Maggio 8, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il creatore di “Hades” prende il sopravvento sul fanatico del gioco

Il creatore di "Hades" prende il sopravvento sul fanatico del gioco

Nessuna email di lavoro dopo le 17:00 di venerdì, festività obbligatorie: l’outfit dietro il gioco di ruolo “Hades” non pensa che devi andare all’inferno per arrivare in cima.

Tuttavia, l’approccio piccolo e indipendente di Supergiant sembra guadagnare terreno nel settore dei giochi multimiliardari.

“Hades” ha vinto cinque premi quest’anno ai prestigiosi British Games BAFTA Awards ed è stato selezionato per l’Hugo Science Fiction Prize.

“Se ciò che rende speciali i nostri giochi sono le persone che ci lavorano e il modo in cui lavorano insieme, l’intera cultura dello studio dovrebbe essere incentrata sul supporto a lungo termine”, ha detto ad AFP Amir Rao, co-fondatore di Supergiant.

In un settore criticato per aver punito i carichi di lavoro e aver giocato sul sicuro con un sequel di film di successo, Supergiant si è concentrato sull’amore per i giochi della vecchia scuola.

A differenza delle massicce esperienze di gioco di ruolo con grafica simile a un film, “Hades” è un “dungeon crawler” che sfida i giocatori a farsi strada attraverso stanze piene di nemici demoniaci per fuggire dagli inferi.

La grafica è simile all’animazione, con protagonista il figlio di un ribelle del dio greco Ade intento a fuggire dal dominio rifiutante di suo padre.

I personaggi del gioco sono basati sulla mitologia greca, con il cane Rao che canta al Cerbero dalle molte teste.

– “Ufficio” nel soggiorno dei genitori –

Il tipo di etica fai-da-te risale a Rao e al co-fondatore Gavin Simon, che hanno lasciato il lavoro al gigante dei videogiochi Electronic Arts nel 2009 e si sono trasferiti da Los Angeles a San Jose, in California, per avviare Supergiant nel soggiorno della casa d’infanzia di Rao.

READ  Subaru lob WRX STI EJ25 Final Edition da $ 62.440

“Mio padre ha detto che avremmo dovuto avviare una società quando eravamo giovani, e se falliremo, possiamo trovare lavoro due anni dopo e andrà tutto bene”, ha detto sarcastico Rao alla conferenza dei Giochi del 2019.

Supergiant è stato lanciato con quattro uffici Ikea uniti a metà del 2009. Entro nove mesi, sette amici stavano lavorando al suo primo gioco, Bastion, che è stato un enorme successo di startup.

Lo staff originale è al centro di quella che ora è una squadra di 23 persone, con politiche messe in atto per mantenere le prestazioni di Mojo per la squadra.

“Cerchiamo di fare cose per salvarci da noi stessi, perché siamo il tipo di persone a cui piace lavorare l’uno con l’altro e le cose su cui lavoriamo”, ha detto Rao.

Supergiant proibisce ai lavoratori di inviare e-mail dopo le 17:00 il venerdì, per evitare l’effetto domino dei messaggi che coinvolgono le persone nel lavoro nei fine settimana.

I dipendenti devono decollare per almeno 20 giorni all’anno, per assicurarsi di avere delle pause.

Lo studio incoraggia l’accettazione dei propri limiti e la comprensione della vita comporta sfide inaspettate, secondo Rao.

“Per molte persone del team, è stato effettivamente più difficile quando non stavano lavorando”, ha detto dell’impatto dell’epidemia.

“Perché era allora che stavano affrontando più di ciò che stava accadendo nel resto del mondo.”

Il telelavoro era già un evento normale a Supergiant quando il coronavirus gli ha fatto smettere di usare il suo ufficio di San Francisco l’anno scorso.

– “Si adatta alle tue capacità” –

READ  Il PlayStation Network è inattivo a livello globale da oltre un'ora

I membri del team hanno terminato la canzone “Hades” da casa, lasciando il posto di lavoro della loro città per essere catturati dai ladri in loro assenza.

La squadra ora si sta godendo una tregua dopo “Ade” e il loro prossimo progetto deve ancora essere deciso.

Nel frattempo, i giocatori si stanno ancora nascondendo nelle complessità del gioco.

Mentre gli spettacoli coinvolgenti e ad alto budget offrono storie ricche di dettagli, la narrazione di Hell lascia molto all’immaginazione.

E all’Inferno, la morte fa parte del divertimento.

“Se funziona davvero bene quando muori”, ha detto Rao, “sei deluso per brevissimo tempo perché ci sono un sacco di altre cose che stanno per accadere”.

Il gioco consente ai giocatori di avanzare a modo loro e le battaglie variano a seconda della partecipazione.

“Si adatta alle tue capacità”, ha detto di “Hell” Lucas Garcia, uno studente universitario in California che studia informatica.

“Mi ha fatto sentire bene durante la partita, indipendentemente dal fatto che fossi un cliché. È sicuramente un giocatore alle prime armi”.

gc / jm / acb