Maggio 23, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I progressi dell’Italia nell’efficienza energetica sono una base per il raggiungimento di obiettivi energetici e climatici più ampi, secondo la nuova revisione della politica dell’AIE

I progressi dell’Italia nell’efficienza energetica sono una base per il raggiungimento di obiettivi energetici e climatici più ampi, secondo la nuova revisione della politica dell’AIE

L’Italia è sulla buona strada per raggiungere i suoi obiettivi nazionali di riduzione delle emissioni e di efficienza energetica per il 2030, secondo una nuova revisione politica approfondita dell’Agenzia internazionale per l’energia, che evidenzia che la riduzione della burocrazia per accelerare la diffusione delle energie rinnovabili dovrebbe essere una priorità in quanto l’Italia si prepara a raggiungere più obiettivi climatici, ambizioni per l’Unione europea e ridurre la dipendenza dalle forniture energetiche russe.

Dall’ultima revisione dell’AIE nel 2016, l’Italia ha aumentato le sue ambizioni climatiche sostenendo l’obiettivo generale dell’UE di raggiungere la neutralità climatica entro il 2050, come stabilito nell’Accordo verde europeo. Sebbene l’Italia abbia compiuto progressi in una serie di aree relative all’efficienza energetica e alla riduzione delle emissioni nell’ambito della sua strategia nazionale, dovrà compiere ulteriori sforzi per soddisfare il più ambizioso pacchetto “Fit for 55” dell’UE, che deve ancora essere concordato ma che sarà includere nuovi obiettivi per il 2030.

Nonostante le vaste risorse naturali adatte alle energie rinnovabili e una base industriale che potrebbe portare a una graduale eliminazione dei combustibili fossili, la diffusione in Italia di tecnologie energetiche pulite è rimasta relativamente lenta nell’ultimo decennio. La produzione di elettricità da fonti rinnovabili è più che raddoppiata tra il 2005 e il 2020, ma la maggior parte di tale crescita si è verificata in un periodo di cinque anni (2010-2014), alimentata da generosi incentivi per il solare fotovoltaico. Da allora, lunghe procedure di autorizzazione, alti costi amministrativi, disponibilità di terreni e opposizione locale hanno impedito nuove costruzioni. La revisione delle politiche dell’AIE indica che le riforme intraprese fino al 2022 e la prevista adozione di un nuovo quadro normativo stanno già affrontando questi colli di bottiglia.

READ  Un analista italiano afferma che TAP è un progetto strategicamente importante per l'Europa

“L’Italia ha fatto passi da gigante nell’efficienza energetica, contribuendo a migliorare la sua resilienza a shock come la crisi energetica globale e anche a portare avanti la sua strategia di riduzione delle emissioni”, ha affermato Faith Birol, direttore esecutivo dell’Agenzia internazionale per l’energia. “Accelerare la diffusione delle energie rinnovabili e di altre tecnologie pulite promuovendo al contempo l’efficienza energetica sarà essenziale per ottenere maggiori progressi nella sicurezza energetica e allo stesso tempo nella decarbonizzazione”.

Oggi l’Italia fa molto affidamento sul gas naturale per il riscaldamento e l’energia elettrica, con le importazioni che costituiscono la parte del leone della sua domanda. In risposta all’invasione russa dell’Ucraina, il governo italiano si è impegnato a eliminare gradualmente le importazioni di gas dalla Russia, la sua più grande singola risorsa, entro il 2025. Grazie agli investimenti realizzati nell’ultimo decennio per diversificare le rotte di approvvigionamento del gas, anche attraverso il Medio Oriente e il Nord. L’Africa e l’Italia sono riuscite ad allontanarsi rapidamente dalla Russia. Si tratta di un equilibrio delicato, poiché si prevede che la domanda italiana di gas rimarrà forte ed è probabile che aumenti ulteriormente nel breve termine con l’entrata in funzione di nuove centrali elettriche a gas.

L’impegno dell’Italia per migliorare l’efficienza energetica ha contribuito a ridurre la domanda di energia nel settore degli edifici. La riduzione del fabbisogno energetico degli edifici è il risultato di diverse misure politiche, in particolare il Super Bonus Scheme che offre agevolazioni fiscali sulle spese sostenute per migliorare l’efficienza energetica degli edifici. Sebbene il programma abbia avuto successo nel risparmiare energia, non tutti i gruppi socioeconomici hanno potuto beneficiarne nella stessa misura. Pertanto, il rapporto dell’AIE raccomanda all’Italia di prendere in considerazione l’attuazione di politiche e strumenti di efficienza energetica su misura per soddisfare i bisogni energetici dei gruppi più vulnerabili della popolazione.

READ  I New York Subs a O'Hara vendono qualità e quantità

La riduzione della povertà energetica è una delle principali preoccupazioni politiche in Italia e questa attenzione si è intensificata nell’attuale era di alti prezzi dell’energia. L’Italia sta attuando diverse misure politiche per migliorare l’accessibilità a tutti i livelli, ma c’è spazio per interventi più mirati. Parallelamente, è necessario aumentare la consapevolezza dei consumatori sulla relazione tra consumo energetico e costi e ciò può essere ottenuto attraverso una maggiore diffusione di contatori intelligenti e una maggiore attenzione alla flessibilità del sistema, due aree in cui l’Italia ha già compiuto progressi significativi.

“La leadership internazionale dell’Italia nell’ammodernamento del sistema energetico è encomiabile”, ha affermato il dott. Birol. “Spero che questo rapporto fornisca alcuni spunti preziosi su come l’Italia possa basarsi sui suoi attuali successi e realizzare una transizione energetica sostenibile, sicura e conveniente. Non vedo l’ora di lavorare a stretto contatto con l’Italia sotto la sua presidenza del G7 nel 2024 per sostenere queste priorità nell’ambito del comunità internazionale.”