Febbraio 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

I progettisti guardano alla natura e alle discariche per nuovi materiali decorativi

Sospensione

A prima vista, le applique e i lampadari di Nina Edwards Anker sembrano vecchi rotoli di pergamena o fogli di caramello al burro avvolti attorno a lampadine a LED.

Avvicinati, o chiedi al designer/architetto di New York, e scoprirai che in realtà è fatto di muschio.

Ha avuto l’idea mentre lavorava a un progetto di ricerca di dottorato in Materiali e illuminazione presso la Scuola di architettura e design di Oslo, e ora ha creato una gamma di applique, lampade e persino un lampadario chiamato “Chlorophyta”.

Anker ha scelto di non nascondere le alghe essiccate: le sue sfumature contengono tutte le imperfezioni del suo stato naturale e le sfumature trasparenti e color miele.

“Fin dall’inizio, abbiamo voluto preservare l’integrità del materiale e mostrare le sue proprietà uniche”, afferma Anker.

È una dei tanti designer che vanno oltre i materiali tradizionali, per trovare il modo di mimetizzarsi Progettare con metodi di approvvigionamento e produzione sostenibili.

Anker e il suo team di NEA Studios stanno sperimentando anche altri materiali naturali.

“Per l’illuminazione, siamo interessati ad alghe rosse/arancioni, piume di provenienza sostenibile, gusci di granchio a ferro di cavallo e conchiglie frantumate, nonché gomma ricavata da residui di mais”, afferma. “Per i mobili, ci sono materiali organici come lenticchie, grano saraceno e altri riempitivi per mobili imbottiti, oltre a rattan naturale, sughero e bambù”.

Grandi passi sono stati fatti nella conversione di bottiglie di plastica riciclate, legno e fibre vegetali in materiali utilizzabili nell’industria della casa e della moda, in particolare: Cercando di affrontare gli impatti ambientali negativi Dalla produzione di cotone, inquinamento da plastica e altro ancora.

Heimtextil, una vetrina delle novità nel settore dei modelli e dello sviluppo tessile globale, ha aperto questa settimana a Francoforte, in Germania, con un focus sul riciclaggio dei materiali per creare nuovi prodotti in un modo più rispettoso dell’ambiente.

READ  Wine, Walk and Hop: un nuovo programma pilota consente alle persone in una manifestazione di bere per le strade del centro

“Vedremo aziende dimostrare come materiali inorganici come nylon, plastica e metallo possono essere riutilizzati, ad esempio quadrotte di moquette che possono essere smontate alla fine del loro ciclo di vita e utilizzate come materia prima per nuove piastrelle”, afferma Olaf Schmidt, vice presidente di Heimtextil Textiles and Textile Technology.

Altri riciclano materiali organici come il lino e la rafia.

“Ci sono le alghe, che vengono utilizzate per produrre materassini e pannelli acustici che forniscono un ottimo isolamento, sono ignifughi e regolano bene l’umidità”, afferma Schmitt. “Alla fine della loro vita, i pannelli possono essere triturati e riutilizzati”.

Alla fiera della scorsa estate, i materiali innovativi includevano il sughero e le fibre delle bottiglie di plastica riciclata (PET).

“Il sughero è traspirante, ipoallergenico, antibatterico, isolante e resistente”, afferma Schmidt, aggiungendo che può essere raccolto in modo più sostenibile rispetto a molti altri materiali.

I prodotti per la decorazione della casa in sughero includono vassoi, tavoli, pannelli a parete e illuminazione. Ad esempio, puoi acquistare rotoli di carta di sughero portoghese goffrata su Etsy.com.

Il sughero viene anche frantumato e applicato ai tessuti per creare una morbida pelle vegana che alcuni designer usano per rivestire sedie e divani, mentre altri lo trasformano in giacche, pantaloni, cappelli, borse e ombrelli. Svala, ad esempio, realizza borsette, borse e pochette in tessuto a base di sughero.

“La tendenza più importante è la sostenibilità”, afferma l’analista del settore della moda Veronica Lebar. L’industria sta cercando di ridurre il suo impatto sull’ambiente Non è più il più grande inquinatore. “

Patagonia, North Face e Timberland sono tra le aziende che ora utilizzano materiali naturali da fonti rinnovabili.

READ  Saipem lancia una call da 2 miliardi di euro e vende asset in bailout

Le bottiglie in PET riciclate menzionate da Schmidt vengono trasformate in un filato a rete chiamato Hydroknit dal calzolaio canadese Native Shoes, e in scarpe e stivali leggeri che l’azienda chiama “giacche per i tuoi piedi”.

Il marchio italiano Kampos offre costumi da bagno e abbigliamento antipioggia realizzati con filato di filamenti di bottiglie in PET morbido e ad asciugatura rapida.

Il filato stesso viene venduto a gomitoli da Unique Yarns su Etsy. Leggero, elastico e resistente, può essere lavorato a maglia, all’uncinetto e intrecciato in oggetti come borse o arte tessile.

L’azienda italiana Frumat ha sviluppato la pelle vegetale derivata dagli scarti dei produttori di sidro.

Due innovatori messicani, Adrian Lopez Velarde e Marte Cazarez, hanno creato una pelle che chiamano “Desserto” utilizzando foglie di aloe vera Nopal. I cactus sono interessanti per gli sviluppatori di nuovi materiali perché tollerano la siccità, il caldo e il suolo povero.

Pinatex aiuta a sostenere le comunità agricole nelle Filippine utilizzando gli scarti del raccolto di ananas per creare materiali che vengono venduti ai produttori di scarpe, accessori, abbigliamento e arredamento.

Bolt Thread, con sede in California, ha creato Mylo, una pelle a base di micelio utilizzata da marchi come Adidas e Lululemon. E Stella McCartney.

Infine, alcuni dei rivestimenti in vetro usati nelle case hanno preso vita su un’auto. Le aziende rompono i parabrezza scartati, quindi cuociono la pastella. L’argilla frantumata diventa una sostanza forte e lucente chiamata vetro sinterizzato.

“Il vetro sinterizzato è ora una delle nostre quattro principali linee di piastrelle. C’è un’incredibile gamma di colori e una durata ad alte prestazioni “, afferma Ted Acworth, fondatore del produttore di piastrelle a mosaico Artaic con sede a Boston.

READ  La nuova Ferrari Porosango sarà la Porsche Cayenne italiana?

Annie Hall, una designer di Cambridge, nel Massachusetts, ha utilizzato una combinazione di piastrelle di vetro color clementina, cielo e blu uovo di pettirosso in un recente progetto di backsplash per la cucina.

“Spero sempre di trovare prodotti prodotti in modo sostenibile per i miei progetti di design, e sono stata contenta che il vetro sinterizzato sia proprio questo”, ha affermato.

La scrittrice di New York Kim Cook copre regolarmente argomenti di design e decorazione per l’AP. Seguila su Instagram a kimcookhome.

Per altre storie sugli stili di vita AP, vai a https://apnews.com/hub/lifestyle.