Dicembre 8, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il costo del debito del Regno Unito sui mercati internazionali supera la Grecia e l’Italia | Banca d’Inghilterra

Il costo dell’indebitamento britannico sui mercati monetari internazionali è balzato al di sopra dei tassi pagati da Grecia e Italia, poiché i trader aumentano a rischio di insolvenza sul debito pubblico britannico.

Dopo la frenetica ondata di vendite dal budget Kwasi Quarting di venerdì scorso, i titoli di stato britannici a cinque anni hanno subito un calo significativo di valore, con conseguente raddoppio del tasso di interesse sul debito da agosto.

I titoli a cinque anni sono saliti al 4,6%, contro il 4% in Italia e il tasso di interesse del 4,1% pagato dalla Grecia. La Francia ha mantenuto il tasso del 2,3% mentre le obbligazioni tedesche a cinque anni sono state scambiate a un tasso di interesse denominato rendimento del 2,03%.

L’ex vice governatore della BoE Charlie Bean ha affermato che è importante che i mercati obbligazionari ora considerino la Grecia e l’Italia scommesse più sicure dopo diversi giorni di vendite di panico.

Grafico che confronta i rendimenti delle obbligazioni a 5 anni, con il Regno Unito rappresentato in rosso, l’Italia rappresentata in grigio e la Grecia rappresentata in blu

“Ora prendere in prestito al governo del Regno Unito costa più dell’Italia o della Grecia, che tradizionalmente pensavamo non fosse esattamente un caso difficile, ma sicuramente sottoperformando entità sovrane”.

Ha affermato che la banca centrale avrebbe dovuto reagire alle turbolenze del mercato convocando una riunione di emergenza e che la lezione dagli interventi urgenti è “essere grandi, andare veloci”.

Ha aggiunto: “In questa occasione, se fossi stato ancora alla Banca come Vice Governatore, avrei sicuramente consigliato al Governatore di credere che questa fosse una di quelle occasioni in cui avrebbe avuto senso [to call a meeting].

“La cosa principale, se la chiami così, devi prendere misure importanti”.

Lunedì il governatore della Banca d’Inghilterra Andrew Bailey ha rilasciato una dichiarazione sottolineando il desiderio della banca centrale di aumentare i tassi di interesse nella sua lotta contro l’inflazione, ma non ha annunciato un aumento di emergenza dei tassi come alcuni si aspettavano.

Alcuni analisti hanno affermato che il forte aumento dei tassi di prestito a breve termine nel Regno Unito riflette la preoccupazione per le prospettive dell’economia e l’aumento dei livelli di debito in vista delle imminenti elezioni.

I costi inferiori rispetto ad altri paesi per le obbligazioni a 10 anni hanno mostrato che c’era ancora fiducia nella capacità a lungo termine del Regno Unito di pagare gli interessi sul proprio debito.

Il rendimento delle obbligazioni britanniche a 10 anni è stato del 4,1%, mentre gli istituti di credito chiedono il 4,5% sulle obbligazioni italiane della stessa durata e il 4,7% sulle obbligazioni greche a 10 anni.

Un’analisi Reuters ha rilevato che il balzo dei tassi sui prestiti obbligazionari britannici di questo mese è stato maggiore di qualsiasi spostamento mensile nei record comparativi della Banca d’Inghilterra del debito pubblico a 10 anni del Regno Unito nei dati risalenti al 1957.

Gli investitori internazionali detengono la maggior parte dei titoli di stato del Regno Unito, sebbene la Banca d’Inghilterra sia anche un importante prestatore del Regno Unito attraverso il suo schema di allentamento quantitativo da 895 miliardi di sterline.

READ  Il COVID ha bloccato la produzione tessile italiana. La domanda di lana ultrafine australiana si riprenderà?