Giugno 19, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il deficit dell’Italia si gonfia nel progetto di edilizia verde

Il deficit dell’Italia si gonfia nel progetto di edilizia verde

Mercoledì il disavanzo dell’Italia è stato sostanzialmente rivisto negli ultimi tre anni, tenendo conto dei programmi di credito d’imposta del governo, tra cui rendere le case più efficienti dal punto di vista energetico.

Il deficit dovrebbe essere dell’8,0 per cento del prodotto interno lordo (PIL) nel 2022 – rispetto all’obiettivo del governo del 5,6 per cento – e salire al 9,0 per cento dal 7,2 per cento nel 2021, secondo l’Istatt, l’ufficio nazionale di statistica.

Per il 2020 è stato rivisto dal 9,5% al ​​9,7%.

Nel frattempo, la crescita è del 3,7% nel 2022 secondo le proiezioni del governo.

Le cifre riviste seguono una direttiva emessa il mese scorso da Eurostat, l’ufficio statistico dell’Unione Europea, secondo cui i crediti d’imposta devono essere contabilizzati nei bilanci statali quando vengono concessi e non hanno alcun impatto reale sulle entrate fiscali.

Ciò include i crediti concessi nell’ambito del regime superbonus introdotto dal precedente governo italiano nel 2020, che il nuovo presidente del Consiglio Giorgia Meloni ha dichiarato il mese scorso “fuori controllo”.

Nell’ambito del programma più popolare, il governo ha pagato il 110% del costo delle case ecologiche, con sussidi forniti tramite crediti d’imposta o sgravi fiscali.

I crediti d’imposta erano negoziabili e divennero una forma di valuta parallela.

Come previsto, il superbonus ha rilanciato il settore delle costruzioni e l’economia italiana in generale sulla scia del blocco del coronavirus, ma finora è costato allo Stato 61,2 miliardi di euro (64,8 miliardi di dollari), ha affermato il ministero delle Finanze.

Se si prendono in considerazione altri bonus per le costruzioni, l’importo raggiunge i 110 miliardi di euro, ovvero circa il sei per cento del PIL.

READ  Italia, la leggenda della Juventus Leonardo Bonucci si ritirerà alla fine della prossima stagione

È stato preventivato un costo totale di 72,3 miliardi di euro, creando un buco di 37,7 miliardi di euro.

Il governo di Maloney l’anno scorso ha tagliato il sussidio Superbonus dal 110% al 90% e il mese scorso ha interrotto bruscamente l’uso dei crediti d’imposta, che non possono più essere negoziati o incassati.

In precedenza i prestiti potevano essere utilizzati per ripagare i costruttori, che poi li vendevano a una banca, che poteva recuperare i soldi dal governo.

Nel 2023, gli effetti dei crediti d’imposta sul deficit – previsto al 4,5% del PIL – dovrebbero essere “limitati” a causa delle nuove restrizioni imposte, ha detto una fonte governativa all’AFP.

La fonte ha affermato che quest’anno il deficit dovrebbe beneficiare di una crescita economica migliore del previsto.