Dicembre 6, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il capo del ministero della Sanità ha affermato che Israele sta ancora aspettando le dosi del vaccino COVID per i bambini

Le esercitazioni navali USA-Israele-UAE-Bahrain sono un messaggio per l’Iran, afferma un funzionario dell’IDF

Un alto funzionario navale israeliano ha affermato che la manovra navale congiunta USA-Israele, Emirati e Bahrein che si svolge nel Mar Rosso è una risposta diretta alla presenza e all’aggressione della marina iraniana nelle acque del Medio Oriente.

“Questa presenza è qualcosa che dobbiamo respingere il più possibile dallo Stato di Israele, dal Mar Rosso, dalle aree che danneggiano la nostra libertà di navigazione… Per farlo, dobbiamo rendere più strette le nostre partnership”, il L’alto ufficiale racconta ai giornalisti, parlando a condizione di anonimato, della sua identità.

Da febbraio, Iran e Israele sono stati accusati di impegnarsi in quella che gli analisti descrivono come una “guerra ombra” navale, in cui navi associate a ciascun paese vengono attaccate nelle acque intorno al Golfo in un colpo di testa.

All’inizio di oggi, la quinta flotta del comando centrale degli Stati Uniti ha annunciato di aver iniziato le esercitazioni nel Mar Rosso con le marine israeliane, degli Emirati e del Bahrein, concentrandosi sulla tattica di “visitare, volare, cercare e confiscare”.

Queste esercitazioni, una delle prime esercitazioni condotte da Israele con la Quinta flotta, arrivano poco più di un anno dopo che Israele ha normalizzato le relazioni con gli Emirati Arabi Uniti e il Bahrain sotto gli accordi di Ibrahim e pochi mesi dopo che Israele è entrato nell’area di responsabilità dell’esercito americano. Il comando centrale si è concentrato sull’est.

Sebbene Israele abbia condotto esercitazioni a fianco degli Emirati Arabi Uniti in passato, le esercitazioni rappresentano la prima cooperazione militare aperta tra Israele e Bahrain.

READ  La New York Restaurant Week dura cinque settimane

“Questa è la prima volta – in mare – che scambiamo conoscenze con il Bahrain, con gli Emirati Arabi Uniti sulle tecnologie professionali e operative”, afferma.

“L’obiettivo qui è espandere la portata delle operazioni della marina israeliana, a beneficio dello Stato di Israele e dell’IDF, per espandere la nostra capacità di rilevamento”. [threats], per espandere la nostra gamma di navigazione, per prevenire il terrorismo marittimo e anche per rispondere, quando dobbiamo, quando è necessario, contro ciò che stanno facendo gli iraniani”, ha detto l’ufficiale.

Secondo l’alto ufficiale della marina, questa esercitazione è una delle tante che Israele e la Quinta Flotta intendono condurre.

Questo esercizio fa parte del piano d’azione e ne vedrai di più l’anno prossimo. Non saranno solo una coppia con gli americani. Poiché la Quinta Flotta lavora con i paesi che fanno parte degli Accordi di Ibrahim, Bahrain ed Emirati Arabi Uniti partecipano a questo esercizio”.