Maggio 20, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I serbi tengono i ritagli di Vladimir Putin durante le celebrazioni del Giorno della Vittoria filo-russo mentre l’ambasciatore russo in Polonia viene attaccato

Manifestazioni filo-russe furono organizzate attraverso la Serbia e nelle enclavi serbe in Bosnia ed Erzegovina, segnando la sconfitta della Germania nazista nella seconda guerra mondiale.

La Serbia ha organizzato sorvoli militari su aerei e funzionari hanno deposto corone di fiori come parte delle celebrazioni.

Un ministro del gabinetto serbo e l’ambasciatore russo in Serbia si sono uniti a dozzine di persone alla manifestazione sostenuta da Mosca a Belgrado, un evento annuale che rispecchia l’evento tenutosi in Russia per onorare le vittime della seconda guerra mondiale.

Alcuni manifestanti hanno portato le statue di cartone del presidente russo Vladimir Putin e i segni della lettera “Z”, a simboleggiare il sostegno all’invasione russa dell’Ucraina.

Un uomo tiene in mano un cartone ritagliato di Vladimir Putin
I manifestanti in Serbia hanno eseguito estratti del presidente russo Vladimir Putin nel giorno della vittoria.(AFP: Darko Vojnovic)

Il ministro serbo Nenad Popovic ha affermato che il suo paese e la Russia “sono sempre stati dalla parte giusta della storia”, quando si è unito alla manifestazione.

La Serbia ha aderito alla condanna delle Nazioni Unite per l’invasione russa dell’Ucraina, ma ha rifiutato di imporre sanzioni a Mosca, nonostante la sua richiesta formale di aderire all’Unione Europea.

Una donna anziana e un uomo partecipano a una manifestazione e l'uomo tiene una foto del suo parente defunto.
Le persone tengono i ritratti dei parenti uccisi nella seconda guerra mondiale, durante la celebrazione del Giorno della Vittoria a Belgrado.(AFP: Darko Vojnovic)

Durante una parata militare a Mosca, il presidente russo Vladimir Putin ha tracciato parallelismi tra la lotta dell’Armata Rossa contro le forze naziste e le azioni della Russia in Ucraina.

A Banja Luka, in Bosnia ed Erzegovina, alti funzionari e l’ambasciatore russo hanno partecipato alla manifestazione che includeva striscioni che sostenevano apertamente l’invasione russa e quella che hanno descritto come la “guerra contro il nazismo in Ucraina e nel mondo”.

Le accuse di nazismo in Ucraina sono state ripetute dal presidente russo Vladimir Putin, ma sono ancora infondate.

L’ambasciata ucraina a Belgrado ha criticato la Serbia in una dichiarazione, affermando che i funzionari dell’ambasciata hanno celebrato domenica il Giorno della Vittoria – e senza la presenza di funzionari serbi.

pubblicato E aggiornato

READ  La mossa "infantile" dell'insegnante con la bandiera della classe provoca indignazione