Settembre 23, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il corpo di un uomo è stato trovato abbandonato in Norvegia per nove anni, secondo la polizia Norvegia

La polizia norvegese ha detto che un uomo è morto nel suo appartamento a Oslo per nove anni prima di essere scoperto da una guardia a dicembre.

L’uomo sulla sessantina era sposato più di una volta e aveva anche figli. Secondo NRK State Broadcasting.

Ma secondo i vicini, si è mantenuto e quando non lo hanno visto hanno pensato che si fosse trasferito o trasferito in un istituto. È stato trovato solo quando la guardia ha chiesto alla polizia di aprire l’appartamento in modo che potesse fare i lavori di manutenzione.

La polizia ritiene che l’uomo sia morto nell’aprile 2011, sulla base di un cartone di latte e una lettera trovati nel suo appartamento. Un’autopsia ha mostrato che è morto per cause naturali.

La sua pensione è stata interrotta nel 2018 quando il Dipartimento norvegese del lavoro e del welfare (NAV) non poteva contattarlo ma le sue bollette hanno continuato a essere pagate automaticamente dal suo conto bancario.

L’ispettorato di polizia di Oslo Great Lynn Metled ha detto a NRK che lei ei suoi colleghi hanno riflettuto a lungo su come qualcuno sarebbe morto per così tanto tempo senza che nessuno li perdesse.

“Questo è un caso speciale e ci ha fatto porre domande su come sia successo”, ha detto a NRK. “Sulla base della foto che abbiamo, era chiaro che era qualcuno che ha scelto di non contattare gli altri”.

Arne Croakan, professore presso l’Università norvegese di scienza e tecnologia, ha detto che sarebbe stato meno probabile che l’uomo sarebbe rimasto morto inosservato per nove anni se fosse morto 30 anni prima.

Ha detto che l’incapacità dei nuovi sistemi tecnologici di sollevare bandiere rosse quando qualcuno non stava effettuando una connessione fisica era “il prezzo che abbiamo pagato per i servizi digitali”.

READ  SEG Plaza in Cina è stata evacuata dopo che l'edificio ha iniziato a tremare, diffondendo il panico nel centro di Shenzhen