Giugno 17, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il Business Forum Italo-Serbo e la nuova attività italiana nei Balcani – L’Osservatorio Serbo

Il Business Forum Italo-Serbo e la nuova attività italiana nei Balcani – L’Osservatorio Serbo

Scritto da Gaetano Massarà

Martedì e mercoledì scorsi si è tenuto a Belgrado il Forum Italo-Serbo Business and Science con la partecipazione di 250 imprese italiane e 150 serbe. La presenza del Ministro degli Affari Esteri italiano, Antonio Tajani, e del Ministro della Ricerca, Anna Maria Bernini, ha collegato da parte serba non solo la presenza dei corrispondenti Ministri, ma anche la presenza del Presidente, Sig. Aleksandar Vucic, e il Primo Ministro, Sig. Anna Barnabi. Ciò ha fatto sì che l’importanza dell’evento andasse oltre la dimensione economica per assumere un significato politico. La presenza di 1.200 aziende italiane attive in Serbia insieme ai colossi Intesa, Unicredit, Generali e Stellantis (che produrrà il modello elettrico della Panda nello stabilimento di Kragujevac dopo la sua chiusura a seguito della fusione di FCA con PSA) fa parte della spiegazione per questo. L’interscambio commerciale è in costante crescita, raggiungendo i 4,5 miliardi di euro, che collocano l’Italia al terzo posto come partner commerciale del Paese e al secondo investitore dopo la Germania. Per spiegare gli incentivi previsti dal governo serbo per attrarre investimenti esteri, gli accordi di libero scambio con i Paesi extraeuropei e il fascino di Belgrado, una delle capitali europee più vivaci.

Il Forum segue la missione del Ministro Tajani con il Ministro della Difesa italiano, Guido Crosetto, a Belgrado ea Pristina lo scorso novembre per disinnescare la “crisi targa” tra Serbia e Kosovo, e la partecipazione del Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, all’UE. – Il Vertice dei Balcani Occidentali di Tirana lo scorso dicembre e la Conferenza di Trieste dello scorso gennaio con i sei Paesi dei Balcani Occidentali. Seguirà ad aprile la conferenza di Roma con i ministri degli Esteri dei sei Paesi.

READ  Ondata di caldo in Europa: i lavoratori all'aperto in difficoltà minacciano scioperi e scioperi

Il Forum è quindi una tappa nel processo di definizione di una nuova attività italiana in una regione dinamica ma instabile. Ancora al centro dell’instabilità c’è il Kosovo, ex provincia serba che Belgrado ha perso nel 1999 dopo l’intervento della Nato (l’anniversario è stato celebrato venerdì con manifestazioni in tutta la Serbia) e di cui non riconosce la sovranità insieme a un centinaio di Paesi tra cui Russia, Cina e cinque paesi. membri dell’Unione Europea. Il Kosovo ha dozzine di monasteri serbi, quattro dei quali sono patrimonio dell’UNESCO, e c’è Prizren, l’antica capitale dell’Impero serbo. Ci sono albanesi che abitano la regione da secoli e che oggi costituiscono più del 90% della popolazione. I due migliori amici dell’Italia nella regione sono anche il suo paese leader: la Serbia e l’Albania, altra calamita per molte aziende italiane. “L’Italia non è mai stata tra coloro che hanno messo così tanta pressione sulla Serbia”, ha detto Vucic, riferendosi alla proposta di accordo franco-tedesco tra Belgrado e Pristina. Anche per questo l’Italia può svolgere un ruolo importante nella definizione di un quadro regionale di pace e stabilità.

Da parte serba, l’amicizia con l’Italia va oltre la politica di neutralità che Vucic ha perseguito sin dalla sua ascesa al potere nel 2014 e confermata dopo l’aggressione della Russia all’Ucraina. Paese romanticamente legato ai suoi fratelli slavi ortodossi russi, la Serbia non ha aderito alle sanzioni imposte a Mosca nonostante la sua condanna dell’annessione russa delle terre ucraine. Tale riconoscimento minerebbe il principio dell’integrità territoriale degli Stati, che è una base giuridica indispensabile per giustificare il continuo rifiuto dell’indipendenza del Kosovo. Belgrado ha bisogno del sostegno russo. Putin ricambia il mancato rispetto delle sanzioni da parte di Vucic fornendo gas e armi a prezzo scontato alla Serbia, che ospita anche un “centro umanitario” che secondo alcuni nasconde una base militare russa. La neutralità serba si esprime anche attraverso l’acquisto di droni cinesi e gli ottimi rapporti di Vucic con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan.

READ  Dopo aver combattuto la pandemia con il nuovo proprietario, i Pastities at Buffalo Grove sono chiusi

Il successo dell’evento organizzato dall’intraprendente Ambasciatore d’Italia a Belgrado, Luca Gori, è attestato dal fatto che il suo collega francese ha preso a pretesto l’annuncio dell’inviato parigino di esperti di energia e tecnologia a fungere da consulenti della Serbi. Governo. Non è davvero una prova della volontà di sollevare l’atteggiamento paternalistico che le potenze occidentali spesso applicano alla regione.

Gaetano Massara è consulente strategico e finanziario. Attualmente è membro del consiglio di amministrazione dell’AnsAldo Energia, consulente e redattore. È un esperto nei campi dell’energia, della geopolitica e della trasformazione aziendale.

Ha lavorato presso GE Lighting-Tungsram per due anni, dove è stato CEO, Europa meridionale. In precedenza, ha lavorato presso General Electric (GE) per 11 anni, ricoprendo le posizioni di CEO per l’Europa sudorientale, Direttore delle vendite per GE Power per l’Europa centrale e orientale e Direttore del marketing e dello sviluppo aziendale per l’Europa meridionale. In precedenza ha lavorato presso la Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (BERS), dove è stato Banker Associate nel team Municipal and Environmental Infrastructure e Analyst nel team Transport. Ha lavorato anche per la Commissione Europea. Avendo vissuto e lavorato per 20 anni nell’Europa sud-orientale – una regione che comprende ex Jugoslavia, Albania, Bulgaria, Cipro, Grecia, Israele, Malta e Romania – è diventato un esperto della regione e delle sue dinamiche.

Ha conseguito una laurea in Economia e Commercio presso l’Università di Roma, un Master in Relazioni Internazionali finanziato dal Ministero degli Affari Esteri italiano e un Diploma in Macroeconomia presso la Yale University, USA. Ha anche svolto parte dei suoi studi in Francia e Spagna. Gaetano parla correntemente inglese, francese e spagnolo ed è la lingua madre dell’italiano. Può comunicare in bosniaco / croato / montenegrino / serbo. Come atleta è stato cinque volte “Ironman” di triathlon, campione italiano di canottaggio e partecipante a regate veliche. Attualmente vive tra Belgrado (Serbia), Roma (Italia) e Zagabria (Croazia).