Aprile 2, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il 68enne corridore della Tasmania ha a portata di mano la sua centesima maratona

Il maratoneta di Launceston Michael Booth non mostra segni di rallentamento mentre insegue un’impresa impressionante.

Il 68enne è un passo più vicino al suo obiettivo di correre 100 maratone.

Booth ha recentemente corso la 93a maratona sulla Sunshine Coast nel Queensland.

È molto lontano dai suoi umili inizi nel 2002, quando aveva 48 anni.

“Tutto quello che ho fatto è stato per mia moglie, i miei figli, la nostra famiglia e io ho 48 anni e penso che sia ora di fare qualcosa per me stesso”, ha detto.

“Mio fratello ed io, siamo andati a fare una corsa su e giù per Cormiston Road a Riverside, dove viviamo e mi sono divertito.”

Si è agganciato rapidamente.

Quindi Booth è stato introdotto alla corsa a lunga distanza e non ha mai guardato indietro.

Ora è il proprietario di alcuni risultati significativi nella corsa.

Il contabile in pensione ha corso la maratona di 42 chilometri in ogni stato e territorio australiano, nonché in ogni continente.

“È uno stile di vita”, ha detto Booth.

“È nella natura, corre per le strade di campagna.

“Vedi una scena che il 98 percento degli altri tasmaniani non può vedere.

“Funziona con gli amici, il cameratismo e l’allegria.”

Ha corso la sua prima maratona a Hobart nel 2003.

Da allora, il nonno di Riverside a Launceston ha portato le sue imprese a correre in giro per il mondo.

Tra le 93 maratone che ha corso ci sono le maratone di Boston, Atene e Rio de Janeiro e la Great Wall Marathon.

Vecchio con i baffi che corre una maratona in città.
Booth gareggia nella maratona di Boston 2009.(In dotazione: Michael Booth)

Nel 2014 ha corso una maratona in Antartide.

“Penso di essere l’unico in Tasmania ad aver corso una maratona in ciascuno dei sette continenti della terra”, ha detto.

Dall’Antartide alla Grande Muraglia

Booth ha detto che andare in Antartide era “come visitare un altro pianeta”.

“Abbiamo messo strati e strati di apparecchiature termiche e abbiamo percorso 42 chilometri nel ghiaccio e nella neve e abbiamo corso attraverso l’acqua gelida e le feci e le rocce dei pinguini e tutto il resto”, ha detto.

“Non ci siamo preoccupati di quanto tempo ci è voluto”.

La Grande Muraglia Cinese è stata un’altra esperienza indimenticabile.

“Parte della maratona si corre sul muro e in lungo e in largo, si corre attraverso due antichi villaggi”, ha detto.

“Apprezzare che stai lavorando su qualcosa che puoi vedere dallo spazio e che è stato costruito nell’antichità è molto esaltante.”

Runner in piedi in cima alla maratona della Grande Muraglia sotto un cielo limpido.
Stand dopo aver completato la Great Wall Marathon 2011 in Cina.(In dotazione: Michael Booth)

Ha corso nove maratone della costa del sole su dieci, 20 maratone di Hobart Cadbury e l’iconico Overland Trail in Tasmania sono tra le sue corse preferite.

Ha affrontato molte delle sfide di corsa più famose della Tasmania; Tre Cime, Sfida Freycinet, Triplo Picco, Punta al Pinnacolo.

Nel 2019 ha coperto la distanza totale percorsa a più di 40mila chilometri, ovvero la lunghezza dell’equatore.

Corre quattro volte a settimana.

Scene ambientate sul clacson

Il padre di quattro figli ha guadagnato sette maratone fino a raggiungere il suo obiettivo di correre 100 maratone.

READ  Epic donerà due settimane dei proventi di "Fortnite" agli sforzi umanitari in Ucraina