Ottobre 22, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I titoli italiani e greci sono fissati per la migliore seduta da marzo

Giovedì i rendimenti dei titoli italiani e greci sono stati fissati per il più grande calo giornaliero da oltre un mese, mentre i mercati azionari si sono ripresi dalla recessione del giorno precedente. I rendimenti dell’Eurozona, guidati dalle obbligazioni più rischiose dell’Europa meridionale, sono diminuiti bruscamente mentre i mercati azionari si sono ripresi dalle loro maggiori cadute quest’anno mercoledì, quando il crollo delle criptovalute ha colpito gli asset più rischiosi.

Il rendimento delle obbligazioni a 10 anni è sceso di 6 punti base oggi entro il 1443 GMT all’1,06%, segnando il più grande calo giornaliero dall’11 marzo. I rendimenti decennali greci sono diminuiti in modo simile all’1,03%, anche per il più grande calo giornaliero dall’11 marzo.

Richard McGuire, responsabile della strategia dei prezzi presso Rabobank, ha affermato che mentre le mosse assomigliano a scambi basati sul rischio con azioni più elevate e obbligazioni con rating inferiore combinati, il calo di un indicatore chiave delle aspettative di inflazione e dei prezzi del petrolio più bassi non lo ha supportato. Scenario. L’indicatore di mercato delle aspettative di inflazione a lungo termine nell’Eurozona è sceso al minimo da oltre una settimana, al di sotto dell’1,57%.

“(Questa mossa) si inserisce in un quadro che determina la nicchia di sviluppo rilevante dopo la recente espansione che ha evidenziato il valore del debito subordinato”, ha detto McGuire. I rendimenti dell’Eurozona sono aumentati con le obbligazioni dell’Europa meridionale, che offrono rendimenti più elevati, e hanno registrato prestazioni scadenti da aprile a causa dell’incertezza su quando la Banca centrale europea rallenterà i suoi acquisti di obbligazioni di emergenza pandemiche mentre le prospettive economiche del blocco migliorano con vaccinazioni più rapide.

READ  I politici sono alle prese con il modo migliore per andare avanti mentre lo slancio rallenta

Il capo economista della Banca centrale europea Philippe Lynn ha detto giovedì di avere “molto lavoro da fare” per portare l’inflazione al 2%. Il rendimento decennale tedesco, il benchmark per il blocco, è rimasto invariato a -0,11% dopo essere salito in precedenza.

Il verbale della riunione della Federal Reserve pubblicato mercoledì, che mostra che alcuni politici stanno valutando di iniziare a discutere di ridurre gli acquisti di obbligazioni se l’economia statunitense continua il suo rapido progresso, ha avuto un impatto minore sui rendimenti dei titoli tedeschi rispetto ai titoli del Tesoro USA. “Gli investitori europei guarderanno alla Banca centrale europea e sapranno che non è nella stessa posizione della Fed”, ha affermato Andy Cosor, analista dei tassi di interesse di DZ Bank.

“Tutti i recenti discorsi sulla politica della Banca centrale europea non sono stati nella stessa direzione della Fed, quindi gli investitori europei possono essere un po ‘più rilassati riguardo alle prospettive di politica monetaria”, ha aggiunto. Dopo che le vendite combinate di titoli di Stato – dove le banche di investimento vendono il debito direttamente agli investitori finali – hanno premuto i prezzi delle obbligazioni all’inizio della settimana, l’offerta di giovedì tramite un’asta da Spagna e Francia, che è relativamente più breve, è stata assorbita più facilmente.

(Questa storia non è stata modificata dallo staff di Devdiscourse e generata automaticamente da un feed condiviso.)