Maggio 17, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I ristoranti del North End affermano che faranno causa a Wu, Boston, se c’è una tassa per cenare all’aperto

Un gruppo di ristoratori del North End ha dichiarato venerdì che intendono citare in giudizio la città di Boston e il sindaco Michelle Wu se ci sono tariffe esorbitanti per offrire cabine da pranzo all’aperto, tariffe non addebitate in altri quartieri della città. La città ha annunciato all’inizio di questo mese che i ristoranti del North End dovranno pagare $ 7.500 per cenare all’aperto. Da quando è stata annunciata la quota, i ristoratori di quartiere si sono uniti per opporsi al trasferimento. Abbiamo assunto un avvocato e siamo pronti a combattere il sindaco. Come ho detto due giorni fa, ha detto Jorge Mendoza, titolare della Vinoteca de Monica, faresti meglio a rimboccarti le maniche perché siamo pronti. Le “commissioni illecite” discriminano gli imprenditori italiani. “Emetteremo un’ingiunzione e citeremo in giudizio la città di Boston per il trattamento iniquo delle nostre aziende italiane qui nel North End”, ha detto Mendoza. “Quindi questa sarà probabilmente un’azione legale collettiva contro (Wu) direttamente e ci saremo molti perché crediamo che i nostri dipendenti abbiano il diritto di citare in giudizio anche loro per perdita di reddito”. Inizia nel quartiere il 1 maggio, un mese dopo rispetto ad altri quartieri di Boston e termina il 5 settembre, ma tale data potrebbe essere posticipata al 30 settembre, in attesa della conformità, ha affermato l’ufficio di Wu la scorsa settimana. Per discutere le tasse, ma è stato annullato, e in una lettera inviata ai ristoratori del North End venerdì scorso, l’ufficio del sindaco ha affermato che era pronto a cancellare i pasti all’aperto nel quartiere. “Se una massa critica di ristoratori ritiene che questo programma non sia pratico come suggerito, sono pronto a cancellare i pasti all’aperto nel North End prima dell’inizio di questa stagione”, ha detto Wu nella sua lettera ai ristoratori. Leggi una lettera del sindaco di Boston ai proprietari di ristoranti del North End “È di gran lunga la più grande concentrazione di ristoranti, licenze di alcolici, traffico pedonale e tutto ciò che ne deriva, ovunque nello stato”, ha detto Wu venerdì in un evento non correlato. I membri della comunità e i funzionari eletti locali consiglieranno su come spendere i soldi per mitigare l’impatto del programma sui residenti del quartiere”, ha detto l’ufficio di Wu la scorsa settimana quando sono state annunciate le tasse. Fai un passo indietro e fai un po’ di ricerca interiore e renditi conto che quello che stai facendo è ingiusto e parziale. Lei è responsabile. La palla è nel suo campo. Se tutto va bene, prenderai la decisione giusta e la tratterai come se avesse a che fare con il resto, e Mendoza ha detto che oltre alla tariffa, la città ha affermato che lo spazio del cortile che ha ospitato più di 130 posti auto per i residenti scomparirà. Parte di Hanover Street diventerà anche a senso unico, tra Cross e Richmond Street durante il periodo dei pasti all’aperto, e tutti i ristoranti di Boston, compresi quelli nel North End, potranno iniziare a fare ordini in città per partecipare al programma dei pasti all’aperto .per quest’anno. Coloro che hanno partecipato l’anno scorso dovranno presentare nuovamente domanda, poiché il programma è iniziato in risposta alla pandemia di COVID-19 e alla necessità di spostare più attività all’estero. Nel 2021, il programma è durato dall’inizio della primavera alla fine dell’anno e le modifiche al programma di questa stagione includono aggiornamenti ai requisiti di sicurezza delle barriere, linee guida sulla sicurezza antincendio e requisiti assicurativi. I ristoranti all’aperto dovranno avere un piano di evacuazione ed essere soggetti ai nuovi orari di chiusura, ma i ristoratori hanno affermato di aver già pagato gran parte del conto delle pulizie e stanno contribuendo maggiormente alla tassa sui pasti della città. Dicono che questo sia un estratto critico discriminatorio.

READ  Il governo italiano approva misure per rilanciare il turismo ora

Un gruppo di ristoratori del North End ha dichiarato venerdì che intendono citare in giudizio la città di Boston e il sindaco Michelle Wu se ci sono tariffe esorbitanti per offrire cabine da pranzo all’aperto, tariffe non addebitate in altri quartieri della città.

La città ha annunciato all’inizio di questo mese che i ristoranti del North End dovranno pagare $ 7.500 per cenare all’aperto. Da quando è stata annunciata la quota, i ristoratori di quartiere si sono uniti per opporsi al trasferimento.

Abbiamo assunto un avvocato e siamo pronti a combattere il sindaco. Come ho detto un paio di giorni fa, è meglio rimboccarsi le maniche perché siamo pronti”, ha detto il titolare della Vinoteca de Monica, Jorge Mendoza.

Alcuni ristoratori hanno dichiarato di essere disposti a rimanere chiusi in estate in cambio del pagamento di quella che chiamano una “tariffa illegale” che discrimina gli imprenditori italiani.

“Emetteremo un’ingiunzione e citeremo in giudizio la città di Boston per il trattamento iniquo delle nostre aziende italiane qui nel North End”, ha detto Mendoza. “Quindi questa sarà probabilmente un’azione legale collettiva contro (Wu) direttamente e ci saremo molti perché crediamo che i nostri dipendenti abbiano il diritto di citare in giudizio anche loro per perdita di reddito”.

I pasti all’aperto del quartiere inizieranno il 1 maggio, un mese dopo rispetto ad altri quartieri di Boston e finiranno il 5 settembre, ma tale data potrebbe essere posticipata al 30 settembre, in attesa di conformità, ha detto l’ufficio di Wu la scorsa settimana.

L’ufficio di Wu ha programmato una conferenza stampa venerdì pomeriggio per discutere le tariffe, ma è stata annullata.

READ  Apollo Impact acquisisce ca. 67% di partecipazione in RDM Group,

In una lettera inviata ai ristoratori del North End venerdì scorso, l’ufficio del sindaco ha affermato di essere pronto a cancellare i pasti all’aperto nel quartiere.

“Se una massa critica di ristoratori ritiene che questo programma non sia pratico come suggerito, sono pronto a cancellare i pasti all’aperto nel North End prima dell’inizio di questa stagione”, ha detto Wu nella sua lettera ai ristoratori.

Leggi una lettera del sindaco di Boston ai ristoratori del North End

“È di gran lunga il più grande pool di licenze per alcolici e licenze pedonali e tutto ciò che ne deriva, ovunque nello stato”, ha detto Wu venerdì in un evento non correlato.

“Un gruppo di membri della comunità e funzionari eletti locali consiglierà su come spendere questi fondi per mitigare l’impatto del programma sui residenti del quartiere”, ha detto l’ufficio di Wu la scorsa settimana quando sono state annunciate le tasse.

“Lei (Wu) ora ha avuto la possibilità di tornare indietro e fare un po’ di ricerca interiore e rendersi conto che quello che sta facendo è ingiusto e parziale. È responsabile. La palla è nel suo campo. Si spera che prenda la decisione giusta e lo tratti come se avesse a che fare con il resto della città”, ha detto Mendoza.

Oltre alle tasse, il comune ha affermato che lo spazio del cortile che ha ospitato più di 130 posti auto scomparirà. Anche parte di Hanover Street diventerà a senso unico, tra Cross e Richmond Street durante il periodo dei pasti all’aperto.

Tutti i ristoranti di Boston, compresi quelli del North End, possono iniziare a inviare ordini alla città per il programma di ristorazione all’aperto di quest’anno. Coloro che hanno partecipato l’anno scorso dovranno presentare nuovamente domanda.

READ  Il testardo Orcel dovrà contare sulle capacità diplomatiche di UniCredit

Il programma è stato avviato in risposta alla pandemia di COVID-19 e alla necessità di spostare più attività all’estero. Nel 2021 è durato dall’inizio della primavera fino alla fine dell’anno.

Modifiche al programma Questa stagione include aggiornamenti ai requisiti di sicurezza delle barriere, alle linee guida sulla sicurezza antincendio e ai requisiti assicurativi. I ristoranti all’aperto dovranno avere un piano di evacuazione e sono soggetti ai nuovi orari di chiusura.

Ma i ristoratori hanno detto che stanno già pagando gran parte del conto delle pulizie e contribuiscono maggiormente alla tassa comunale sui pasti. Dicono che questo sia un estratto critico discriminatorio.