Maggio 21, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Il 6 gennaio, un processo antisommossa ha condannato l’uomo del Texas Jay Wesley Rivette per aver preso d’assalto il Campidoglio degli Stati Uniti

Il processo a un uomo del Texas che ha preso d’assalto il Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio dello scorso anno si è concluso con la sua condanna a tutte le accuse.

Questa vittoria è una pietra miliare per i pubblici ministeri federali nel primo processo tra centinaia di casi derivanti dalle rivolte.

Jay Wesley Rivett è stato condannato per aver preso d’assalto il Campidoglio con una pistola carica, aver ostacolato un’udienza del Congresso congiunta per certificare un voto al Collegio Elettorale, aver interferito con gli agenti di polizia a guardia del Campidoglio e minacciato i suoi due figli adolescenti se lo avessero denunciato alle forze dell’ordine dopo l’attacco. .

La giuria ha scambiato circa tre ore e lo ha ritenuto colpevole di tutte le accuse.

Rivett, 49 anni, non ha testimoniato al suo processo, iniziato mercoledì scorso. Non ha mostrato una reazione visibile nei confronti dell’arbitro, ma il suo viso era coperto da una maschera.

Sua moglie, Nicole, ha detto alla corte che la sentenza era “contro tutti gli americani”.

Ha detto che suo marito viene usato come esempio dal governo.

«Siete tutti in pericolo», disse.

    Uno schizzo dell'artista Jay Wesley Rivett e del suo avvocato che parlano con lui in tribunale.
L’avvocato di Rivett ha detto che non c’erano prove che abbia danneggiato personalmente la proprietà, usato la forza o inflitto danni fisici a qualcuno.(Dana Verchotrin tramite AP)

Durante le discussioni conclusive per il processo di lunedì, l’assistente del procuratore degli Stati Uniti Risa Berkauer ha detto ai giurati che Rivette si era recata a Washington, DC, con l’obiettivo di impedire al Congresso di certificare la vittoria elettorale del presidente Joe Biden.

Il procuratore generale ha detto che Rivett ha “acceso il fuoco” con orgoglio, consentendo ad altri membri della folla di sopraffare gli agenti di polizia del Campidoglio vicino ai cancelli del Senato.

Rivett non è stato accusato di essere entrato in Campidoglio.

L’avvocato difensore William Welch ha affermato che non c’erano prove che Rivett abbia danneggiato proprietà, usato la forza o danni fisici a nessuno.

Fumo in Campidoglio
Più di 750 persone sono state accusate per i disordini al Campidoglio.(AFP: Manuel Palcy Senita)

Rivette ha affrontato un totale di cinque accuse: ostruzione ai procedimenti ufficiali, presenza illegale in Campidoglio mentre era armato di arma da fuoco, trasporto di armi da fuoco durante disordini civili, interferenza con le forze dell’ordine durante disordini civili e ostruzione alla giustizia.

Verrà condannato l’8 giugno. Potrebbe essere condannato a 20 anni di prigione solo al primo conteggio, ma probabilmente dovrà affrontare molto meno tempo dietro le sbarre.

Altri rivoltosi si sono già dichiarati colpevoli. La condanna più lunga fino ad oggi è di cinque anni e tre mesi per Robert Palmer, un uomo della Florida che si è dichiarato colpevole di aver attaccato gli agenti di polizia al Campidoglio.

I disordini hanno provocato la morte di cinque persone, tra cui un agente di polizia. Più di 100 ufficiali sono rimasti feriti.

Uno striscione con il defunto agente di polizia del Campidoglio degli Stati Uniti Brian Siknik
L’agente di polizia Brian Siknik è stato ucciso nelle rivolte del 6 gennaio.(AFP: Brendan Smialofsky)

I rivoltosi hanno causato più di $ 1 milione ($ 1,3 milioni) di danni al Campidoglio.

L’ex presidente Donald Trump, il giudice che ha supervisionato il processo, ha nominato il giudice distrettuale degli Stati Uniti Dabney Friedrich nel 2017.

I giurati hanno guardato video che ritraggono lo scontro tra alcuni agenti di polizia del Campidoglio e una folla, incluso Rivett, che si è avvicinato a loro sul lato ovest del Campidoglio.

Armato con una pistola in una fondina in vita, Rivett indossava manette con cerniera e indossava giubbotti antiproiettile e un elmetto dotato di una videocamera quando si è avvicinato alla polizia, hanno detto i pubblici ministeri.

I pubblici ministeri hanno detto che si è ritirato dopo che un agente gli ha spruzzato del pepe in faccia, ma che ha salutato altri rivoltosi che alla fine hanno fatto irruzione nell’edificio.

Un uomo seduto che indossa una giacca blu e un casco nero, fotocamera frontale, con in mano una bottiglia d'acqua.
Rivett non è entrato in Campidoglio dopo essere stato spruzzato al peperoncino durante uno scontro con gli ufficiali.(Reuters)

Prima che la folla potesse avanzare, Rivett ha usato il suo megafono per gridare alla polizia di farsi da parte e ha esortato la folla ad andare avanti e aggirare gli ufficiali.

“Uccidi i traditori”

Il figlio diciannovenne di Rivett, Jackson, ha testimoniato giovedì scorso che suo padre ha minacciato lui e sua sorella, allora 16enne, dopo essere tornato a casa da Washington.

Rivett disse ai suoi figli che sarebbero stati dei traditori se lo avessero denunciato alle autorità e avessero detto: “I traditori vengono fucilati”, ricorda Jackson Rivett.

Sua sorella minore Peyton è stata indicata come potenziale testimone del governo ma non ha testimoniato.

Ha detto che avrebbe parlato di più in seguito a suo tempo, ma: “I bambini non dovrebbero essere usati contro i genitori”.

Jackson Rivett ha usato il suo telefono per registrare segretamente suo padre che si vantava del suo ruolo nelle rivolte.

Jackson Rivett ha inizialmente chiamato l’FBI la vigilia di Natale, meno di due settimane prima dei disordini, per segnalare le preoccupazioni sul comportamento di suo padre e la retorica sempre più inquietante.

Ma l’FBI non ha risposto fino al 6 gennaio, dopo lo scoppio dei disordini.

Il leader orgoglioso ha arrestato i ragazzi

Il leader del gruppo di estrema destra “Broad Boys” è stato arrestato con l’accusa di cospirazione per il suo sospetto ruolo nelle rivolte del Campidoglio.

Henry “Enrique” Tarrio non era presente quando sono scoppiati i disordini: la polizia lo ha arrestato a Washington due giorni fa per aver vandalizzato un’insegna in una storica chiesa nera.

Il leader dei ragazzi orgogliosi Henry "Enrico" Tario indossa un cappello con la scritta The War Boys durante una manifestazione a Portland, nell'Oregon.
Il leader dei Proud Boys Henry “Enrique” Tarrio è stato arrestato per cospirazione in relazione all’attacco del 6 gennaio.(AP: Alison Diner)

Il giorno prima dell’attacco al Campidoglio, un giudice ha ordinato al signor Tario di rimanere fuori Washington.

L’accusa afferma che il signor Tario non ha lasciato la città come avrebbe dovuto.

Invece, ha incontrato il fondatore e leader di Oath Keepers Elmer “Stewart” Rhodes e altri in un parcheggio sotterraneo per circa 30 minuti.

“Durante questo incontro, uno dei partecipanti ha indicato il Campidoglio”, si legge nell’atto d’accusa.

L’accusa è un’ulteriore prova della misura in cui il Dipartimento di Giustizia intende perseguire i leader di gruppi estremisti i cui membri sono sospettati di aver pianificato e attaccato il Campidoglio degli Stati Uniti, anche se essi stessi non erano presenti.

Zero addebiti di trama attivi in ​​combinazioni strutturate pretracciate.

READ  L'Australia potrebbe usare le restrizioni di Covid per giustificare il boicottaggio diplomatico delle Olimpiadi invernali di Pechino | Politica estera australiana