Maggio 22, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il flyby di Giunone rivela nuove straordinarie immagini di Giove e i suoni della sua luna Ganimede

La missione Juno della NASA, che ha iniziato in orbita attorno a Giove nel luglio 2016, ha recentemente effettuato il suo 38° sorvolo ravvicinato del gigante gassoso. La missione è stata estesa all’inizio di quest’anno, con l’aggiunta di un sorvolo della luna di Giove Ganimede a giugno.

I dati e le immagini di questi piani riscrivono tutto ciò che sappiamo su Giove, ha affermato Scott Bolton, investigatore principale di Juno presso il Southwest Research Institute di San Antonio, durante un briefing all’incontro dell’American Geophysical Union a New Orleans venerdì.

Lì, Bolton ha rivelato 50 secondi di suono creato quando Giunone ha volato vicino a Ganimede durante l’estate. La clip sonora della luna è stata generata da onde radio elettriche e magnetiche generate dal campo magnetico del pianeta e raccolte dallo strumento Waves della navicella spaziale, progettato per rilevare queste onde. Sembra una colonna sonora dell’era spaziale in 3D.

“Questa colonna sonora è abbastanza selvaggia da farti sentire come se stessi viaggiando mentre Giunone supera Ganimede per la prima volta in più di due decenni”, ha detto Bolton. “Se ascolti attentamente, puoi sentire l’improvviso cambiamento delle frequenze più alte intorno al punto medio della registrazione, che rappresenta l’ingresso in una regione diversa nella magnetosfera di Ganimede”.

Il team di Juno continua ad analizzare i dati del flyby di Ganimede. A quel tempo, Giunone si trovava a circa 645 miglia (1.038 chilometri) dalla superficie lunare e si muoveva a 41.600 miglia all’ora (67.000 chilometri all’ora).

“È probabile che il cambiamento di frequenza subito dopo l’avvicinamento più ravvicinato sia dovuto al passaggio dal lato notturno al lato diurno a Ganimede”, ha affermato William Court, co-investigatore principale per lo strumento Waves, con sede presso l’Università dell’Iowa nell’Iowa. città, in una nota.

READ  Annuncio del primo caso umano di virus del Nilo occidentale in Massachusetts in questa stagione

Il team ha anche condiviso nuove straordinarie immagini che sembrano viste artistiche dell’atmosfera vorticosa di Giove.

Questa immagine presa dalla missione Juno mostra due grandi tempeste rotanti di Giove, riprese il 29 novembre.

“Puoi vedere quanto è bello Giove”, ha detto Bolton. “È davvero il dipinto di un artista. È quasi come un dipinto di Van Gogh. Vedi questi meravigliosi turbinii e nuvole vorticose di diversi colori”.

Questo è visivamente sbalorditivo Le immagini servono Aiutare gli scienziati a comprendere meglio Giove e i suoi numerosi misteri. Le immagini degli uragani ai poli di Giove hanno incuriosito Lia Siegelman, una scienziata che lavora con il team di Giunone che di solito studia gli oceani della Terra. Vide paralleli tra le dinamiche dell’atmosfera di Giove e i vortici negli oceani della Terra.

Siegelman, oceanografo fisico e borsista post-dottorato presso lo Scripps Institute of Oceanography dell’Università della California, a San Diego, ha dichiarato in una nota.

Ciò è particolarmente evidente nelle immagini satellitari ad alta risoluzione dei vortici negli oceani della Terra rivelate dalle fioriture di plancton che fungono da tracker di flusso.

Gli oceanografi usano la loro esperienza nei vortici oceanici per studiare le perturbazioni ai poli di Giove e le forze fisiche che guidano i grandi uragani.  Confronta questa immagine della riproduzione del fitoplancton nel Mare di Norvegia (a sinistra) con le nuvole turbolente nell'atmosfera di Giove (a destra).

Mappare il campo magnetico di Giove

I dati di Giunone aiutano anche gli scienziati a mappare il campo magnetico di Giove, inclusa la Grande Macchia Blu. Questa regione è un’anomalia magnetica situata all’equatore di Giove, da non confondere con la Grande Macchia Rossa, una tempesta atmosferica che persiste da secoli a sud dell’equatore.

Dall’arrivo di Giunone su Giove, il team ha visto un cambiamento nel campo magnetico di Giove. La Grande Macchia Blu si sposta verso est di circa 2 pollici (5,1 cm) al secondo e orbiterà intorno al pianeta tra 350 anni.

Nel frattempo, la Grande Macchia Rossa si sta spostando verso ovest e taglierà il traguardo più velocemente, in circa 4,5 anni.

La sonda spaziale Juno della NASA ha sorvolato due volte la Grande Macchia Rossa di Giove.  Questo è quello che ho scoperto

Ma la Grande Macchia Blu viene spezzata dalle correnti a getto di Giove, conferendole un aspetto a strisce. Questo modello visibile dice agli scienziati che questi venti si estendono molto più in profondità all’interno del pianeta gassoso.

READ  La NASA ci informerà tutti sulla missione lunare Artemis 1 oggi. Come seguirli online.

La mappa del campo magnetico di Giove, generata dai dati di Giunone, ha rivelato che il movimento della dinamo del pianeta, che crea il campo magnetico dall’interno di Giove, ha origine dall’idrogeno metallico sotto uno strato di “pioggia di elio”.

Giunone è stata anche in grado di dare un’occhiata al debole anello di polvere intorno a Giove dall’interno dell’anello. Questa polvere è in realtà costituita da due delle piccole lune del pianeta, Metis e Adrastea. Le osservazioni hanno permesso ai ricercatori di vedere parte della costellazione del Perseo da una diversa prospettiva planetaria.

La missione di Giunone è guardare & # 39;  folletti & # 39 ;  Danza nell'atmosfera di Giove

“È incredibile poter fissare queste costellazioni familiari da un veicolo spaziale a mezzo miliardo di miglia di distanza”, ha dichiarato in una nota Heidi Becker, ricercatrice principale del Juno Stellar Reference Module presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, in California. .

“Ma sembra tutto più o meno lo stesso quando li apprezziamo dai nostri cortili qui sulla Terra. È un fantastico promemoria di quanto siamo piccoli e di quanto ci sia rimasto da esplorare”.

Nell’autunno del 2022, Giove volerà vicino alla luna di Giove Europa, che sarà visitata da una missione speciale, Europa clipper, il cui lancio è previsto per il 2024. Europa interessa gli scienziati perché l’oceano globale giace sotto la sua calotta glaciale. Occasionalmente, pennacchi di buchi nel ghiaccio fuoriescono nello spazio. L’Europa Clipper può esplorare questo oceano “assaggiando” e volando attraverso i pennacchi – e vedere se la vita è possibile in questo mondo oceanico.