Giugno 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il capo della banca centrale croata difende l’euro mentre i consumatori si lamentano dell’aumento dei prezzi

Il capo della banca centrale croata difende l’euro mentre i consumatori si lamentano dell’aumento dei prezzi

Il governatore della Banca centrale croata ha eluso le lamentele secondo cui l’introduzione dell’euro avrebbe spinto troppo in alto i prezzi delle società, affermando che la sua adozione ha solo aumentato “leggermente” i costi.

Boris Vujic ha dichiarato al Financial Times che la decisione del paese di diventare il 20° membro della zona euro a gennaio ha fatto salire il prezzo del caffè da asporto e dei tagli di capelli da uomo. Tuttavia, ha affermato, il costo complessivo della vita non è quasi cambiato.

“Ora possiamo affermare con sicurezza che l’impatto dell’introduzione dell’euro non è stato significativo sui prezzi”, ha affermato Vujic, aggiungendo di aver aumentato i prezzi al massimo di 0,4 punti percentuali.

Quando altri paesi hanno adottato l’euro, spesso ha suscitato proteste da parte dei consumatori, i quali hanno sostenuto che le aziende lo stavano usando come scusa per aumentare i prezzi. I critici in Germania hanno inventato la parola “Teuro” per descrivere il fenomeno tra virgolette twerche significa costoso in tedesco.

È stata una storia simile in Croazia, che è entrata nel blocco in un momento in cui l’inflazione era già a due cifre.

Il paese è anche più povero di molti paesi europei – il suo PIL pro capite era la metà della media dell’UE nel 2021, secondo la Banca mondiale – il che significa che le persone sono più vulnerabili a prezzi più alti.

“Molti dei miei amici sono sconvolti”, ha detto Andrea, una cameriera in un piccolo caffè italiano a pochi isolati dalle colonne di pietra bianca della Banca Centrale di Zagabria. “Preferivano Kona. Penso che immaginino molto di questo, ma molti di loro danno la colpa all’aumento dei prezzi.

READ  40 aziende della Camera di Commercio di Bengasi hanno partecipato al Forum Economico Libico-Italiano a Roma - firmando un protocollo d'intesa

Consapevole del rischio di discordia pubblica, il ministro dell’economia del Paese, Davor Filipović, ha avvertito i rivenditori di non “cercare di ingannare i cittadini croati”.

Nelle prime due settimane di utilizzo dell’euro, gli ispettori hanno imposto sanzioni per un totale di 234.000 euro alle aziende per aumenti di prezzo ingiustificati. Il governo ha anche limitato i prezzi di otto prodotti di base, dallo zucchero al pollo, richiedendo ai negozi di mostrare il costo delle merci sia in kune che in euro fino alla fine di quest’anno.

La banca centrale ha monitorato i prezzi di ristoranti e caffè “raccogliendo dati web” da Wolt, il servizio di consegna, e controllando le variazioni di prezzo online per migliaia di altri articoli.

Solo il 10% dei prezzi presso i principali rivenditori è aumentato dopo l’introduzione dell’euro, mentre un quarto è diminuito e il 65% è rimasto invariato, secondo Blog Da funzionari della Banca centrale croata e della Banca centrale europea.

Alcuni dei maggiori aumenti di prezzo si sono verificati presso parrucchieri, caffè e saloni di bellezza, ha affermato Vujic, che ha celebrato il regolare lancio della valuta con il personale davanti a una torta e champagne sotto forma di euro. “È qui che le persone sentono, giustamente, che i prezzi sono aumentati”, ha detto.

Tuttavia, i funzionari hanno anche scoperto che alcuni degli aumenti dei prezzi di gennaio sono stati annullati dopo poche settimane. “Alcuni ragazzi che hanno alzato così tanto i prezzi, hanno scoperto che le persone non volevano comprare il loro caffè, quindi hanno iniziato ad abbassarlo”.

Ha detto che i mercati sono “ancora vivi e ancora funzionanti”.

L’euro era scambiato a 7,5 kune prima del passaggio alla moneta unica.

READ  L'evento inaugurale di BizTimes Media Education cerca di ispirare i leader aziendali a sostenere le scuole ad alto rendimento a Milwaukee

Prima del passaggio, i rivenditori croati valutavano la maggior parte degli articoli a prezzi psicologicamente più interessanti, come 9,99 kune. Una delle maggiori preoccupazioni era che dopo il passaggio, quei prezzi sarebbero stati arrotondati a uno più costoso, come € 1,39. Tuttavia, la banca centrale ha scoperto che solo un numero limitato di rivenditori ha utilizzato questo trucco.

Tuttavia, i gruppi di consumatori non sono convinti. Sei di loro avevano gestito un progetto di “mystery shopper” per tenere traccia dei prezzi di 55 beni e servizi da quando sono passati all’euro e hanno trovato prove di arrotondamento dei prezzi e forti aumenti.

Tanja Popović Filipović del CEIP, uno dei sei gruppi, ha affermato che molti croati avevano un'”immagine negativa” dell’euro, associandolo all’inflazione, e i risultati del progetto “hanno dimostrato che le preoccupazioni dei cittadini per l’aumento dei prezzi dopo l’introduzione del l’euro come valuta ufficiale erano giustificati.”

Ha aggiunto che le pedicure e alcuni tagli di capelli, monitorati dai mystery shopper, costano un quarto in più a gennaio rispetto a prima del lancio dell’euro. Il prezzo di un sacco di riso da 1 kg è aumentato del 14% tra dicembre e gennaio, mentre il prezzo di un sacco di patate da 1 kg è quasi raddoppiato da novembre a gennaio, e il prezzo di un barattolo di yogurt è aumentato di un quarto.

La Banca centrale europea, di cui Vujicic è l’ultimo membro del comitato per la determinazione dei tassi, ha alzato i tassi di interesse di 3,5 punti percentuali senza precedenti dalla scorsa estate nel tentativo di riportare l’inflazione nel blocco al suo obiettivo del 2%.

Stabilendosi nel campo dei membri del consiglio più aggressivi, Vujic ha detto: “Ci sono più aumenti dei prezzi rispetto a dove siamo ora. Quanto? Non lo so. Di più. La lotta contro l’inflazione è tutt’altro che finita”.

READ  Eurozona: l'aumento dei tassi di interesse "kamikaze" della BCE rischia di crollare a causa dell'euro e del crollo economico in Italia | mondo | Notizia

Prima di sostenere la fine degli aumenti dei tassi di interesse, ha affermato che sarebbe necessaria “un’inversione delle dinamiche dell’inflazione sottostante”, il che significa un significativo rallentamento dei prezzi esclusi energia e cibo, che hanno continuato a salire a marzo fino al record dell’eurozona di 5,7 pro capite. cento.