Ottobre 24, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il Covid-19 ha ucciso tanti americani quanto la pandemia di influenza del 1918-19 | Corona virus

Il Covid-19 ha ora ucciso tanti americani quanto la pandemia di influenza del 1918-19: più di 675.000.

La popolazione degli Stati Uniti un secolo fa era solo un terzo di quella che è oggi, il che significa che l’influenza ha tagliato un’area molto più ampia e mortale in tutto il paese. Ma la crisi del Covid-19 è in ogni caso una tragedia colossale in sé, soprattutto alla luce dei sorprendenti progressi delle conoscenze scientifiche da allora e dell’incapacità di sfruttare al meglio i vaccini disponibili questa volta.

“Le grandi tasche della società americana – e peggio, i loro leader – hanno rinunciato a questo”, ha detto il dottor Howard Markell, storico della medicina presso l’Università del Michigan.

Come l’influenza del 1918-19, il coronavirus potrebbe non scomparire completamente da noi. Invece, gli scienziati sperano che diventi un insetto leggermente stagionale in quanto rafforza l’immunità umana attraverso la vaccinazione e l’infezione ripetuta. Questo potrebbe richiedere del tempo.

Il personale medico si prende cura delle persone affette da influenza in un ospedale tenda di emergenza a Brooklyn, nel Massachusetts, nell’ottobre 1918. Foto: Everett/REX/Shutterstock

“Speriamo che sia come prendere un raffreddore, ma non c’è alcuna garanzia”, ​​ha detto Rustam Antea, biologo della Emory University, che suggerisce uno scenario ottimistico in cui ciò potrebbe accadere nel giro di pochi anni.

Per ora, la pandemia sta ancora attanagliando saldamente gli Stati Uniti e altre parti del mondo.

Mentre l’aumento del numero di infezioni alimentato dal Delta ha raggiunto il picco, i decessi negli Stati Uniti sono in media più di 1.900 al giorno – il livello più alto dall’inizio di marzo – e il bilancio delle vittime totale del Paese ha superato i 675.000 lunedì, secondo Johns. Statistiche della Hopkins University. , anche se si ritiene che la cifra reale sia più alta.

L’inverno potrebbe portare un nuovo boom, poiché l’influente modello dell’Università di Washington prevede che circa 100.000 americani moriranno di Covid-19 entro il 1 gennaio, portando il numero totale di morti negli Stati Uniti a 776.000.

Un'infermiera si prende cura di un paziente nel reparto influenza del Walter Reed Hospital, Washington, 1918.
Un’infermiera si prende cura di un paziente nel reparto influenza del Walter Reed Hospital, Washington, 1918. Foto: Biblioteca del Congresso/AP

La pandemia di influenza del 1918-19 ha ucciso 50 milioni di vittime a livello globale in un’epoca in cui un quarto della popolazione mondiale era come è ora. Il bilancio delle vittime globali di Covid-19 è ora di oltre 4,6 milioni.

Il numero di morti negli Stati Uniti per l’influenza del 1918-19 è un’ipotesi approssimativa, dati i registri incompleti per l’epoca e la scarsa comprensione scientifica di ciò che ha causato la malattia. La cifra di 675.000 proviene dai Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie.

Prima del Covid-19, l’influenza del 1918-19 era universalmente considerata la peggiore pandemia della storia umana. Non è chiaro se l’attuale parassita alla fine si dimostrerà più letale.

Per molti versi, l’influenza del 1918-19, erroneamente chiamata influenza spagnola perché per la prima volta ha ricevuto un’ampia copertura di notizie in Spagna, è stata peggiore.

Si è diffuso a causa del salto nella prima guerra mondiale e ha ucciso a frotte giovani adulti sani.

Non c’era nessun vaccino per rallentarlo e non c’erano antibiotici per curare le infezioni batteriche secondarie. Naturalmente, il mondo era molto più piccolo.

I volontari della Croce Rossa distribuiscono maschere antinfluenzali a un tavolo a San Francisco nel 1918.
I volontari della Croce Rossa distribuiscono maschere antinfluenzali a un tavolo a San Francisco nel 1918. Foto: Hamilton Henry Dubin/California State Library Documentation/EPA

Tuttavia, i viaggi aerei e le migrazioni di massa minacciano di aumentare il bilancio dell’attuale pandemia. Gran parte del mondo non è immune. Il corona virus è stato pieno di sorprese.

Meno del 64% della popolazione degli Stati Uniti ha ricevuto almeno una dose del vaccino e i tassi statali variano da circa il 77% nel Vermont e nel Massachusetts a meno del 46% al 49% in Idaho, Wyoming, West Virginia e Mississippi.

A livello globale, circa il 43% della popolazione ha ricevuto almeno una dose, secondo Our World in Data, con alcuni paesi africani che hanno appena iniziato a somministrare i loro primi vaccini.

“Sappiamo che tutte le pandemie finiscono”, ha affermato il dottor Jeremy Brown, direttore della ricerca sulle cure di emergenza presso il National Institutes of Health, che ha scritto un libro sull’influenza. “Possono fare cose terribili mentre ne hanno bisogno.”

Brown ha affermato che il Covid-19 avrebbe potuto essere molto meno mortale negli Stati Uniti se più persone fossero state vaccinate più velocemente, “e abbiamo ancora la possibilità di capovolgere la situazione”. “Spesso perdiamo di vista quanto siamo fortunati a dare queste cose per scontate”.

READ  L'occhio dell'uccello della NASA Gold rivela dinamiche misteriose all'interfaccia della Terra con lo spazio