Gennaio 23, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il bilancio delle vittime di Haiti per l’esplosione di una “bolla di fuoco” della petroliera capovolta sale a 75 mentre la carenza di carburante e i prezzi sconvolgono il paese

Almeno 75 persone sono state uccise dopo che una petroliera si è capovolta ed è esplosa nel nord di Haiti, provocando una palla di fuoco che ha travolto case e aziende.

Resta inteso che l’autocisterna è rotolata mentre cercava di evitare una motocicletta e ha preso fuoco martedì sera, ora locale, nella città di Cap-Haitien.

Decine di cadaveri hanno fiancheggiato le strade del luogo dell’esplosione, mentre i residenti locali si sono precipitati nell’area con dei secchi per recuperare la benzina dal camion.

Haiti soffre di una grave carenza di carburante e sta affrontando un forte aumento dei prezzi del carburante, che ha paralizzato ospedali, scuole e aziende.

La situazione ha anche spinto i governi degli Stati Uniti e del Canada a sollecitare i propri cittadini a tornare a casa.

“Abbiamo perso molte vite”

Due donne in camice da ospedale somministrano fluidi a una vittima di ustione mentre vengono poste sotto un foglio di stagno nel retro di un camion.
Almeno 75 persone sono morte dopo l’esplosione di un’autocisterna che trasportava benzina. (Afp: Joseph O’Dellin)

Il fumo ha continuato ad incendiare edifici e veicoli ribaltati ore dopo l’esplosione mentre i vigili del fuoco hanno coperto i corpi carbonizzati e li hanno caricati su un camion.

Centinaia di haitiani hanno guardato dai tetti increduli per la perdita di vite umane.

Il dottor Ariel Henry, il primo ministro, ha visitato le vittime in ospedale che erano state fasciate dalla testa ai piedi o stavano combattendo per la propria vita.

Il vicesindaco di Cap-Haitien, Patrick Almonor, è rimasto scioccato dall’incidente.

“Quello che è successo è orribile”, ha detto.

Un uomo avvolto in garze e bende siede a testa in giù su un letto d'ospedale mentre i medici lavorano intorno a lui
MSF assiste il personale ospedaliero locale nel trattamento delle vittime di ustioni. (Afp: Joseph O’Dellin)

Tra i sopravvissuti c’era Richie Joseph, che ha trascorso ore sul terreno del Justinen University Hospital collegato a una flebo mentre aspettava il suo letto.

Breonna Lourdes, la sorella del signor Joseph, ha detto che ha lasciato la sua casa di famiglia a tarda notte per procurarsi del cibo.

Dopo aver sentito l’esplosione, si precipitò fuori dalla baraccopoli in preda al panico.

“Prego Dio che non si uccida”, ha detto la signora Lord.

La casa di Abraham Joannis è stata una delle 50 case che hanno preso fuoco dopo l’esplosione.

Portava in giro la chitarra che aveva salvato dai resti carbonizzati della sua casa.

Un pompiere in piedi accanto al relitto di un camion nero carbonizzato che trasportava benzina esplosa
Un pompiere si trova accanto ai resti carbonizzati di un’autocisterna. (Afp: Joseph O’Dellin)

“Subito”, ha detto, “sono partito con la mia famiglia e sono andato dall’altra parte fino al ponte”.

La disperazione ad Haiti ha costretto i locali poveri ad affannarsi per la benzina a causa di una grave carenza di benzina, e questa è la ragione dell’alto numero di morti.

Gli haitiani sono sull’orlo dell’attentato dall’assassinio del presidente Jovenel Moise a luglio, così come il terremoto di magnitudo 7,2 poche settimane dopo che ha ucciso 2.200 persone e distrutto decine di migliaia di case.

Haiti ha anche visto un aumento dei rapimenti di bande, tra cui 17 missionari americani rapiti a ottobre.

Cinque sono stati rilasciati finora, ma 12 sono ancora detenuti.

Gli ospedali sono mal attrezzati per le vittime

Gli ospedali di Cap-Haitien sembravano mal equipaggiati per affrontare il disastro e 15 vittime sono state trasportate in aereo negli ospedali della capitale, Port-au-Prince.

Alcune vittime di ustioni sono state curate dalle équipe di MSF.

Il coordinatore medico dell’ONG, Jean-Gilbert Ndong, ha affermato che il trattamento delle vittime di ustioni è complesso.

“Sopravvivere e riprendersi da gravi ustioni è un processo impegnativo che richiede cure mediche specializzate, spesso per settimane o mesi”, ha affermato il dott. Ndong.

Il primo ministro Ariel Henry è visto confortare un uomo che è caduto sul terreno dell’ospedale perché non ci sono abbastanza letti nell’ospedale.

Il primo ministro ha promesso più aiuto negli ospedali da campo e in un contingente di professionisti medici.

Pochi minuti dopo aver lasciato la struttura, altri cinque pazienti sono morti.

“L’intera nazione haitiana è triste”, ha detto Henry.

Il presidente del Consiglio ha dichiarato tre giorni di lutto nazionale.

ABC / filo

READ  L'esercito sudanese arresta tre attivisti ma rilascia il primo ministro deposto mentre la pressione globale aumenta dopo il golpe