Maggio 8, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il bar USA chiama il cliente “l’unica ragazza sola” quando consegna la bevanda

Una donna è arrabbiata per il nastro descrittivo “irrispettoso” che le è stato fornito sulla ricevuta dopo essere uscita per una serata fuori.

La donna residente negli Stati Uniti era fuori a bere a Washington, DC, e ha deciso di viziarsi con un po ‘di margarita.

Tuttavia, la sua divertente serata cocktail è stata rovinata quando il conto è arrivato alla fine della serata.

La ricevuta mostrava che aveva consumato quattro bevande diverse, per un totale di $ 64 (AUD $ 80). il Sole Rapporti.

Ma la parte sfacciata è stata il modo in cui è stata citata nel coupon da Servant Sean, che ha scritto “La ragazza da sola”.

La donna ha preso Twitter Ha condiviso una foto della ricevuta e ha scritto: “Questa descrizione è estremamente irrispettosa”.

Relazionato: Una risposta inaspettata a una nota di parcheggio scortese

Il suo tweet è diventato rapidamente virale e ha raccolto più di 609.000 Mi piace, con molte persone che hanno condiviso la loro simpatia.

“Tipo perché indichi quello ?? come il tuo imbarazzo per cosa?”, Ha scritto una persona.

“Anch’io sono quella persona! Molto amore per i compagni di viaggio da solista (penso che ci sia una correlazione positiva tra la dipendenza condivisa e il grado di confusione sull’attività sociale indipendente … Leggi: sono loro”, ha aggiunto un’altra persona, mentre un terzo ha detto : “Le tue maniglie dovrebbero ora essere cambiate in” A Girl Alone “.

Tuttavia, la descrizione ha causato una divisione perché altri non hanno visto alcun problema con essa.

“Perché mancare di rispetto? Sembra un modo semplice per aiutare i camerieri a conoscere gli ospiti che servono. Come vorresti che ti descrivessero: colore dei capelli e vestiti”, ha commentato uno.

READ  Il cessate il fuoco di Kirghizistan e Tagikistan pone fine agli scontri al confine che hanno ucciso 49 persone

“Solo negli Stati Uniti ci si può affezionare a tutto questo. Abbiamo problemi più grandi a cui pensare di questi piccoli”, ha continuato.

L’ospitalità ha ammesso che nei ristoranti fanno sempre “nomi strani”.

“Nessuno se ne accorge. Ammetto che per tutti gli anziani, il mio collega mette i” vecchi “e loro non lo sapranno mai.

Questo articolo è originariamente apparso il Sole Riprodotto con permesso