Luglio 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I residenti di Barcellona spruzzano acqua sui visitatori per protestare contro il turismo

I residenti di Barcellona spruzzano acqua sui visitatori per protestare contro il turismo

I residenti locali armati di pistole ad acqua hanno costretto i visitatori di Barcellona a lasciare i ristoranti, mentre migliaia di persone sono scese in strada per protestare contro il turismo eccessivo in città.

La famosa corsa dei tori in Spagna è iniziata a Pamplona. Sono stati lanciati fuochi d’artificio per celebrare l’inizio dei nove giorni di celebrazioni, mentre migliaia di persone si sono radunate presso il municipio per partecipare all’inaugurazione. Migliaia di persone hanno poi corso per oltre 80 metri mentre sei pesanti tori inseguivano i corridori per le strette strade della città. Molti corridori cercavano di avvicinarsi il più possibile agli animali mentre correvano.

Ciò avviene in un momento in cui le autorità della città europea intendono aumentare le tariffe turistiche giornaliere per la seconda volta quest’anno.

Circa 2.800 manifestanti sono scesi in piazza, scandendo slogan anti-turismo e portando striscioni che dicevano: “Turisti, tornate a casa”, “Barcellona non è in vendita” e “La mia città non è il vostro parco a tema”.

I filmati girati durante il fine settimana e pubblicati dalla BBC mostravano turisti storditi costretti a lasciare i tavoli all’aperto nei ristoranti mentre i manifestanti sparavano contro di loro con pistole ad acqua.

Il video mostra i vacanzieri che fanno le valigie e si affrettano ad andarsene, con espressioni perplesse sui volti, mentre la gente del posto arrabbiata continua a marciare e a cantare per le strade.

La gente del posto infuriata ha sparato ai turisti con pistole ad acqua durante il fine settimana. Immagine: BBC.

Ciò fa seguito all’annuncio che le tariffe turistiche giornaliere verranno nuovamente aumentate a partire da ottobre, dopo averle aumentate da 2,75 € (4,40 A $) a 3,25 € (5,25 A $) in aprile.

READ  La Russia avverte l’Europa: se ci sottrarranno le nostre risorse, avremo una risposta dolorosa

I turisti dovranno pagare una tariffa fissa di 4 euro (6,45 A$) per ogni notte trascorsa in città, per un massimo di sette notti.

I privati ​​sono inoltre tenuti a pagare un’imposta aggiuntiva denominata tassa regionale di soggiorno, che dipende dal tipo di alloggio in cui soggiornano i turisti.

Un hotel di lusso costerà 3,50 € (5,60 AU $) a notte, mentre un Airbnb costerà solo 2,25 € (3,60 AU $).

I commensali, stupiti, raccolsero i bagagli e lasciarono velocemente il posto. Immagine: BBC.

Ciò significa che i turisti dovranno pagare un totale di 52,50 euro (84,45 dollari australiani) per un soggiorno di una settimana in un hotel a cinque stelle.

Questo cambiamento è arrivato dopo un voto del consiglio comunale volto ad aumentare il “turismo di qualità”.

Più di 12 milioni di persone hanno visitato la città spagnola solo nel 2023, con un aumento del 7% rispetto ai quattro anni precedenti.

Attualmente, ogni anno vengono riscossi circa 95 milioni di euro di tasse.

Caricamento incorporamento…

Tuttavia, Catalogna News riferisce che circa 142 milioni di euro (229 milioni di dollari australiani) vengono spesi per spese turistiche quali pulizia, sicurezza e trasporti aggiuntivi.

All’inizio di quest’anno, le autorità di Venezia hanno deciso di imporre un biglietto d’ingresso in preparazione all’afflusso di visitatori durante l’alta stagione da aprile a luglio.

Dalle 8:30 alle 16:00 nei fine settimana fino al 14 luglio si applica un supplemento di 5 € (8 $ AUD) solo per coloro che effettuano gite di un giorno e non per i visitatori che soggiornano in città.