Novembre 30, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il bilancio delle vittime delle inondazioni nel nord della Turchia è salito a 31 e centinaia di aree colpite sono state evacuate

I soccorritori hanno lottato per alleviare le inondazioni nella regione turca del Mar Nero, poiché il bilancio delle vittime è salito a 31 nel secondo disastro naturale che ha colpito il paese questo mese.

Le inondazioni, tra le peggiori in Turchia, hanno causato il caos nelle province settentrionali quando le autorità hanno dichiarato il controllo degli incendi boschivi che hanno imperversato nelle regioni costiere meridionali per due settimane.

Le inondazioni hanno gettato decine di auto e cumuli di macerie nelle strade, distrutto ponti, chiuso strade e tagliato l’elettricità a centinaia di villaggi.

“Questo è il peggior disastro alluvionale che abbia mai visto”, ha detto ai giornalisti il ​​ministro degli Interni Suleyman Soylu giovedì dopo aver esaminato i danni nelle province di Bartin, Kastamonu e Sinop.

La Direzione dei disastri e della gestione delle emergenze (AFAD) ha affermato che 29 persone sono morte a causa delle inondazioni a Kastamonu e altre due persone sono morte a Sinop.

I politici dell’opposizione hanno affermato che mancano molte persone e che il bilancio delle vittime potrebbe aumentare notevolmente.

Tuttavia, non c’è stato alcun cambiamento nel conteggio ufficiale tra venerdì mattina e pomeriggio.

“L’infrastruttura nel distretto di Ayangik è completamente crollata. Il sistema fognario è distrutto. Non c’è elettricità né acqua”, ha detto a Reuters il sindaco di Sinop Paris Ayhan.

Edifici distrutti dopo le inondazioni nel nord della Turchia
Tre contee sono state dichiarate aree disastrate.(

Afp: Ismael Coskun/IHA

)

Inondazioni e incendi, che hanno ucciso otto persone e distrutto decine di migliaia di ettari di foresta, hanno colpito la La stessa settimana un panel delle Nazioni Unite ha affermato che il riscaldamento globale era pericolosamente vicino a una spirale fuori controlloHa avvertito che le condizioni meteorologiche avverse diventeranno più dure.

L’agenzia di stampa algerina ha citato le autorità meteorologiche secondo cui circa 45 centimetri di pioggia sono caduti in meno di tre giorni in un villaggio vicino alla zona più colpita, il distretto di Bozkurt a Kastamonu.

Centinaia di aree allagate sono state evacuate

I filmati dei primi momenti dell’alluvione a Bozkurt hanno mostrato che il fiume lì traboccava in un diluvio in rapido movimento, abbattendo alberi e rimorchiando veicoli.

La piccola città di Bozkurt si trova in una valle lungo le rive del fiume Ezine nella contea di Kastamonu, a 2,5 chilometri dal Mar Nero.

Auto distrutte in strada dopo inondazioni e frane nella città di Bozkurt
Molti villaggi sono rimasti senza elettricità venerdì.(

AP: IHA

)

I membri del Partito popolare repubblicano all’opposizione hanno attribuito il livello di distruzione della zona ai vasti lavori di costruzione sulle rive del fiume negli ultimi anni.

Parlando a Bozkurt, il presidente Recep Tayyip Erdogan ha dichiarato le tre province una zona disastrata.

Il Disaster and Emergency Management ha affermato che più di 1.700 persone sono state evacuate dalle aree colpite dall’alluvione, alcune con l’aiuto di elicotteri e barche.

I filmati diffusi dal Ministero degli Interni hanno mostrato che gli elicotteri hanno sganciato il personale della guardia costiera sui tetti per salvare le persone bloccate mentre l’acqua scorreva nelle strade.

Circa 190 villaggi sono rimasti senza elettricità venerdì pomeriggio.

Il Dipartimento dei disastri e delle strade ha aggiunto che cinque ponti sono crollati e molti sono stati danneggiati, portando alla chiusura delle strade.

Anche parti delle strade sono state spazzate via.

L’Autorità meteorologica turca ha affermato che sono previste piogge più intense nella regione centrale e orientale del Mar Nero con il rischio di ulteriori inondazioni.

Reuters

READ  La Malesia avverte l'Australia che il progetto sottomarino nucleare potrebbe "provocare altre potenze" in Asia