Settembre 24, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I registi afgani a Venezia temono la perdita di identità e cultura

I registi afgani a Venezia temono la perdita di identità e cultura

Venezia: le registe afgane sfuggite ai talebani hanno lanciato un appello al mondo affinché non dimentichi il popolo afghano e sostenga i suoi artisti, avvertendo sabato (4 settembre) che un paese senza cultura alla fine perderà la sua identità.

La Mostra del Cinema di Venezia ha organizzato sabato una tavola rotonda per dare una piattaforma a Sahra Karimi, la prima donna presidente dell’Afghan Film Foundation, e alla documentarista Sahra Mani, che ha presentato un progetto alla fiera del mercato del cinema di Venezia.

Karimi soffoca mentre racconta ai giornalisti della sua fuga – aveva solo poche ore per decidere se restare o andarsene – e tutto ciò che ha perso dopo che i talebani hanno completato il controllo del paese.

Citando diversi film che erano in pre e post-produzione, workshop di regia organizzati, polizze assicurative per le attrezzature negoziate e ha affermato che i registi afgani sono sempre più benvenuti nei festival cinematografici internazionali. Karimi ha presentato un film alla Mostra del Cinema di Venezia nel 2019.

“Era il nostro sogno cambiare la narrativa dell’Afghanistan”, ha detto, “perché siamo stanchi di quelle frasi cliché sull’Afghanistan”. “Volevamo produrre film e film e raccontare le nostre storie da diverse angolazioni e da diversi punti di vista per mostrare la bellezza del nostro Paese”.

Ma ha detto che tutto ciò è perduto, che la fiorente comunità cinematografica del paese è fuggita o si è nascosta e i suoi archivi sono ora sotto il controllo dei talebani.

“Immagina un paese senza artisti, un paese senza registi, come possono difendere la sua identità?” chiese Karim. Potremmo non essere ambasciatori politici, ma siamo ambasciatori delle nostre storie, siamo ambasciatori della nostra identità.

READ  Vrona Arena enormi collezioni con video dinamico | divertimento

“Siamo quelle persone che rappresentano la nostra identità al mondo, attraverso i nostri film, attraverso la nostra musica, attraverso il nostro lavoro creativo. Ma ora siamo senzatetto”.

Ha detto di aver deciso di fuggire la mattina del 15 agosto, con solo poche ore rimaste per prendere “la decisione più difficile della sua vita: restare o andarsene”.

Ha detto che anche molti degli afgani più giovani e brillanti se ne sono andati, ma ha detto che migliaia di registi promettenti non sono riusciti a uscire e ora stanno cancellando la loro presenza sui social media per la loro sicurezza e stanno andando sottoterra.

Mani ha affermato che anche sotto il governo corrotto del governo afghano deposto, è sopravvissuta nonostante i rischi quotidiani per la sicurezza e i litigi quotidiani – blackout, blackout di Internet – perché voleva ricostruire il paese e riprendere la sua vita culturale.

“Siamo rimasti. Eravamo ottimisti”, ha detto. Ma con i talebani al controllo, “questo significa che non abbiamo nulla per cui combattere. Abbiamo perso tutto”.