Luglio 4, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I russi australiani stanno guardando le notizie da Mosca, ma non tutti si innamorano della propaganda di Putin

Nei mesi successivi all’invasione russa dell’Ucraina, Svetlana è diventata sempre più preoccupata per le abitudini di visione della TV dei suoi genitori.

I genitori del 23enne vivono nell’Australia rurale e si affidano esclusivamente alla TV russa, che trasmettono tramite Chromecast, per le loro notizie.

Svetlana parla correntemente il russo e ha recentemente visitato i suoi genitori, dove è stata bombardata da una visione completamente diversa della guerra in Ucraina su NTV con sede a Mosca rispetto a quella rappresentata dai media australiani e occidentali.

“Era come guardare le clip che molti media ritraevano di luoghi come la Corea del Nord. È stato molto patriottico”, ha detto.

“Ho trovato la TV russa molto fastidiosa.”

La gente del posto va in bicicletta davanti alle auto civili che sono state rase al suolo a Bucha
Alcuni media russi affermano che i filmati e le foto di Bucha erano “falsi”. (Reuters: Oleksandr Ratochniak)

Alcuni australiani russi, che condividono le preoccupazioni per la narrazione trasmessa dai media statali russi – che descrive la guerra come una “operazione militare speciale” – hanno detto alla ABC che alcuni canali hanno rappresentato immagini reali del conflitto, ma con un contesto fuorviante, suggerendo che l’Ucraina fosse la aggressore.

Svetlana – che ha chiesto che fosse menzionato solo il suo nome di battesimo – ha detto che sua madre credeva che la guerra fosse necessaria, anche se si sentiva per coloro che stavano soffrendo.

Poiché vuole mantenere una relazione sana con i suoi genitori, Svetlana evita il tema della politica. La rattrista che i suoi genitori abbiano una sola fonte di notizie.

Questa era anche una preoccupazione di molti nella comunità ucraina in Australia.

Una donna corta dai capelli bianchi indossa l'attrezzatura paralimpica a Pechino 2008.
Irina Dvoskina, l’allenatore capo della squadra paralimpica ucraina, è preoccupata per i messaggi ascoltati dai russi australiani. (In dotazione: Irina Dvoskina)

Irina Dvoskina, allenatore della nazionale ucraina per disabili, si è detta arrabbiata per la trasmissione del telegiornale russo in Australia.

I suoi genitori guardavano la TV russa, perché il suo defunto padre non parlava inglese e spesso lo chiudeva.

“E’ stato colpito al 100% dalla propaganda nel 2014”, ha detto quando la Russia ha annesso la Crimea.

Ha detto di essere particolarmente preoccupata per il fatto che i russi anziani che non sapevano l’inglese dipendessero eccessivamente dalle notizie in russo e non ricevessero un quadro completo di ciò che stava accadendo in Ucraina.

Un uomo calvo sorride con una camicia nera.
Il dottor Michael Barron si rifiuta di guardare la TV russa.(In dotazione: Michael Barron)

Questa paura è stata condivisa da Michael Baron, un consulente IT russo arrivato in Australia nel 1991.

Ha detto di “vergognarsi” dell’opinione promossa da Mosca e si è chiesto perché le trasmissioni televisive satellitari russe continuassero all’interno dell’Australia.

“Mostrano Putin in una luce positiva e in un modo molto lavaggio del cervello”, ha detto.

“Avvelena la mente delle persone”.

Si muove per bloccare i media statali russi

Dopo l’invasione russa dell’Ucraina, ci sono state mosse per bloccare potenziali vie di propaganda russa.

YouTube ha bandito alcuni canali collegati ai media statali russi, tra cui Russia Today (RT) e l’agenzia di stampa Sputnik, citando una politica sui contenuti che riduce al minimo o minimizza gli episodi di violenza ben documentati.

Foto di una donna che tiene le coperte con ferite sul viso
La foto di Marianna Vishgerskaya è stata diffusa in tutto il mondo, ma i funzionari russi hanno affermato che stava recitando e che le foto erano false.(AFP: Mstislav Chernov/File)

SBS ha sospeso i telegiornali da Russia Today (RT) e NTV Mosca il 25 febbraio, “in risposta ai commenti della comunità della comunità australiana di lingua russa”.

L’operatore satellitare Foxtel ha anche bandito la stazione RT sostenuta dal Cremlino il giorno successivo.

Tuttavia, un piccolo numero di russofoni ha ancora accesso ai canali di notizie russe sui propri schermi TV, online o tramite società di abbonamento satellitare, tra cui Connect TV e SatPro.

Connect TV – che non trasmette RT – ha affermato di trasmettere altri canali in lingua russa e ucraini “per fornire una copertura molto equilibrata di tutte le parti in conflitto”.

“Noi… di Connect TV, insieme al resto del mondo civile, siamo profondamente preoccupati per la situazione in Ucraina e, sebbene potremmo non condividere la narrativa trasmessa da alcune emittenti russe, stiamo cercando di preservare la libertà di espressione in quanto ci avviciniamo “, ha detto il portavoce. Via e-mail.

“Le nostre preghiere sono con l’Ucraina”, hanno aggiunto.

SatPro, powered by air RT, è stato contattato per un commento.

Una persona passa attraverso il logo verde della Giornata della Russia.
Le trasmissioni RT, precedentemente note come Russia Today, sono state sospese da SBS poco dopo l’invasione dell’Ucraina.(Reuters: Gonzalo Fuentes)

Il segretario alle comunicazioni Paul Fletcher ha accolto con favore la decisione di SBS e Foxtel di bloccare i canali.

“Date le attuali azioni del governo russo e la mancanza di media russi veramente indipendenti, questa è stata descritta come una decisione responsabile”, ha detto un portavoce del governo russo.

“Il ministro ha anche scritto alle grandi aziende online e ha chiesto loro di adottare misure simili qui come in Europa e negli Stati Uniti, alla luce delle circostanze eccezionali che si verificano in Ucraina e nell’interesse di proteggere la sovranità e l’integrità territoriale”.

Nel frattempo, l’ambasciata russa in Australia ha affermato di non essere “ufficialmente a conoscenza di questa” mossa del ministro”, ma se, ancora una volta, si trattava di negare agli australiani il diritto di accedere liberamente alle informazioni, è davvero un peccato, soprattutto in una lettera Proud liberal . Democrazia.”

READ  L'accordo AUKUS lascia la Russia "preoccupata" che l'Australia avrà sottomarini a propulsione nucleare