Ottobre 25, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il Fondo Monetario Internazionale afferma di aver tagliato le sue previsioni di crescita globale a causa dell’aumento dei rischi

Il capo del Fondo monetario internazionale ha affermato che l’agenzia ha tagliato le sue previsioni per la crescita globale quest’anno.

L’amministratore delegato del Fondo monetario internazionale, Kristalina Georgieva, ha osservato martedì i crescenti rischi da inflazione e debito e la disparità nelle prospettive di crescita tra i paesi che hanno accesso ai vaccini contro il coronavirus e quelli che necessitano di iniezioni.

In osservazioni preparate a un pubblico universitario in Italia, Georgieva ha affermato che l’obiettivo degli incontri annuali della prossima settimana del Fondo monetario internazionale di 190 nazioni e della sua agenzia di prestito gemella, la Banca mondiale, sarà quello di affrontare i crescenti rischi in modo coordinato per migliorare il prospettive per l’economia globale.

Ha osservato che le prospettive economiche globali del Fondo monetario internazionale a luglio Ho previsto una forte ripresa globale del 6%, che avrebbe rappresentato un significativo rimbalzo da una contrazione del 3,2% nell’anno della pandemia del 2020.

Ma ora, ha detto, le prospettive del FMI sono leggermente meno ottimistiche dopo i forti aumenti dell’incidenza delle variabili delta durante l’estate in molte parti del mondo e l’inflazione più forte del previsto esacerbata dai problemi della catena di approvvigionamento globale.

“I rischi e gli ostacoli a una ripresa globale equilibrata stanno diventando sempre più evidenti”, ha detto Georgieva in un’apparizione virtuale programmata all’Università Bocconi di Milano. Ha detto che i risultati specifici delle aspettative inferiori saranno rilasciati dal Fondo monetario internazionale il prossimo martedì.

Ha detto che c’era il rischio che un’inflazione più alta del previsto potesse portare le banche centrali ad aumentare i tassi di interesse e ad abbassare ulteriormente la crescita. Ha affermato che l’aumento dei prezzi dei prodotti alimentari è una preoccupazione particolare, poiché i prezzi globali sono aumentati del 30% nell’ultimo anno, mentre anche i prezzi più elevati dell’energia stanno mettendo sotto pressione le famiglie.

READ  Sensex ha ritirato 983 punti cercando i risultati del sondaggio

“Gli Stati Uniti e la Cina rimangono motori vitali della crescita anche con il loro slancio ora in rallentamento”, ha detto Georgieva, aggiungendo che anche alcune economie avanzate ed emergenti stanno guadagnando slancio, riferendosi all’Italia e ad altri paesi europei.

“Al contrario, in molti altri paesi, la crescita continua a deteriorarsi, ostacolata dalla riduzione dell’accesso ai vaccini e dalle risposte politiche restrittive”, ha affermato.

Ha affermato che gli obiettivi fissati dal Fondo monetario internazionale e da altre istituzioni globali per vaccinare almeno il 40% delle persone in ciascun paese potrebbero ancora essere raggiunti entro la fine di quest’anno e raggiungere il 70% entro la prima metà del 2022.

Georgieva ha invitato i paesi ricchi a onorare le loro promesse di sostegno e a colmare un divario di $ 20 miliardi in finanziamenti per test, tracciamento e trattamenti.

“Se non lo facciamo, gran parte del mondo rimarrà vulnerabile e la tragedia umana continuerà”, ha detto. Ciò ostacolerebbe il recupero. Vedremo le perdite del PIL globale salire a $ 5,3 trilioni nei prossimi cinque anni.

Per aiutare con questa sfida, Georgieva ha affermato che il FMI ha fornito 118 miliardi di dollari in nuovi finanziamenti a 87 paesi e ha approvato un aumento di 650 miliardi di dollari in diritti speciali di prelievo per l’agenzia, il più grande della storia.

Queste risorse sono destinate a rafforzare le nazioni a corto di liquidità. Circa 275 miliardi di dollari degli stanziamenti sono andati ai paesi in via di sviluppo. Ha invitato i paesi ricchi a indirizzare più di queste risorse ai paesi poveri.

Oltre a rafforzare la lotta contro il coronavirus nei paesi poveri, gli incontri del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale la prossima settimana affronteranno anche gli sforzi per fornire maggiore sostegno alla lotta ai cambiamenti climatici.

READ  Impatto della riforma della class action italiana sulle istituzioni finanziarie | Hogan Lovells

Tuttavia, è probabile che Georgieva affronti anche domande su un recente rapporto critico di uno studio legale esterno. che mentre era un alto funzionario della Banca Mondiale, lei e altri funzionari della Banca Mondiale hanno fatto pressioni su altri dipendenti della Banca Mondiale per cambiare la classificazione aziendale in Cina e in altri paesi.

I risultati hanno spinto la Banca mondiale a cancellare la relazione annuale e hanno chiesto a Georgieva di dimettersi. I critici hanno sostenuto per qualche tempo che la Cina esercita un’indebita influenza sul Fondo monetario internazionale, sulla Banca mondiale e su altre istituzioni finanziarie globali. Georgieva ha negato qualsiasi illecito e ha detto che avrebbe accolto con favore un incontro con il consiglio di amministrazione del Fondo monetario internazionale per riabilitare il suo nome.