzionalmente vietato servire un terzo mandato di quattro anni nella carica, che gestisce il quotidiano del governo e riferisce a Khamenei.

Un'elettore iraniana che mostra un nome importante scritto sulla sua mano in persiano.

Un’elettore iraniana che mostra un nome importante scritto sulla sua mano in persiano. a lui attribuito:AP

La sua vittoria sottolinea la fine politica di politici pragmatici come Rouhani, che è stato indebolito dalla decisione dell’ex presidente degli Stati Uniti Trump di ritirarsi dall’accordo nucleare nel 2018 e reimporre le sanzioni in una mossa che ha soffocato il riavvicinamento con l’Occidente.

Le nuove sanzioni hanno tagliato le esportazioni di petrolio da 2,8 milioni di barili al giorno nel 2018 fino a 200.000 barili al giorno in alcuni mesi del 2020, anche se da allora i volumi sono aumentati. La valuta iraniana, il rial, ha perso il 70% del suo valore dal 2018.

Gli intransigenti hanno ora saldamente il controllo del governo mentre a Vienna continuano i negoziati per cercare di rinnovare un accordo volto a frenare il programma nucleare iraniano in un momento in cui Teheran sta arricchendo l’uranio al massimo storico, sebbene ancora al di sotto dei livelli di armamento. .

La tensione rimane alta sia con gli Stati Uniti che con Israele, che si ritiene abbia effettuato una serie di attacchi contro i siti nucleari iraniani e assassinato lo scienziato che ha istituito il suo programma atomico militare decenni fa.

Il leader supremo Ayatollah Ali Khamenei avrà la decisione finale su qualsiasi rinnovo dell'accordo nucleare.

Il leader supremo Ayatollah Ali Khamenei avrà la decisione finale su qualsiasi rinnovo dell’accordo nucleare. a lui attribuito:AP

Raisi, che ha perso contro il pragmatico presidente Hassan Rouhani nel 2017, non ha presentato una piattaforma politica o economica dettagliata durante la sua campagna elettorale, mentre corteggiava gli iraniani a basso reddito promettendo di ridurre la disoccupazione.

READ  L'indagine è iniziata dopo 21 morti durante una maratona di sci di fondo in Cina

Tuttavia, promettendo di non “perdere un solo momento” nel revocare le sanzioni statunitensi, Raisi ha segnalato il suo sostegno ai colloqui con le potenze mondiali volti a rilanciare l’accordo del 2015.

Gli analisti hanno affermato che il suo curriculum come giudice accusato di abusi potrebbe preoccupare Washington e gli iraniani liberali, in particolare data l’attenzione del presidente Joe Biden sui diritti umani.

Khamenei lo ha nominato capo della giustizia nel 2019. Pochi mesi dopo, Washington lo ha punito per presunti abusi, incluso quello che secondo i gruppi per i diritti è stato il suo ruolo nell’esecuzione di prigionieri politici negli anni ’80 e nel sedare i disordini nel 2009.

Figura di medio livello nella gerarchia dei religiosi sciiti in Iran, Raisi è stato un funzionario giudiziario di alto rango per la maggior parte della sua carriera. È stato Vice Capo della Giustizia per 10 anni, prima di essere nominato Procuratore Generale nel 2014.

Caricamento in corso

I gruppi per i diritti affermano che si è guadagnato la reputazione di temuto falco della sicurezza ed è stato uno dei quattro giudici che hanno supervisionato le esecuzioni di migliaia di prigionieri politici nel 1988. Amnesty International ha stimato il numero delle persone giustiziate a 5.000, affermando in un rapporto del 2018 che “il il numero reale potrebbe essere più alto.” .

L’Iran non ha mai riconosciuto le esecuzioni di massa. Tuttavia, alcuni religiosi hanno affermato che i processi ai prigionieri erano equi e che quei giudici coinvolti nell’eliminazione dell’opposizione armata nei primi anni della rivoluzione dovrebbero essere ricompensati. Lo stesso Raisi non ha pubblicamente fatto accuse sul suo ruolo.

READ  La Cambogia deve a VICE le foto dell'artista che hanno aggiunto sorrisi alle vittime dei Khmer Rossi

Reuters, Associated Press