Gennaio 23, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il CDC perde per incidente il capo esperto di malattie infettive Sherif Zaki

Come riportato dal New York Times, il capo del CDC ha preso il telefono per informare il governo e le forze dell’ordine, osservando che “se Zaki dice che è antrace, chiamo e dico che è antrace”.

Zaki e i suoi investigatori al CDC erano le persone in cerca di risposte sull’epidemia emergente della malattia. Era noto tra i suoi colleghi per le sue vaste conoscenze mediche, le superiori capacità analitiche e investigative e la perseveranza.

Il dottor Chris Paddock, un vecchio amico e collega specialista in malattie infettive presso il CDC, ha sostituito la perseveranza con la testardaggine. Questo tratto, ha detto, ha spinto Zaki a premere dove altri probabilmente avrebbero alzato la mano.

“Gli ho sempre detto che sarebbe diventato un ottimo venditore di auto usate, convincendo altre persone a fare ciò che non necessariamente vogliono fare”, ha detto Paddock.

Il dottor Sherif Zaki, 65 anni, esperto di malattie infettive di fama mondiale, è morto il 21 novembre, dopo aver subito una caduta nella sua casa. Fu tenuto un piccolo funerale privato, con un memoriale pubblico previsto per dopo.

Tra i sopravvissuti, la moglie Nadia, i figli Yasmine e Sami, due fratelli e alcuni nipoti.

Il Dr. Zaki era un residente ortopedico presso l’Università di Alessandria in Egitto quando è stato affascinato dalla patologia e dalle non specialità. In una discussione su una borsa di studio del governo egiziano, è atterrato all’Università della Carolina del Nord a Chapel Hill per conseguire un dottorato di ricerca. Lì, i funzionari universitari hanno chiesto se poteva combinare un dottorato di ricerca. Programma con residenza in patologia, matrimonio di doveri clinici con lavoro in classe.

READ  Test del volo orbitale 2 del Boeing Starliner: aggiornamenti in tempo reale

“Hanno detto che è impossibile”, ricorda Nadia Zaki.

Coraggiosamente, ha fatto domanda per fare lo stesso all’Emory di Atlanta. Dissero di sì e si diressero a sud.

Il suo lavoro su Emory ha attirato l’attenzione del CDC. Dopo aver superato i suoi consigli, il suo allora manager gli ha chiesto di venire e creare una squadra che si adattasse al mandato dell’agenzia per combattere le malattie e salvare vite umane.

Il suo team ha compiuto notevoli progressi, identificando il primo focolaio di hantavirus negli Stati Uniti, trovando il virus Zika nel cervello di bambini brasiliani morti poco dopo la nascita e aiutando a determinare come la malattia è stata trasmessa dalla madre al feto. Di recente, hanno curato l’epidemia di coronavirus, indagando sulla superinfezione e sui danni ai tessuti.

Zaki ha sperimentato tecniche per mettere insieme i pezzi di un puzzle, come l’uso dell’immunoistochimica, la ricerca di proteine ​​nelle cellule dei tessuti per identificare i colpevoli.

Non tutto era degno della prima pagina. C’erano diverse migliaia di casi di basso profilo che coroner e patologi incerti negli ospedali e nei dipartimenti sanitari statali hanno inviato in cerca di risposte.

E Zaki era più appassionato di campioni di tessuto e microscopi ad alta potenza.

“La cosa più importante era che era qualcuno che si preoccupava di educare gli altri e convincerli a condividere la meraviglia della scoperta”, ha detto Inger Damon, capo del ramo di agenti patogeni e malattie del CDC.

I residenti di Emory hanno chiesto uno stage nel suo laboratorio. È stato ampiamente pubblicato e molto richiesto come relatore di conferenze, e ha viaggiato per il mondo insegnando ad altri.

READ  La Russia potrebbe abbandonare la Stazione Spaziale Internazionale nel 2025: cosa succederà dopo?

Ha condiviso lo stesso motivo con la gente comune.

Tom Skinner, un amico e addetto stampa di lunga data del CDC, ricorda che un giorno lo sceriffo lo chiamò con entusiasmo nel suo ufficio per guardare le diapositive.

“È stato divertente”, ha detto Skinner. “Dopo un’ora… mi sono girato verso di lui e gli ho detto che non so come avrebbe potuto farlo perché ognuna di queste fette mi sembrava esattamente la stessa.”

“Ha fatto un sorriso gentile, ha scosso la testa e ha riso”, ricorda.

Paddock e altri lo hanno descritto come un giocatore di squadra, avverso ai riflettori e pronto a condividere il merito con gli altri

“Era il tipo che avrebbe condiviso il suo pranzo con te se lo avessi dimenticato. C’è una grande perdita scientifica ma una grande perdita emotiva”, ha detto.