Luglio 3, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il CEO di UniCredit afferma che le opportunità per ridurre l’esposizione alla Russia sono “limitate”

Logo della banca UniCredit nel centro di Siena, 29 giugno 2017. REUTERS/Stefano Rilandini

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

MILANO (Reuters) – Il chief financial officer della banca italiana ha detto mercoledì che UniCredit ha “limitate” opportunità di limitare la propria esposizione alla Russia, escludendo un ulteriore sostegno alla controllata russa e sottolineando che non si tratta di un drenaggio finanziario per il gruppo. .

Il Chief Financial Officer Stefano Borro ha affermato che UniCredit (CRDI.MI) sta continuando a valutare le opzioni per ridurre la propria esposizione “nelle giuste circostanze” con un team completamente dedicato.

“Stiamo studiando tutte le potenziali opzioni a un prezzo difendibile”, ha affermato, aggiungendo che il business russo contribuisce alla liquidità del gruppo.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“Siamo mutuatari netti”, ha detto Borough alla conferenza annuale europea sulla finanza di Goldman Sachs a Roma.

La liquidità netta della controllata russa, di cui UniCredit non ha reso noto l’importo, dovrà essere almeno in parte ceduta a un futuro acquirente, ha detto in precedenza a Reuters una persona vicina alla questione.

Borough ha detto che UniCredit ha tempo per decidere come procedere rispetto alla Russia, avendo già prenotato nel primo trimestre il 70% del capitale interessato dalla perdita che subirebbe nella peggiore delle ipotesi. Leggi di più

“Il team specifico è lì, lavora per interessi sia locali che transfrontalieri, e sta cercando di… correre dei rischi nelle giuste circostanze, ma è importante dire che le opportunità ora sono più limitate”, ha affermato.

READ  Mandati obbligatori per il vaccino COVID in arrivo in Europa

Dall’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca, UniCredit ha ridotto la sua esposizione alla Russia, scambiando asset per ridurre il suo portafoglio prestiti transfrontaliero, che secondo Boro ammontava a 3 miliardi di euro (3,2 miliardi di dollari), in linea con il livello di fine marzo.

“La performance è buona perché si stanno esibendo tutti”, ha detto.

Sta anche riesaminando le opzioni a disposizione della sua banca russa, inclusa la vendita, che secondo lui sarebbe un processo complesso e lungo.

Borough ha affermato che la banca ha escluso di fornire ulteriore sostegno finanziario al suo braccio russo, il 14° più grande del paese, con liquidità e capitale azionario.

Ha affermato che l’attuale posizione patrimoniale e di liquidità dell’unità è “buona e solida”, aggiungendo che la controllata mantiene anche i contratti derivati ​​all’interno del gruppo completamente garantiti.

Fonti hanno detto a Reuters che Unicredit ha ampliato la sua ricerca di potenziali acquirenti oltre agli investitori locali per includere paesi come India, Turchia e Cina a causa dell’escalation delle sanzioni economiche occidentali contro la Russia. Leggi di più

(1 dollaro = 0,9314 euro)

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Segnalato da Valentina Za; Montaggio di John O’Donnell e Emilia Sithole Mataris

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.