Maggio 13, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I ristoranti italiani stanno apparecchiando i tavoli all’aperto prima dell’allentamento delle restrizioni COVID-19

ROMA (Reuters) – Le restrizioni imposte a molte aziende, tra cui ristoranti, bar e cinema, saranno allentate in diverse regioni italiane a partire da lunedì, poiché il governo abroga lentamente le restrizioni sul coronavirus nelle regioni a basso contagio.

Il ministero della Salute ha affermato che 14 delle 20 regioni italiane, tra cui il Lazio, con sede a Roma, e la Lombardia, con sede a Milano, diventeranno aree gialle a medio rischio a partire dal 26 aprile, dopo settimane in cui sono state classificate come regioni arancioni e rosse ad alto rischio.

Ciò significa che i ristoranti e i bar di queste zone potranno riprendere il servizio al tavolo nelle aree esterne, poiché in precedenza era consentito solo servire il fast food, e alcuni hanno iniziato ad apparecchiare e preparare il cibo in previsione del cambiamento.

Anche cinema, teatri e sale da concerto riapriranno da lunedì nelle Zone Gialle, anche se con rigide restrizioni di partecipazione. È chiuso dallo scorso ottobre.

“Per me il lunedì è il primo giorno di scuola”, ha detto lo chef Marco Martini, che ha chiamato il suo ristorante a Roma.

L’Italia, che ha registrato il secondo maggior numero di morti per il virus Corona in Europa, ha reimpostato le severe restrizioni nazionali lo scorso autunno, quando una seconda ondata ha colpito il paese.

Ha quindi adottato un sistema a quattro livelli, codificato a colori in base ai livelli di infezione locale, ma nelle ultime sei settimane ha spostato l’intera nazione in aree rosse o arancioni per alleviare la pressione sugli ospedali e consentire un’accelerazione della campagna di vaccinazione.

I ristoranti italiani hanno perso circa 37,7 miliardi di euro (45,5 miliardi di dollari) a causa della crisi del coronavirus nel 2020, secondo la lobby di settore FIPE, circa il 40% delle loro entrate annuali.

READ  Dorothy Bracolino 1926-2021 | Notizie, sport, lavoro

La decisione del governo di mantenere il coprifuoco notturno alle 22:00 (GMT 2000) nonostante le richieste dei partiti della coalizione e dei governatori distrettuali di ritardarlo fino alle 23, fece arrabbiare alcuni ristoranti, che speravano di riaprire completamente.

Le persone cenavano tra le 20:30 e le 21:30 in Italia e il mantenimento del coprifuoco anticipato avrebbe dovuto scoraggiare i commensali.

“Francamente, avrei prolungato almeno un po ‘il coprifuoco … Non tutti sono disposti a cambiare abitudini”, ha detto Martini.

($ 1 = € 0,8293)

(Preparato da Antonio Dente e Angelo Amanti, a cura di Crispin Palmer e Mike Colette White)