Luglio 28, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I ricercatori affermano che il riscaldamento globale sta trasformando il bacino amazzonico in un produttore di anidride carbonica anziché assorbirla

I cambiamenti climatici e la deforestazione hanno capovolto fasce del bacino amazzonico dall’assorbimento al riscaldamento globale delle emissioni di anidride carbonica, un cambiamento che potrebbe trasformare il più grande alleato naturale dell’umanità nella lotta contro il riscaldamento globale in un nemico, hanno riferito i ricercatori mercoledì.

Centinaia di campioni di aria d’alta quota raccolti nell’ultimo decennio hanno dimostrato che l’Amazzonia sudorientale, in particolare, è passata da un “pozzo” a una fonte di anidride carbonica, un importante gas serra, riportano sulla rivista Nature.

Gli ecosistemi terrestri di tutto il mondo sono fondamentali poiché il mondo lotta per ridurre le emissioni di anidride carbonica, che hanno superato i 40 miliardi di tonnellate nel 2019.

Nell’ultimo mezzo secolo, le piante e il suolo hanno costantemente assorbito più di un quarto di quelle emissioni, anche se l’inquinamento da anidride carbonica è aumentato del 50%.

Il bacino amazzonico contiene circa la metà delle foreste pluviali tropicali del mondo e sono più efficienti nell’assorbire e immagazzinare carbonio rispetto ad altre piante.

Vista aerea di una patch di foresta pluviale cancellata.
Un grande pezzo di terra sgomberato dalla foresta amazzonica.(

Reuters: Osley Marcelino/foto d’archivio

)

Se l’Amazzonia – con i suoi 450 miliardi di tonnellate di anidride carbonica intrappolati negli alberi e nel suolo – diventa una fonte costante piuttosto che un “pozzo” di anidride carbonica, affrontare la crisi climatica sarà notevolmente più difficile.

Secondo lo studio, diversi fattori hanno portato allo spostamento nell’Amazzonia orientale.

Dal 1970, le foreste tropicali della regione sono diminuite del 17%, principalmente per ospitare pascoli per il bestiame e le colture che li alimentano.

Le foreste vengono generalmente distrutte dal fuoco, rilasciando enormi quantità di anidride carbonica e riducendo il numero di alberi disponibili per assorbirla.

Anche il cambiamento climatico stesso è un fattore importante.

Le temperature della stagione secca sono aumentate di circa tre gradi Celsius rispetto ai livelli preindustriali, tre volte la media globale durante tutto l’anno.

Il punto di svolta

Presi insieme, questi driver “mettono in dubbio la capacità delle foreste tropicali di sequestrare quantità significative di anidride carbonica derivata da combustibili fossili in futuro”, ha osservato Scott Denning, scienziato dell’atmosfera presso la Colorado State University, in un commento, sempre su Nature .

Un ceppo bruciato in primo piano e una foresta in fiamme dietro dopo che i contadini hanno usato il fuoco per rimuoverlo.
Vaste aree della foresta pluviale amazzonica sono state distrutte dal fuoco, rilasciando enormi quantità di anidride carbonica.(

Reuters: Ricardo Moraes/foto d’archivio

)

La misura in cui il bacino amazzonico sta perdendo la capacità di assorbire l’anidride carbonica è stata a lungo una domanda scottante, ma i dati satellitari, in parte a causa della persistente copertura nuvolosa, non sono stati in grado di fornire una risposta completa.

Per aggirare questo problema, i ricercatori guidati da Luciana Gatti dell’Istituto nazionale per la ricerca spaziale di São Jose dos Campos in Brasile hanno utilizzato aerei per raccogliere quasi 600 campioni di anidride carbonica e monossido di carbonio, dal 2010 al 2018, ad altitudini fino a 4,5 chilometri sul livello del mare. sottobosco.

Hanno scoperto che l’Amazzonia nordoccidentale era in equilibrio di carbonio, assorbendo tanta anidride carbonica nell’atmosfera quanta ne emette.

Ma l’Amazzonia orientale, in particolare durante la stagione secca, emetteva molto più di quanto assorbisse.

Un altro studio recente, utilizzando una metodologia diversa, ha scoperto che l’Amazzonia brasiliana ha rilasciato circa il 20% in più di anidride carbonica nell’ultimo decennio rispetto a quanto assorbito dal 2010 al 2019.

Recenti ricerche hanno dimostrato che il riscaldamento globale può portare le foreste pluviali del continente a uno stato più secco rispetto alla savana.

Ciò avrà conseguenze disastrose sia per la regione, che attualmente ospita una grande proporzione della biodiversità mondiale, sia a livello globale.

La foresta pluviale amazzonica è una delle decine di cosiddetti “punti di non ritorno” nel sistema climatico.

Agenzia di stampa Francia

READ  Il segretario alla Difesa degli Stati Uniti invita la Cina alla prima visita nel sud-est asiatico