Maggio 25, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il Big Bang di una stella massiccia – Una nuova sorprendente visualizzazione astronomica

Il modello stellare violento Eta Carinae si basa su osservazioni a più lunghezze d’onda

Un tempo era una delle stelle più luminose del cielo, facilmente visibile ai marinai che navigavano nel cielo meridionale a metà degli anni Quaranta dell’Ottocento. Ma la star Eta Karina è scomparsa presto dopo un breve sfogo. Ora, più di un secolo e mezzo dopo, Nasa Gli osservatori spaziali (che esplorano la luce infrarossa attraverso i raggi X) hanno consentito ad astronomi e artisti di assemblare un modello 3-D della Nebulosa Homunculus e delle nubi di polvere e gas che accompagnano la stella Alnetair. Più che una visualizzazione sorprendente, la storia del Big Bang del 1843 e la storia della nebulosa espulsa sono progettate per arricchire l’apprendimento astronomico, uno degli obiettivi principali del World of Learning della NASA.

La visualizzazione esplora il Big Bang di una stella enorme

Una nuova visualizzazione astronomica dell’Universo dell’apprendimento della NASA mostra le emissioni a più lunghezze d’onda (dalla luce infrarossa ai raggi X) e le strutture tridimensionali che circondano Eta Carinae, una delle più grandi stelle in eruzione della nostra galassia. Il video “Eta Karina: The Big Bang of a Massive Star” è stato rilasciato oggi. (Guarda il video incorporato sopra.)

L’Eta Carinae, o Eta Carre, è nota per la sua brillante e insolita esplosione, chiamata “Big Bang”, osservata negli anni ’40 dell’Ottocento. Questo l’ha resa brevemente una delle stelle più luminose del cielo notturno, rilasciando quasi la stessa quantità di luce visibile di un’esplosione di supernova.

La stella sopravvisse all’esplosione e svanì lentamente nei successivi cinque decenni. Il motivo principale di questo cambiamento di luminosità è una piccola nebulosa di gas e polvere, chiamata Homunculus Nebula, che è stata espulsa durante l’esplosione, bloccando la luce della stella.

READ  I robot di Marte prendono il controllo della velocità di crociera durante un evento solare

Appunti usando la NASA Telescopio spaziale Hubble L’Osservatorio a raggi X Chandra rileva i dettagli nei raggi X, ultravioletti e visibili. Astronomi e artisti dello Space Telescope Science Institute (STScI) di Baltimora, nel Maryland, hanno sviluppato modelli 3-D per rappresentare la forma a clessidra della gente e le nubi di gas incandescente che la circondano. Il risultato è uno straordinario tour dell’interferometria che porta le immagini 2D alla vita in 3D.

“Il team ha svolto un lavoro straordinario nella rappresentazione di strati volumetrici in modo che gli spettatori possano comprendere istantaneamente e intuitivamente la complessa architettura attorno all’Eta Car”, ha affermato Frank Summers, Principal Visualization Scientist di STScI e responsabile del progetto. “Non solo possiamo raccontare la storia del Big Bang, ma possiamo anche visualizzare la nebulosa risultante in 3D”.

Inoltre, l’Eta Car è molto luminosa alle lunghezze d’onda dell’infrarosso e la sua radiazione colpisce la molto più grande Nebulosa Carina in cui si trova. Lavorando con lo Spitzer Space Telescope della NASA, il team è stato in grado di inserire l’Eta Car nel contesto di uno sfolgorante display a infrarossi della regione di formazione stellare.

“L’immagine a infrarossi di Spitzer ci consente di scrutare attraverso la polvere oscurando la nostra vista nella luce visibile per rivelare i dettagli intricati e l’estensione della nebulosa Carina attorno a questa stella luminosa”, ha affermato Robert Hurt, Principal Visualization Scientist presso Caltech/IPAC e membri del team.

Espandendo gli obiettivi dell’Universo dell’apprendimento della NASA, Visualization Assets promuove l’apprendimento al di fuori della sequenza video. “Possiamo prendere questi modelli come quelli di Eta Carr e usarli nella stampa 3D e nei programmi di realtà aumentata”, ha osservato Kim Arcand, scienziato capo della visualizzazione presso il Chandra X-ray Center di Cambridge, nel Massachusetts. “Ciò significa che più persone possono mettere le mani sui dati – letteralmente e per impostazione predefinita – e questo porta a un migliore apprendimento e condivisione”.

READ  Le ossa di dinosauro sono state trovate in Australia e sono una delle più grandi

Eta Karina è una delle più grandi star conosciute. Queste stelle eccezionali sono soggette a eruzioni durante la loro vita. Termineranno la loro vita crollando Buco nero, forse accompagnato da un’esplosione di supernova. Eta Car è uno dei primi esempi e la migliore lezione per conoscere la vita attiva e la morte di stelle molto massicce.

Voglio sapere di più? Il video di visualizzazione e le relative risorse complete, che tratteranno il prossimo mondo dell’apprendimento tramite chat online dal vivo con Summers sulla visualizzazione, sono disponibili all’indirizzo https://universeunplugged.ipac.caltech.edu/video/astroviz-eta-car.

L’Universo dell’apprendimento della NASA fa parte del programma NASA Activate Science. Science Activation connette esperti scientifici della NASA, contenuti reali, esperienze e leader della comunità in un modo che attiva le menti e promuove una comprensione più profonda del nostro mondo e oltre. Utilizzando la sua affiliazione diretta con la scienza e gli esperti dietro la scienza, Learning Scientist della NASA fornisce risorse ed esperienze che consentono a giovani, famiglie e studenti per tutta la vita di esplorare questioni fondamentali nella scienza, sperimentare come funziona la scienza e scoprire l’universo da soli.

I materiali dell’Universo di apprendimento della NASA si basano sul lavoro che la NASA sostiene nell’ambito di un accordo di collaborazione che assegna NNX16AC65A allo Space Telescope Science Institute, in collaborazione con Caltech/IPAC, Center for Astrophysics | Harvard, Smithsonian e Jet Propulsion Laboratory.