Febbraio 27, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il dibattito sull’abbattimento degli orsi suscita polemiche in Trentino, Italia

Il dibattito sull’abbattimento degli orsi suscita polemiche in Trentino, Italia

La lotta per uccidere un orso in Trentino ha scatenato polemiche

La tranquilla e pittoresca provincia del Trentino, nel nord Italia, è al centro della tempesta. La decisione di uccidere otto orsi ogni anno, finalizzata a controllare la popolazione degli orsi e garantire la sicurezza umana, ha scatenato feroci proteste. Gli ambientalisti temono per la sopravvivenza della specie degli orsi, sostenendo che lo spostamento potrebbe essere devastante per la biodiversità della regione.

Conservazione pubblica e biodiversità: una legge di equilibrio

Al centro della controversia c’è la questione di trovare un equilibrio tra la sicurezza umana e la protezione della fauna selvatica. Roberto Filoni, responsabile delle foreste della provincia, insiste che la distruzione è un male necessario. “La sicurezza pubblica è fondamentale,” afferma, sottolineando l'allarmante aumento degli attacchi degli orsi contro gli esseri umani. Tuttavia, questa prospettiva non è universalmente condivisa. Michaela Brambilla, capo del Comitato interparlamentare italiano per i diritti degli animali, condanna fermamente la decisione.

Misure alternative: la via da seguire?

Prambila ritiene che la responsabilità ambientale e l’educazione pubblica eviteranno la necessità della distruzione. Propone misure come segnali di avvertimento per i turisti e rimozione dei rifiuti per impedire agli orsi di foraggiare i rifiuti umani. “La convivenza è possibile Se rispettiamo l'habitat dell'orso e adottiamo misure per evitare conflitti tra uomo e orso”, sostiene. Questo sentimento riecheggia il dibattito più ampio sulla conservazione della fauna selvatica e sulla sicurezza umana nelle aree in cui esseri umani e grandi predatori condividono paesaggi in tutto il mondo.

Implicazioni legali e conseguenze globali

La controversia ha attirato l'attenzione anche della comunità forense italiana. Una recente sentenza del Consiglio di Stato di Roma ha sospeso l'ordine di sterminio di due specifici orsi noti per aver attaccato esseri umani. Il consiglio ha citato la Convenzione di Berna sulla fauna selvatica del 1979, che fa riferimento all’uccisione come ultima risorsa. Sul dibattito è intervenuto anche il Fondo Globale per la Natura in Italia. L’organizzazione ha osservato che gli orsi in via di estinzione sono rari e imprevedibili, il che rende difficile stabilire quote annuali di uccisione. Sostengono che tali azioni potrebbero effettivamente peggiorare il problema sconvolgendo le strutture sociali degli orsi e portando ad un aumento dei conflitti tra gli orsi umani.

READ  MotoGP Bharat 2023: L'italiano Marco Pessecchi vince il GP dell'India, lo spagnolo Jorge Martin arriva secondo